Pazzie in strada

A 160 km/h col motorino truccato e...super ricerca aerodinamica! [video]

-

Contro ogni regola del codice stradale, pronto a morire in autostrada, uomo tiene il manubrio con una mano e letteralmente sbandiera a pieno gas sfiorando i 160 Km/h privo di casco, per un minuto e mezzo

Eh beh, signori miei. Il video qui la dice tutta, sul fatto che la realtà supera la finzione cinematografica in peggio. Si parla di motori e di strada affrontata “da pirla” ma, altro che Lloyd Christmas (Jim Carrey) e Harry Dunne (Jeff Daniels) ne "Scemo e più scemo". I due, con il loro mini motorino barattato al posto di quella specie di Van peloso, congelati fino ad Aspen, erano geni di livello inferiore a questo (nota la battuta: “Proprio quando penso che non è possibile, che tu sia ancora più scemo, te ne vieni fuori con una cosa così… E di botto ti fai perdonare completamente!).

Qua si vede un uomo letteralmente “appeso” al suo di motorino, taroccatissimo, mentre fila sparato come pochi in autostrada, infrangendo una bella quantità di regole del Codice e del buon senso. Senza casco, con una mano appesa alla manetta, ovviamente full-gas e per il resto solo cercando di andare il più forte possibile per più tempo possibile.

Ottima invero la prestazione nervosa e muscolare sua, per l’equilibrio aerodinamico mantenuto a lungo: oltre il minuto e mezzo, in isometrica con quel vento addosso. Buona anche quella del due tempi limato e carburato e dovere, di performance (e vorrei vedere, pensando se inchioda di sorpresa perchè troppo magro).

Un po’ meno di livello forse la potenzialità di frenata, a tamburo. Ma tanto a quella velocità, con quell’abbigliamento tecnico, non ci sono problemi a gettarsi dal mezzo prima di cadere.

Harry e Lloyd
Harry e Lloyd

160 Km/h

A filmarlo, nella sua grande impresa stradale oltre i limiti (circa 150/160 Km/h da tachimetro) degli amici che lo affiancano restando poco indietro. Lo spazio che serve nella eventuale possibilità di decapitarlo, o farlo a pezzi ben compressi sull’asfalto qualora gli fosse scappato il ferro di mano.

A titolo di citazione storica, sulla postura da tenere in moto per andare davvero al massimo, torniamo in Italia nel vecchio secolo. Quando si correva in strada perché ci era organizzata una gara vera, di moto vere, il nostro Tino Brambilla 65 anni fa usava già uno stile simile, per massimizzare la top-speed delle MV Agusta di piccola cubatura. Ma erano altri tempi, altri scopi e con il casco in testa i piedi si puntavano bene, per non “volare via” alla prima occasione.

Tino Brambilla in gara negli anni '50 su MV
Tino Brambilla in gara negli anni '50 su MV
  • Paolo Breveglieri, San Pietro in Cariano (VR)

    Sono arrivato alla conclusione che vivono meglio loro di noi. In fondo siamo stati cosi' anche noi qualche decennio fa. Poi siamo andati avanti, troppo avanti tra regole e divieti. Io rispetto tutto e mi bardo da capo a piedi anche a ferragosto ma rimpiango i tempi dove si poteva circolare senza casco, coi capelli al vento, gli occhiali da sole e le infradito.
Inserisci il tuo commento