attualità

Sicurezza stradale: l’erba alta è un pericolo

-

Primavera 2013: svincoli e rotatorie nascondono insidie temibili per automobilisti e motociclisti a causa dell’erba alta cresciuta a dismisura per le piogge. Ma nessuno la taglia

Sicurezza stradale: l’erba alta è un pericolo

Solo poche settimane fa puntavamo l’indice sull’incuria delle amministrazioni pubbliche nella manutenzione delle strade urbane e extraurbane. Sul banco degli imputati sedevano le terribili buche prodotte nell’asfalto dalle abbondanti piogge, i sampietrini divelti e il pavé dissestato che rappresentava un grave pericolo specie per chi utilizza le due ruote in città.


La pioggia degli scorsi giorni, unita al primo sole, ha ora portato un altro, spiacevole effetto: l’erba alta sul ciglio delle strade extraurbane.


Questa, lasciata lì dov’è, costituisce un pericolo gravissimo per gli utenti della strada. Nasconde l’immissione di altri veicoli nelle intersezioni viarie, cela la segnaletica, rende impossibile persino scorgere la presenza di auto e moto nelle rotonde.
La cosa drammatica è che, in certi tratti, arriva persino a nascondere spuntoni di guardrail mai rimossi a seguito di incidenti stradali.


E così, dove pensi ci sia soffice erba, in realtà si nascondono lame affilate in grado di aprire un’auto come fosse una scatola di tonno (vi ricordate il terribile incidente di Kubica nella gara di rally di Andora?).

erba alta 3
Ecco il pericolosissimo guardrail dello svincolo di via Rubattino della tangenziale Est che si protrae sulla carreggiata quasi a voler agganciare le auto e le moto di passaggio

 

Il nostro servizio fotografico mostra, purtroppo, solo una goccia nel mare dell’incuria delle nostre strade. Gli enti gestori (Comuni, Province, ANAS) lamentano la scarsità di fondi da destinare a queste essenziali opere di ordinaria manutenzione. A rimetterci sono i cittadini.


Nelle nostre immagini vedete quanto sia cresciuta l’erba nella rotatoria di Rovato che porta all’ingresso della trafficatissima autostrada A4 (la Torino-Venezia). Ma a Milano non va meglio: lo svincolo di via Rubattino della tangenziale Est pare tracciato nella foresta amazzonica e fa venire i brividi lo spuntone di lamiera che si protrae sulla carreggiata quasi a voler agganciare le auto di passaggio.

 

Se anche voi avete segnalazioni da farci, non esitate a mandarle ad Automoto.it e a Moto.it. E’ fondamentale far sentire la nostra voce. Con le buche stradali ha funzionato: sarà stato pure un caso, ma dopo la nostra segnalazione, i casi documentati sono stati risolti.

Aggiornamento 21/05: la risposta del Comune di Milano

I lettori ci chiedono - giustamente - se poniamo questi problemi all'attenzione degli enti interessati. La risposta è affermativa: è nostro compito parlarne, ma anche intervenire affinché si trovi presto una soluzione.

 

Sull'erba alta risponde il Comune di Milano: «I lavori di manutenzione del verde sono stati rallentati dalle frequenti e abbondanti precipitazioni, risultate molto al di sopra la media stagionale. Meteo permettendo si interverrà nel giro di circa 15 giorni. Grazie».

  • Giacomo.dalfollo, Carzano (TN)

    erba alta

    In mezzora in 2 persone si pulisce un'aiola o rotatoria senza problemi .Il sindaco da l'ordine se dopo 24 ore non è fatto licenziamento in tronco ....
    non c'è un'altro sistema ,sono gia pagati
  • mmmauro, Arezzo (AR)

    francia e italia

    infatti, in francia si paga la tassa sulla prima casa,e anche piuttosto salata, nonostante la crisi, e i comuni non vengono lasciati senza un euro in cassa, come in Italia. Qui da noi, invece, l'italiota medio, beota per definizione, non vuole pagare le tasse, però pretende che le strade siano pulite, l'erba tagliata, le buche riparate, i guard-rail soffici e non taglienti.....lo volete capire che assicurare tutto questo costa, e tanto? è un po come volere comprare la moto gratis, o meglio, pretendere chela moto cammini senza benzina.....ma fatemi il piacere, se questo è il livello dei ragionamenti, non c'è affatto da stupirsi se l'Italia è diventata un paese del terzo mondo, e tale resterà ancora a lungo
Inserisci il tuo commento