Amarcord: la Smart Brabus con un V6 biturbo e 840 Kg di peso

Amarcord: la Smart Brabus con un V6 biturbo e 840 Kg di peso
Pubblicità
C’è stato un periodo, nella storia di Smart, in cui oltre a piccole citycar venivano prodotte anche sportive compatte. Tra queste la Smart Coupé, vettura che ingolosì Brabus al punto da crearne una versione estrema: completamente rivista ed equipaggiata da un V6 biturbo, venne prodotta in soli 10 esemplari
11 gennaio 2022

Vent’anni fa, quando l’elettrico era solo un vezzo per pochi, Smart era nata da poco e si apprestava a conquistare i centri cittadini con utilitarie dalle dimensioni dimezzate rispetto ad una macchina normale. Semplicissime da parcheggiare, ben costruite e reattive alla guida, le Smart divennero in breve un fenomeno impossibile da ignorare. Ma se è vero che oggi tutte le vetture del marchio sono rigorosamente elettriche, è altrettanto vero che non sempre è stato così. Nel 2003 (e fino al 2005) Smart infatti presentò la Roadster, una due posti sportiva costruita con l’obiettivo di divertire senza troppi pensieri. Equipaggiata da un tre cilindri da 0,7 litri e 82 cavalli, puntava tutto sulla leggerezza e su di un design tipico delle sportive d’epoca.

Le vendite però non andarono come previsto e così, negli anni a seguire, Smart propose tutta una serie di versioni speciali (tra cui la Bluewave e la MTV-Roadster) fino ad arrivare all’atelier Brabus, tuner da sempre specializzato in vetture a marchio Mercedes. Il lavoro dei tecnici tedeschi non accettò compromessi, arrivando a costruire un’auto - la Smart Coupé Brabus - più unica che rara.

La Smart Brabus
La Smart Brabus

La Smart Coupé con un V6 biturbo

Il primo intervento fu sul motore: Brabus prese due propulsori standard e li combinò in un V6 da 1,4 litri biturbo da 220 cavalli per poi rimuovere la finestratura posteriore con l’obiettivo raffreddare meglio il motore. Al contempo, il bagagliaio anteriore venne sacrificato per far spazio al serbatoio di benzina, mentre il peso fu ridotto ad appena 840 chili. In questo modo la piccola Smart riusciva ad accelerare da zero a 100 Km/h in meno di cinque secondi, per poi superare di slancio i 230 Km/h di velocità massima. A completare il trattamento c’erano poi sospensioni e freni rivisti, cambio al volante e la verniciatura tassativamente rossa. Di produzione in serie non se ne parlò per nulla: la Smart Coupé Brabus venne costruita in soli 10 esemplari e venduta ad un prezzo vicino ai 300.000 euro.

Ultime da News

Da Moto.it

Hot now

Pubblicità
Caricamento commenti...