auto & lifestyle

Milano: nel Quadrilatero della moda apre il 5° Porsche Studio al mondo

-

Unione dell’universo Porsche Design e di quello auto, il lussuoso spazio punta al cuore della moda facendo toccare con mano ogni oggetto o “sogno” firmato da Stoccarda a chi passi in via della Spiga

I marchi premium più ricercati delle quattro ruote, quelli forti non solo nel prodotto veicolistico ma anche in altro, entrano sempre più spesso nelle grandi città del mondo puntando ad affermarsi come protagonisti del lifestyle. Operazione non scontata ma che riesce meno difficilmente a chi incarna già un mito solo leggendone il nome, come Porsche. Non è da tutti far trasparire bene e piacere ugualmente il valore di un brand su gamma così estesa di oggetti, che passano dal piccolo accessorio di moda alla supercar per pochissimi eletti. Porsche oggi lavora insieme alla consociata Porsche Design per offrire a Milano il mix delle proprie affascinanti auto sportive insieme agli esclusivi prodotti lifestyle, nel nuovo Porsche Studio situato nel cuore della città.

Per essere chiari: non è un banale negozio moda con logo auto su prodotti generici, pur ben fatti e nemmeno la sede decentrata di un dealer, si tratta del primo concetto distributivo con questo nome a proporre veicoli Porsche insieme alla collezione completa di Porsche Design. Se quando si vede la gamma attuale Porsche si pensa a una certa industria e soprattutto tecnica, quando si dice Porsche Design si deve invece pensare a un’azienda che piace ai puristi del marchio, perché poco condivide con il noto gruppo tedesco a capo di Porsche auto: nata a inizio anni Settanta per stretta volontà di Ferdinand Alexander Porsche, ancora oggi opera con base a Zell am See, luogo in cui viene scelto e approvato tutto quanto ne porti il logo.

Insieme a New York, Parigi e Londra, Milano è una capitale della moda in cui vengono definite le tendenze stilistiche. Porsche e Porsche Design insieme nel cuore della città riflettono la collaborazione fra i due brand, consentendo di rivolgersi a un gruppo di consumatori fortemente orientati a tutto ciò che è lifestyle” dice Detlev von Platen, membro del Consiglio di Amministrazione e responsabile Vendite e Marketing di Porsche. La location è volutamente in Via della Spiga, nel centro storico, il cuore di quello noto come “Quadrilatero della Moda” milanese.

Auto da Sogno e Accessori di stile

Nel Porsche Studio milanese, il quinto aperto al mondo nel giro di un anno, su un’area di circa 400 metri quadrati campeggia sempre un auto, vistosa come l’attuale 911 GT3 RS verde, ma il resto non è da meno, anche se meno costa (abbiamo provato a configurarla come piace a noi, giallo nera con gli ausili dovuti per andare più veloci e sicuri in pista: oltre 220K). In primis l’ambiente fa "sentire" il marchio, come quando si osserva la parete con panoramica virtuale dei momenti più importanti, nei 70 anni Porsche, ma non ci si limita a concordare un test-drive da sogno o magari, potendo, finalizzare un contratto. Eventi e iniziative promozionali sono previsti con cadenza regolare durante l’anno, per far vivere l’identità di marchio non solo sulle piste o nei raduni e non solo a chi sia proprietario ma anche semplicemente amatore.

A Milano, Porsche Design presenta una collezione ampia, con orologi, moda e abbigliamento sportivo, valigeria e borse, occhiali, dispositivi audio ed elettronici. “Al Porsche Studio i nostri clienti potranno avere accesso all’intera offerta di prodotti Porsche Design – spiega Jan Becker, CEO Porsche Design -  presentando la nostra gamma di accessori accanto all’auto intendiamo offrire un’esperienza speciale orientata allo stile di vita Porsche”.

Nella bella collezione di orologi maschili spicca il “1919 Datetimer 70Y Porsche Sports Car Limited Edition”, un pezzo speciale realizzato in occasione delle celebrazioni per i 70 anni (diametro 42mm solo 1948 pezzi prodotti) mentre tra gli Smartphone premium, il Porsche Design Huawei Mate RS, "oggettino ricercato" da 1550 euro.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento