WRC24 Kenya. Rovanpera stravince il Safari, l’”eredità” del Titolo diventa affare complicato

Pubblicità
Piero Batini
  • di Piero Batini
Il Campione del Mondo non ha alcuna difficoltà ad aggiudicarsi la micidiale prova africana. Katsuta e Fourmaux (ancora) sul podio. Neuville conserva la testa del Mondiale, a Lappi e Tanak il “premio speciale” per la… sfortuna
  • Piero Batini
  • di Piero Batini
31 marzo 2024

Naivasha, Kenya, 31 Marzo 2024. Rovanpera, Katsuta, Fourmaux, è il podio finale del Safari Rally. Ma vediamo come si è arrivati a questo epilogo.

Due, tre, cinque, undici minuti. Rovanpera, Katsuta, Fourmaux, Evans e Neuville si presentano staccati nell’ordine all’appello dell’ultimo giorno del 72° Safari Rally Kenya. La situazione è “attivamente” immodificabile, nel senso che nessuno degli inseguitori può ragionevolmente immaginare di recuperare il ritardo, neanche dal concorrente che lo precede. “Passivamente”, cioè subendo le angherie del Rally africano, è un’altra cosa. In tre giorni si è visto di tutto. Con questa premessa l’orientamento della Pasqua a Naivasha è segnato, inciso sulle tavole. Malewa, Oserian, Hell’s Gate, Malewa, Oserian, Hell’s Gate Power Stage. Solo l’ultima delle Speciali può sollecitare l’intraprendenza dei cinque di cui sopra, solo gli ultimi 10.53 Chilometri del Power Stage finiranno per contare. C’è anche da dire che rischiare troppo sarebbe stupido, perché ci sono da “validare” i punti ottenuti il sabato sera che, in caso di ritiro, vanno persi. In questo caso, secondo la nuova formula di attribuzione, 18, 15, 13, 12 e 10 punti per i cinque del gruppetto di testa. La domenica può attribuire un massimo di 12 punti, 7 di “giornata” e 5 di Power Stage, e un misero punto per il sesto del giorno o il quinto del Power Stage.

Comunque un minimo di “attività” è percepibile anche nelle ultime Speciali prima del Power Stage. Si incaricano di scaldare l’atmosfera (non piove, solo la prima Malewa è rimasta “umida”) Neuville e Evans, che pareggiano 2 a 2 sulle prime 4 speciali, e Tanak che risolve a suo favore la penultima prima della… resa dei conti. Neuville rischia ancora quando danneggia il retrotreno posteriore destro contro una pietra. Il belga se la cava, finisce e può consegnare la macchina ai meccanici prima del secondo giro. Katsuta e Fourmaux si guardano bene dall’agitarsi, i rispettivi secondo e terzo posto valgono oro. Una mattinata noiosa, insomma, se non avesse in serbo l’adrenalina del gran finale.

Hell’s Gate 2. Power Stage. Veloce, sabbiosa, guidata, qualche patch di bagnato. Scenario da capogiro, un portale naturale di roccia per entrare in un immenso “giardino” che è parco naturale. Leoni, leopardi, ghepardi. Anche l’aria, il clima, sono diversi in questo angolo di paradiso. Il Safari Rally diventa improvvisamente torrido. Via lisci, Neuville e Tanak si giocano la giornata, punti preziosissimi viste le dinamiche del frustrante week end. Neuville meglio di Tanak, poi Lappi e un rilassato Rovanpera, allegro ma non troppo solo nel finale della Prova, quarto. Quindi Evans, ultimo punto di Power Stage. Come previsto, Fourmaux si chiama fuori dalla bagarre finale: è appagato e porta a casa il secondo podio consecutivo su tre Rally. Kalle Rovanpera e Jonne Halttunen, Toyota, vincono il Safari Rally Kenya 2024. Takamoto Katsuta e Aaron Johnston, idem, sono secondi, Adrien Fourmaux e Alexandre Coria sigillano il podio al terzo posto. Neuville ha vinto il Power Stage, 5 punti, Tanak ha vinto la Super Sunday, l’ultima giornata di gara, 7 punti. Come salvare capra e cavoli.

Gus Greensmith, malato per due dei tre giorni di gara, e Jonas Andersson, bravissimi, sono sesti assoluti e vincono il WRC2, Riccardo Garosci e Rudy Briani, Mitsubishi Lancer Evo X R4, ma anche il figlio di Riccardo, Francesco, stessa Macchina ma “navigato” da Daniele Bottallo, hanno concluso felicemente la loro avventura africana, e tornano a casa con il ricordo di un Rally mito che vale un’esperienza di vita.

Esapekka Lappi e Ott Tanak sono gli “sfigati” del Safari 2024. Nessuna obiezione. Lappi ha forato quattro volte, anche l’ultimo giorno, ha “preso” una zebra e due volte un “grande uccello”, ha avuto un problema al powertrain sulla prova generale di Power Stage e, soprattutto, ha rotto la trasmissione il primo giorno costringendosi al ritiro di giornata. Era partito all’attacco e, favorito dall’ordine di partenza, aveva “osato” iniziare con 5 Pirelli invece delle generalizzate 6. Anche Tanak è uscito di scena il primo giorno. Un sasso, la “deviazione” verso il terrapieno e lo stop definitivo per il giorno. Poi forature, animali in pista, il cofano chiuso male, l’interfono guasto. Evans registra 4 forature, due lente e due che hanno costretto l’Equipaggio a fermarsi in speciale per cambiare la ruota. Quanto basta per “castrare” il Rally del Gallese.

Situazione Mondiale. Se Rovanpera dovesse decidere di continuare il Mondiale, limitando al massimo il numero delle pause, ho paura che anche per quest’anno non ci sarebbe molta storia. Il “varco” aperto dal suo programma ridotto crea virtualmente un certo numero di eredi. Si pensava che potessero essere sostanzialmente tre, Neuville, Evans, Tanak, magari Lappi, e così è. Certo che, alla luce del Kenya, è una lotta tra… diseredati. Entra in ballo la fortuna, sicuramente, l’affidabilità delle macchine, lo stato di competitività. E anche la formula di attribuzione dei punteggi, che viene in soccorso in situazioni difficilissime come quella del Kenya. Tutto da vedere, insomma. Sta di fatto che alla resa del Kenya 2024, la situazione è questa: Neuville 67 punti, Evans 61, Fourmaux 46, Tanak 33, Rovanpera 31.

Dal 18 al 21 Arile, adesso, è la volta del Croatia Rally 2024.

© Immagini -Toyota TGR-DAM - Red Bull Content Pool – Hyundai Motorsport – Ford M-Sport – WRC.com

72° Safari Rally Kenya Classifica Assoluta Finale

1 Kalle Rovanperä/Jonne Halttunen (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) 3h36m04.2s
2 Takamoto Katsuta/Aaron Johnston (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +1m037.8s
3 Adrien Fourmaux/Alexandre Coria (Ford Puma Rally1 HYBRID) +2m25.1s
4 Elfyn Evans/Scott Martin (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +4m20.2s
5 Thierry Neuville/Martijn Wydaeghe (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +10m17.5s
6 Gus Greensmith/Jonas Andersson (Škoda Fabia RS Rally2) +18m05.4s
7 Oliver Solberg/Elliott Edmondson (Škoda Fabia RS Rally2) +19m28.5s

8 Ott Tänak/Martin Järveoja (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +21m02.0s

9 Jourdan Serderidis/Fréderic Miclotte (Ford Puma Rally1 HYBRID) +26m13.3s
10 Kajetan Kajetanowicz/Maciej Szczepaniak (Škoda Fabia RS Rally2) +26m34.4s

Calendario WRC 2024

25-28 Gennaio. 92° Rallye Automobile Monte-Carlo

15-18 Febbraio. 71° Rally Sweden

28-31 Marzo. Safari Rally Kenya

18-21 Aprile. Croatia Rally

9-12 Maggio. 57° Vodafone Rally del Portugal

30 Maggio-2 Giugno. 21° Rally Italia Sardegna

27-30 Giugno. 80° Orlen Rajd Polska - Rally Poland

18-21 Luglio. Tet Rally Latvia

1-4 Agosto. 73° Secto Rally Finland

5-8 Settembre. 68° EKO Rally Acropolis Greece

26-29 Settembre-1 Ottobre. Rally Chile Biobio

31 Ottobre-3 Novembre. 2° Central Europe Rally*

21-24 Novembre. FORUM8 Rally Japan

* Germania/Repubblica Ceca/Austria

Pubblicità