mostra aiuto
Accedi o registrati
Normative

Codice della Strada, questo sconosciuto

-

Nel Codice della Strada ci sono troppe norme, alcune delle quali ignote anche a chi dovrebbe conoscerle

Codice della Strada, questo sconosciuto

Lungo, complesso, complicato e per niente facile da memorizzare. Parlando del Codice della Strada, entrato in vigore nel 2010, ci sono troppe norme, alcune anche contraddittorie, ma in maggior parte sconosciute proprio a chi dovrebbe conoscerle. Si sperava nel varo del nuovo codice, con regole più semplici e facili da memorizzare, invece no. In Parlamento è slittato tutto fino a nuovo ordine e pertanto continueremo a barcamenarci con norme, regole e cavilli per la maggior parte sconosciute ai più. E di articoli ignorati ce ne sono parecchi. Ad esempio, in quanto conoscono il 143? A prima vista non dice niente ma è la norma che obbliga a tenere la destra, pertanto in autostrada tutte le auto che viaggiano a centro o in terza corsia sono perseguibili per legge e la norma prevede anche la perdita di 4 punti, solo che la polizia chiude un occhio o due e pertanto su questa infrazione commessa da tanti, in maniera involontaria o perché incapaci di controllare gli specchietti o perché è più comodo o, infine, perché si è imbranati, ci sono state pochissime sanzioni. Ovvero la norma c'è ma non viene perseguita e pertanto è come se non esistesse. Per giunta, in caso di incidente su strade extraurbane, il 143 prevede la sanzione anche per chi invece di tenere il margine destro della strada occupava un tratto di strada a ridosso della riga bianca centrale, quindi anche se innocente formalmente in caso di impatto, esiste una regola del codice che ti assegna una parte di colpa! Non parliamo poi dell'articolo 141, ovvero quello che prevede il controllo del mezzo al di là del rispetto delle norme. E' una regola astrusa che alcuni comuni utilizzano per non pagare i danni da buca.

Ad esempio, se cadi con la moto o la bicicletta in una buca, la regola non condanna in automatico il Comune per omessa manutenzione (articolo 2051 del codice civile), ma in pratica ti assegna la colpa: sei caduto quindi non eri in grado di controllare il mezzo e pertanto hai commesso una infrazione. Chiedere ai molti che coi comuni stanno ancora litigando coi propri legali, ma una sentenza della Cassazione purtroppo dà ragione agli enti: se la buca è conosciuta, e ci finisci dentro, colpa tua e non di chi ha omesso la riparazione... Sempre l'articolo 141 viene usato per altri scopi. Ad esempio, sei in città, rispetti il limite di 50 orari ma l'agente ritiene che per le condizioni del traffico (ad esempio nei pressi di una scuola) questa sia una velocità eccessiva, ebbene ti può multare. E lo stesso vale se esci di strada, gli accertamenti della polizia potrebbero evidenziare che non eri in grado di controllare il mezzo e pertanto hai violato l'articolo 141 e sei condannato lo stesso. E che dire dell'articolo 149? E' quello che dovrebbe chiarire cos’è la distanza di sicurezza. Ma si limita a sentenziare che è “lo spazio che deve garantire in ogni caso l’arresto tempestivo e consentire di evitare collisioni con i veicoli che precedono”. Quindi se tamponi hai torto in automatico perché non sei riuscito a evitare l'impatto (articolo 141 e 149 insieme) e becchi multa che in caso di feriti arriva fino a 1697 euro! Oltre a 3 punti in meno sulla patente. Però l’articolo specifica poi che, nelle strade extraurbane ove vige il divieto di sorpasso per alcune categorie di veicoli (leggi: Tir o autoarticolati), tali veicoli devono mantenere fra loro un minimo di 100 metri (alzi la mano l’autista di camion che sta a tale distanza...). Ma se la strada è a due o più corsie tale obbligo non esiste più.

Una norma analoga, come concorso di colpa, viene applicata in alcuni casi se passi l'incrocio col verde e vieni centrato da un veicolo che non ha rispettato il rosso. Ovvero il giudice stabilisce che non hai messo in atto tutti gli accorgimenti, pur passando col verde, per farlo nella massima sicurezza e quindi c'è un concorso di colpa che va dal 20 al 40 per cento di responsabilità. Leggere alcune sentenze della Cassazione in merito. E parlando di semaforo rosso, l'articolo che regola l'infrazione è il 146 ma in pochi sanno che scatta la sanzione anche se non si attraversa, ma basta superare la linea di arresto. Ovvero ti fermi poco dopo la striscia bianca e scatta lo stesso la multa! E relativa perdita di punti, che nei comuni viene spesso usata per applicare l'articolo 126 bis, ovvero pagare quasi 300 euro di sanzione se non dichiari chi guidava in quel momento. Che si badi bene non è un consiglio ma un obbligo di legge e se la polizia scopre che hai mentito diventa reato penale!

Ci sono troppe norme, alcune anche contraddittorie, ma in maggior parte sconosciute proprio a chi dovrebbe conoscerle. Si sperava nel varo del nuovo codice, con regole più semplici e facili da memorizzare, invece no. In Parlamento è slittato tutto fino a nuovo ordine e pertanto continueremo a barcamenarci con norme, regole e cavilli per la maggior parte sconosciute ai più

Parliamo di cinture? articolo 174, chi non le indossa paga la multa. Se è il conducente perde anche i punti, ma è lo stesso conducente responsabile se i passeggeri non la indossano e ciò vale anche per i sedili posteriori, in cui esiste lo stesso obbligo ma in pochi lo sanno e lo applicano. Articolo 153, luci accese anche di giorno. Perdita prevista in origine di 2 punti, poi se viaggi in autostrada o in strade extraurbane con le luci spente, fa niente, come per l'articolo 143 aspettiamo ancora le prime multe. Infine, i ciclisti. Indisciplinati, eppure soggetti deboli nel traffico. Quanti di loro sanno dell'articolo 182 che obbliga a usare la pista ciclabile quando è presente? Vale per tutti anche per gli amatori delle gare domenicali. Non potrebbero usare la strada. Sanzione prevista che arriva fino a 94 euro. Provate a suonare col clacson quando ti si aprono a ventaglio davanti, il rischio di rimetterci è grosso, ma anche qui: quante multe sono state elevate? Ecco, un piccolo esempio del Codice, questo sconosciuto...

  • Agadanga

    Pronto ad essere additato come il solito perbenista, come se essere civili sia un difetto, dico che non capisco di cosa ci sia di strano in queste regole
    Ho dato la mia prima patente più di 20 anni fa, ricordo comunque bene che mi è stato insegnato che :
    Sulle strade bisogna tenere strettamente la destra
    In autostrada bisogna occupare la carreggiata libera più a destra
    Al semaforo e stop ci si ferma alla riga (è lì apposta, altrimenti la facevano più in là)
    La velocità deve essere proporzionata alle condizioni della strada e del traffico
    La distanza di sicurezza così me l'hanno insegnata, se quello di fronte ipoteticamente si arresta di colpo tu ti devi fermare prima
    Per quanto riguarda l'incidente con semaforo rosso non lo sapevo,ma per tutto il resto non ci vedo nulla di diverso da quello che mi hanno insegnato a scuola guida
  • hwrk89

    Quando mettono mano con l'idea di semplificare vivo il terrore del risultato.
    Le norme ci sono (anche troppe) è andrebbero attuate con tenacia e ragionevolezza, inutile ispessire i testi..ci vuole tanto ossigeno, less is more.
Inserisci il tuo commento