tecnologia

Il passeggino? Nel 2020 sarà elettrico

-

Bosch mette a punto un comodissimo sistema di trazione elettrica per il passeggino che elimina la fatica per mamme e papà. Si chiama e-stroller e il prossimo anno debutterà sui prodotti del marchio svedese Emmaljunga

Per le neomamme ed i neopapà potrebbe essere la rivoluzione del secolo dopo quella della lavatrice: Bosch ha messo a punto un passeggino con due motori elettrici che promette di eliminare, o quanto meno alleviare, la necessaria fatica che costa spingere il bebè.

Il sistema si chiama e-stroller e sarà lanciato sul mercato nel 2020 dal marchio svedese Emmaljunga, con la previsione di ulteriori collaborazioni con altri costruttori.

Il sistema di trazione concepito da Bosch comprende due motori elettrici sull’asse posteriore, un modulo Bluetooth e un sistema di sensori che misurano la velocità del passeggino e l’accelerazione, rilevando anche il tipo di superficie che si sta percorrendo.

Grazie a specifici algoritmi, il sistema e-stroller è in grado di calcolare in poche frazioni di secondo le azioni che la mamma o il papà stanno per compiere. In salita, i motori aiutano automaticamente a spingere il passeggino, come avviene con le biciclette elettriche, mentre in discesa aiuta a limitare la velocità.

Se i genitori lasciano la presa sul passeggino, il freno del motore impedisce che possa spostarsi in modo incontrollato e il blocco elettromeccanico attiva il freno di stazionamento. Il tutto senza interruttori o pulsanti sull’impugnatura.

Oltre che in salita o in discesa, l’invenzione di Bosch permette di mantenere la traiettoria durante la marcia su tratti inclinati o quando si spinge il passeggino con una sola mano ed evita che possa sfuggire anche in condizioni di forte vento. E’ stato testato in galleria del vento, dove ha dimostrato di poter rimanere fermo anche con vento a 60 km/h.

È possibile scegliere tra tre livelli di assistenza elettrica utilizzando l’apposita app per smartphone disponibile per Android e iOS che comunica con il sistema e-stroller mediante Bluetooth.

Mostra il livello di carica della batteria removibile e avverte in tempo quando sta per scaricarsi. La batteria del passeggino agli ioni di litio da 18 Volt è posizionata in uno scomparto richiudibile ed è la stessa batteria utilizzata negli elettroutensili standard Bosch, come gli avvitatori senza fili e quindi può essere impiegata anche per alimentare altri dispositivi.

Il tempo di ricarica è di circa due ore e mezzo e la batteria completamente carica dura fino a 15 km, a seconda del livello di assistenza selezionato e del peso del passeggino. I genitori possono anche ricaricare il proprio smartphone utilizzando la porta USB del sistema. Dall’ app si può attivare la funzione allarme, per esempio quando il passeggino viene lasciato incustodito. Una volta stabilita la connessione Bluetooth con lo smartphone, comparirà un avviso se qualcuno cercherà di spingere il passeggino. Inoltre scatterà un allarme, emesso dall’altoparlante integrato nel passeggino, e si reinserirà automaticamente il freno di stazionamento.

  • Marcorosso, Legnano (MI)

    In un passeggino si cerca minimo ingombro da chiuso e massima leggerezza ma con un mototre elettrico sicuramente avrà più ingombro e un peso maggiore! La cosa più faticosa è piegarlo, caricarlo in auto, sollevarlo per le scale ecc.. A parte chi abita in paesi o città che sono piene di salite non converrebe proprio nell'uso quotidiano di un genitore. Non è che si sta seguendo un po' troppo la moda del fare tutto con motorini elettrici? Bici, monopattici, ecc.. Muoversi fa bene alla nostra salute!
Inserisci il tuo commento