Le auto avranno "occhi" come insetti per evitare i crash, lo studio è promettente

Le auto avranno "occhi" come insetti per evitare i crash, lo studio è promettente
Pubblicità
Simone Lelli
  • di Simone Lelli
Lo studio è interessante e potrebbe portare dei benefici
  • Simone Lelli
  • di Simone Lelli
25 gennaio 2023

La guida autonoma è ancora un'utopia, e i sistemi per la guida intelligente - nonostante mostrano di anno in anno passi da gigante per quante cose vengono implementate - ancora non sono perfetti. Non si può dire lo stesso degli insetti: mosche e locuste sono in grado di viaggiare in gruppo senza mai urtare l'una con l'altra.

Forse proprio qui sta la soluzione al quesito: una ricerca pubblicata da ACS Nano dell'Università dello Stato della Pennsylvania ha permesso di teorizzare proprio un sistema anticollisione basato su questi insetti, comodo e economico.

I circuiti neuronali degli insetti non analizzano lo spazio attorno come un sensore LIDAR: per questo i ricercatori hanno avuto l'idea di implementare qualcosa di simile, studiando l'intensità delle luci circostanti. Sembra infatti che proprio la forza della luce potrebbe definire la distanza da quell'oggetto. Il test ha avuto esito positivo, motivo per cui lle ricerche andranno avanti: per ora il sistema riesce a segnalare uno scontro tra due vetture almeno 2 o 3 secondi prima, un risultato eccezionale.

Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Argomenti

Pubblicità