formula E

La Formula E del futuro secondo Pininfarina

-

Ologrammi, aerodinamica spettacolare e abitacolo chiuso. Così in Piemonte immaginano la nuova monoposto che arriverà nel 2019

La Formula E del futuro secondo Pininfarina

Nel 2019 la Formula E cambierà vettura e per questo la FIA ha invitato i vari costruttori impegnati a proporre il design delle future monoposto che condivideranno il nuovo telaio, mentre motore e software saranno liberi. Tra i primi costruttori a rispondere c'è Mahindra, che ha da poco acquisito Pininfarina.

Dalle matite dei designer della firma piemontese sono uscite tre concept che condividono alcuni tratti comuni. In due di queste, infatti, l'abitacolo è chiuso, una soluzione dettata da motivi di sicurezza che è allo studio anche in Formula 1, e manca l'ala posteriore, sostituita da appendici aerodinamiche a “effetto suolo”. Tra le caratteristiche più fantasiose c'è anche un proiettore di ologrammi, che visualizza in maniera molto chiara per gli spettatori il nome del pilota sulla vettura. 

«La Formula E – spiega il responsabile creativo di Pininfarina Fabio Filippini – è uno dei segni entusiasmanti che il mondo dell'auto sta cambiando. Il suo successo ne è la prova. Esercitare la nostra creatività con questi bozzetti ci consente di immaginare l'evoluzione di questa formula. Un possibile contributo di Pininfarina allo sviluppo della monoposto di Formula E è una sfida che ci motiva molto ed è in linea con la nostra missione di creatori ed innovatori nel campo dell'auto».

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento