Stellantis: la prossima Fiat 500 verrà prodotta nello stabilimento di Mirafiori

Stellantis: la prossima Fiat 500 verrà prodotta nello stabilimento di Mirafiori
Pubblicità
I.F.
  • di I.F.
Gli stabilimenti italiani di Stellantis saranno al centro della transizione energetica del gruppo. A dirlo sono John Elkan e Carlos Tavares, che nello specifico hanno parlato dei nuovi modelli elettrificati Maserati e di 500: la variante elettrica e la prossima generazione saranno infatti prodotte a Mirafiori
  • I.F.
  • di I.F.
29 marzo 2022

La transizione ecologica in cui è impegnata Stellantis passa anche dall’Italia. Anzi, sarà proprio nella sede di Torino e dintorni che si spingerà forte sull’elettrificazione. A raccontarlo, durante un incontro con il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, il sindaco di Torino Stefano lo Russo e il presidente dell’Unione Industriali Torino Giorgio Marsiaj, ci hanno pensato John Elkann e Carlos Tavares, rispettivamente presidente ed amministratore delegato di Stellantis. Nel concreto, Stellantis sta lavorando per dare vita al Turin Manufacturing District, dal quale dovrebbero nascere la nuova generazione di Fiat 500 e la sua variante elettrificata. Non soltanto però, perché il capoluogo piemontese sarà anche la nuova patria della piattaforma elettrificata Maserati, da cui (nei prossimi) verranno sviluppate Quattroporte, GranTurismo e GranCabrio.

“Stellantis è nata con lo spirito coraggioso e visionario dei nostri padri fondatori per cogliere le grandi opportunità del 21° secolo - ha esordito John Elkann - Piemonte e Torino sono indissociabili da Stellantis e il futuro della mobilità che stiamo costruendo. Cosa che vogliamo fare insieme ai nostri partner locali e alle parti interessate per essere più forti e raggiungere il nostro scopo in Italia e nel mondo”. Va detto, infatti, che assieme alla Regione Piemonte è stato messo in atto un processo di aggiornamento per le strutture produttive, le quali verranno impiegate come punto di riferimento all’interno del gruppo per quanto riguarda tecnologia e sviluppo. A questo, infine, si aggiunge la “Cittadella del Design”, una struttura del Politecnico di Torino dedicata a design e mobilità sostenibile adiacente all’impianto di Mirafiori.

Carlos Tavares ha commentato così l’incontro: ”Sono molto contento della discussione costruttiva che abbiamo avuto oggi per creare la condizione di un futuro sostenibile per le attività di Stellantis in Piemonte e a Torino nell'ambito del nostro piano strategico Dare Forward 2030. Nell'attuale contesto caotico in cui operiamo, vincere Insieme non è solo uno dei valori di Stellantis, ma è il modo in cui affronteremo le opportunità che abbiamo davanti, beneficiando del decisivo sostegno della Regione e della Città. Continueremo il dialogo costruttivo con le nostre organizzazioni sindacali che è stato a lungo intrapreso per la trasformazione di Stellantis in un'azienda tecnologica di mobilità sostenibile, per offrire ai propri clienti una mobilità pulita, connessa, sicura e conveniente e raggiungere le zero emissioni di carbonio entro il 2038”.

Perfettamente in linea la risposta del sindaco di Torino, Stefano lo Russo: “La Città vuole essere protagonista di questa strategia di crescita che può vedere anche nella riconfigurazione degli attuali spazi fisici, a partire da Mirafiori, una straordinaria opportunità. In questo senso, svilupperemo immediatamente una pianificazione territoriale e urbanistica condivisa che rafforzi il piano di sviluppo industriale. L'attuale unità di intenti tra tutti gli attori del territorio e la volontà di collaborare in modo costruttivo rappresentano infatti le condizioni fondamentali per il successo di questo grande progetto industriale che, in termini di portata e ampiezza, va ben oltre i confini della nostra città e che risponde alla più generale esigenza di lavorare insieme, con determinazione, per combattere il cambiamento climatico globale. Il Comune c'è e farà la sua parte”.

Pubblicità