prova su strada

Subaru XV

Sport utility ma compatta
-

Con il debutto della nuova XV la Casa delle Pleiadi si presenta in un segmento di mercato guardato con molto interesse da tutti i costruttori. Motori a benzina o diesel e trazione integrale di serie

Subaru XV

In un mercato che lentamente e inesorabilmente vede diminuire le immatricolazioni, c'è un settore che negli ultimi anni ha avuto un trend decisamente positivo. Quello delle Suv compatte, è una categoria in crescita e fa numeri tutt'altro che trascurabili. Lo sa bene Subaru, che proprio con il lancio della nuova XV, vuole entrare in questa comunity. Non pretende di scalzare Nissan dalla testa della classifica vendite (con i due modelli Qashqai e Juke) ma ricavarsi uno spazio tutto suo, quello sì, grazie anche ad un prezzo d'attacco di 22.900 euro.

subaru xv firenze (5)
Sguardo cattivo e posteriore all'insù donano nel complesso un'immagine dinamica e giovanile alla XV

Nuovo look

Disponibile in questi giorni nei concessionari, la XV non è propriamente una Suv, è piuttosto una crossover e deriva strettamente da quella che sarà la nuova Impreza (in arrivo a fine 2012). Muscolosa di carrozzeria, con i passaruota ben delineati e contornati da passaruota in plastica nero opaca, i 445 cm di lunghezza sono ben dissimulati. Sguardo cattivo e posteriore all'insù donano nel complesso un'immagine dinamica e giovanile alla XV, che ha il difetto di piacere più dal vivo che non in foto (ma è un difetto o un pregio...?).

Ben fatta fuori e dentro

Le finiture dei lamierati e gli assemblaggi della carrozzeria sono di buon livello, belli e ben rifiniti i cerchi a cinque razze gommati 225/55 R17, non si notano particolari “fuori posto”, e il complesso appaga l'occhio.
 
Passando agli interni mi verrebbe da intonare la canzone “Si può dare di più”, in primis, per il look non particolarmente intrigante del cruscotto, che però passa in scioltezza la prova “tattile”, essendo piacevolmente morbido al tatto, (brutta la tendina in tessuto che copre la fessura tra piantone dello sterzo e strumentazione!) mentre sono decisamente meno ricercati i materiali dei pannelli porta e del tunnel centrale. Plastiche rigide e dallo spessore non particolarmente elevato, tanto per far capire che si è badato al sodo...e solo a quello!
 
In compenso gli assemblaggi sono buoni e i tessuti robusti, mentre la discreta presenza di vani portaoggetti permette di trovare una sistemazione per il cellulare e oggetti vari, bottigliette dell'acqua incluse.
subaru xv firenze (16)
Dietro lo spazio longitudinale e quello in altezza non mancano, anche per chi passa i 180 cm

Abitabilità: in quattro è molto comoda

Non sarà una monovolume, ma di certo nella Subaru XV si sta decisamente comodi e anche larghi, se si viaggia in quattro. Sedili ampi e riscaldati (quelli anteriori) su tutte le versioni, con una conformazione davvero eccellente (quello di guida è regolabile in altezza manualmente o elettricamente a seconda degli allestimenti), permettono a guidatore e passeggero anteriore di viaggiare davvero comodamente.
 
Dietro lo spazio longitudinale e quello in altezza non mancano, anche per chi passa i 180 cm  non ci sono particolari problemi, anche dal punto di vista dell’accessibilità. Buono ma non eccezionale lo spazio laterale, il quinto passeggero potrebbe lamentarsi, almeno sulle lunghe distanze. Di serie gli attacchi Iso-Fix per i seggiolini dei bambini.

