tecnologia

Da Continental il radar “salvaciclisti”

-

Ferma l’auto durante le svolte a destra per evitare di tagliare la strada agli utenti più vulnerabili

Da Continental il radar “salvaciclisti”

Continental ha presentato un nuovo radar di prossimità che promette la protezione di pedoni, ciclisti e motociclisti durante le svolte a destra, una situazione piuttosto pericolosa specialmente in situazioni di traffico intenso.

La funzione “Right-Turn Assist” del modulo è in grado di rilevare un ciclista che si avvicina da dietro il veicolo sul lato destro e interviene se il guidatore vuole svoltare a destra quando il ciclista sta per passare. Gli automobilisti infatti non sono sempre in grado di riconoscere questa situazione rischiosa, dal momento che il ciclista si trova in un angolo cieco rispetto alla visuale di chi guida.

Se i sensori del radar rilevano un ciclista in tale posizione mentre la vettura curva, trasmettono un segnale ai freni e l'auto si ferma prima che il ciclista sia investito. L’azienda tedesca calcola che in Germania si potrebbero evitare un terzo degli incidenti mortali che coinvolgono i ciclisti installando su tutte le auto questo dispositivo che dal 2020 nell’UE sarà obbligatorio per tutti i mezzi pesanti.

Tutto ciò è reso possibile dall’adozione di una tecnologia di monitoraggio con frequenza a 77 GHz in luogo della oggi diffusa 24 GHz, che permette di “leggere” l’ambiente circostante con maggiore velocità e precisione rispetto ai radar odierni.

Sono inoltre in cantiere inoltre ulteriori implementazioni di questa tecnologia: il passo successivo potrebbe essere quello di impedire che si apra la portiera inavvertitamente se c’è un ciclista in avvicinamento.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento