Rallycross - WRX

RallyCross WRX. Mondiale Elettrico rinviato al 2022

-

Finale di stagione compresso per assegnare i Titoli. In crisi i grandi cambiamenti di specifiche. Il Mondiale Rallycross, che era già avanti, congela l’attuale regolamento e rimanda al 2020 l’introduzione delle WRX “E”

RallyCross WRX. Mondiale Elettrico rinviato al 2022

e-World, 31 Marzo 2020. Il Consiglio Mondiale del MotorSport ha e-votato: l’introduzione delle Auto elettriche nel Mondiale Rallycross, prevista per il 2021, è rimandata di un anno. Switch verso l’elettrico, quindi, nel 2022, il motivo già lo sapete. La decisione, approvata dalla Federazione Mondiale, è quella suggerita dal Promoter, IMG, dall’australiana Kreisel Electric, fornitore ufficiale del “pacchetto” di conversione delle Supercar, e da GCK Energy, fornitore ufficiale dell’”energia”.

L’aria è quella degli annunci analoghi che riguardano Formula 1 e Formula E, entrambe al portale di importanti cambiamenti, che tuttavia resta chiuso e si riaprirà più avanti.

In questo senso il Mondiale Rallycross era già ben avanti. Coordinato da Paul Bellamy, Vice Presidente Senior degli Eventi Motorsport di IMG, il promoter del Campionato del Mondo FIA Rallycross, era stato studiato il piano di conversione, dapprima studiato dalla STARD di Manfred Stohl e infine assegnato a Kreisel Electric al termine della gara di “appalto”, che avrebbe visto la sua applicazione con l’introduzione del regolamento 2021.

Disciplina particolarmente adatta all’Elettrico, gare corte, forti accelerazioni, circuito, il Rallycross è apripista ideale della nuova rotta di conversione. Tra l’altro un’altra idea rendeva particolarmente interessante, e “indolore”, lo switch. Quella che prevede di associare nello tesso evento, in un anno “zero” antecedente l’introduzione definitiva dell’elettrico, le gare riservate alle elettriche a quelle delle “classiche”. A parte la solita disomogeneità di aggiornamento delle Fabbriche, l’idea del “kit” di trasformazione aveva accontentato un po’ tutti, con la prospettiva di far felici, alla lunga, anche i portafogli.

Il prototipo del Kit, 500 kW=680hp, 300K euri più 100K per 4 anni di manutenzione, doveva essere presentato a marzo ed essere disponibile alle ordinazioni in questi giorni. Tutto è cambiato, se ne riparla con un anno di differita.

Resta invariato, invece, il programma di introduzione dell’Elettrico nell’Europeo Rallycross Junior, sviluppato dalla spagnola QEV Technologies sulla base di una Supercar elettrica spinta da una unità da 250kW=320hp, il cui processo di cambiamento finale resta fissato per il 2021.

Team Hansen MJP Peugeot e Timmy Hansen Campioni del Mondo 2019, resta sulla pista di decollo, invece, la stagione corrente mai partita. Saltati Spagna, Portogallo, Belgio, Norvegia, si spera di ripartire il 4 Luglio in Svezia.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento