Mercato Italia: disastro incentivi, maggio in profondo rosso

Mercato Italia: disastro incentivi, maggio in profondo rosso
Alfonso Rago
  • di Alfonso Rago
Immatricolate 121.299 autovetture, pari al -15,1% su maggio 2021 e -38,7% al periodo ante pandemia
  • Alfonso Rago
  • di Alfonso Rago
2 giugno 2022

Non c'è stata ancora sul mercato italiano l'auspica scossa positiva derivante dal incentivi all'acquisto del Governo: le 121.299 autovetture immatricolate a maggio corrispondono al -15,1% su maggio 2021 ed un più preoccupante -38,7% sullo stesso mese 2019, in periodo pre pandemia.

I numeri sono impietosi anche nel computo da inizio anno: il totale si attesta a 556.974 immatricolazioni, pari al -24,3% sul gennaio-maggio 2021 e al -38,9% sullo stesso periodo 2019.

Stanti queste cifre, la proiezione per fine anno è di un mercato di poco superiore al 1.300.000 unità, considerando anche la spinta dei contributi di Governo: sarebbe un'ulteriore debacle per un segmento commerciale di cruciale importanza per l'intera economia nazionale.
 

Le autovetture a benzina a maggio calano del 22,1%, con quota di mercato del 28,7%; le diesel perdono un ulteriore 29,7% sul 2021, con una quota del 19,2%; da inizio anno, le autovetture hanno perso il 36% e quelle del diesel del 37,2%.

Le immatricolazioni delle vetture ad alimentazione alternativa valgono il 52,2% del totale di maggio 2022, pari al -3% nel mese e al -8,1% nel cumulato, con quota di mercato del 52,4%; le elettrificate rappresentano il 43,2% del mercato di maggio, al -0,8%, mentre nei primi cinque mesi 2022 la quota è al 42,8% pari al -6,9%; le ibride non ricaricabili crescono dell’1,5% nel mese e toccano il 33,5% di quota.

Le vetture ricaricabili si riducono dell’8,3% e valgono il 9,7% del mercato (-9,6% e 8,8% di quota da inizio 2022); le auto elettriche hanno una quota del 3,7% e calano del 12,8%, mentre le ibride plug-in si riducono del 5,3% e valgono il 6% del totale.

Infine, le vetture a gas sono l’8,9% dell’immatricolato a maggio: per il 7,9%  sono alimentate a GPL (+4,6%) e per l’1% da metano (-60,6%); da inizio 2022, le GPL sono in crescita del 6,2% e quelle a metano in calo del 63,2%.
 

Sul fronte dei canali di vendita, a maggio i privati proseguono la tendenza negativa (-14,2%), mentre società e noleggio hanno archiviato cali del 30,6% e 9,8%; nel cumulato, l’andamento è per tutti con segno rosso a doppia cifra: privati -26,4% (quota 61,1%), società -23,7% (quota 13,7%) e noleggio -18,9% (quota 25,2%).

Il Gruppo Stellantis totalizza nel mese 47.586 immatricolazioni (-15,6%), con quota di mercato del 39,2%; nei primi cinque mesi del 2022, le immatricolazioni complessive ammontano a 206.364 unità (-30,1%), con quota di mercato del 37,1% e otto i modelli presenti nella top ten: Fiat Panda sempre in testa alla classifica (11.955 unità), seguita da Lancia Ypsilon (4.257) e da Fiat 500 (3.172); quinta posizione per Jeep Compass (3.042), sesta per Citroen C3 (2.624), e  settima per Jeep Renegade (2.582); infine, al nono posto per Peugeot 208 (2.337) e decimo per Opel Corsa (2.289).

Il mercato dell’usato totalizza a maggio 403.870 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari, il +38,2% sul 2021; da inizio 2022, i trasferimenti di proprietà sono 1.967.282, il +34% rispetto al 2021.

Argomenti

Da Moto.it

Caricamento commenti...