380 litri di bagagliaio

Discreta la capacità del bagagliaio, 380 litri non sono da record, ma neanche da disprezzare, mentre la possibilità di abbattere lo schienale del sedile posteriore, frazionato secondo un classico 60/40, aumenta la disponibilità di spazio fino a 1.270 litri. Unico appunto negativo lo si deve alla soglia di accesso al vano decisamente alta (i 22 cm di altezza minima da terra fanno la loro parte...).
subaru xv firenze (43)
La possibilità di abbattere progressivamente gli schienali posteriori porta il volume del bagagliaio da 380 a 1.270 litri

Motore...Boxer naturalmente

Stiamo parlando di una Subaru, e in quanto tale parliamo di motori Boxer, diesel o benzina che siano. Due i benzina, 1.600 e 2.000, rispettivamente da 114 e 150 CV, con 150 e 197 Nm di coppia, ed un turbodiesel  2.000 da 147 CV e 350 Nm di coppia.
 
Verso l'estate arriverà anche la versione bifuel benzina/GPL attualmente in fase di collaudo. 
 
Naturalmente la trazione è integrale su tutte le versioni,  il cambio è unicamente manuale solo sulla turbodiesel, mentre le versioni motorizzate con i boxer a benzina possono essere equipaggiate con la trasmissione automatica Lineartronic (con comandi al volante solo sulla due litri). Sempre e solo per le due motorizzazioni benzina è presente il sistema Start/Stop.
subaru xv firenze (40)
La gamma motori si compone di un millesei e di un duemila a benzina e di un due litri turbodiesel da 147 CV. La trazione, per tutte, è integrale

Gli allestimenti per il mercato italiano

La 1.600 è disponibile in allestimento Comfort e Trend (così come la 2.000 turbodiesel), mentre la 2.000 benzina, solo con quest'ultimo. Il Comfort prevede di serie i cerchi in lega da 17 pollici, sedili riscaldati e climatizzatore, ESP e Airbag (sono 7 compreso quello per le gambe del guidatore) ABS e immobilizatore, oltre all'immancabile autoradio.
 
Salendo sulla Trend si noteranno, oltre al volante e al pomello cambio in pelle, sia il climatizzatore bi-zona, sia l'autoradio con bluetooth integrato e comandi al volante (sono presenti anche quelli del regolatore di velocità), il sensore pioggia per i tergi e la telecamera posteriore. Solo per la due litri a gasolio è prevista la versione Exlusive, con avviamento e accesso senza chiave, tetto apribile in cristallo, sedile regolabile elettricamente e navigatore.

Prezzi

22.900 € per la 1.600 Comfort, che diventano 26.990 per la 2.000 diesel. Aggiungendo 3.000 € si porta a casa la versione Trend, che con motorizzazione 2 litri a benzina costa 27.990 €. La più accessoriata Exclusive parte invece da 31.990 €. Il montaggio del cambio CVT implica un esborso di 2.000 €.

Su strada

Il primo approccio avviene con la 1.600 benzina dotata di cambio Lineartronic, motorizzazione entry level, che si dimostra immediatamente a suo agio nel percorso cittadino che caratterizza l’inizio del test. Sedile ampio e decisamente comodo (anche dopo parecchi chilometri), visibilità eccellente e posizione di guida ergonomicamente corretta (malgrado una leggera inclinazione verso sinistra del volante) mettono a proprio agio il guidatore. Il boxer si dimostra silenzioso e scevro da vibrazioni, almeno fino a quando si rimane in ambito cittadino, e i regimi di rotazione stazionano nella parte bassa del contagiri.
 

Il boxer si dimostra silenzioso e scevro da vibrazioni, almeno fino a quando si rimane in ambito cittadino, e i regimi di rotazione stazionano nella parte bassa del contagiri

Il cambio Lineartronic è un compagno di guida insostituibile in queste situazioni, e mostra una validità ed un comportamento di altissimo livello.
 
Mettiamo il muso della Subaru XV su una strada extraurbana prima, per poi spostarci in autostrada, ed ecco che emergono le note dolenti. Il motore mostra di avere il fiato corto, e anche un semplice sorpasso implica il “maltrattamento” del pedale del gas. Percorsi tortuosi e salite non le si addicono, se non tirando il collo al Boxer, che tra le altre cose smette di spingere ben prima del raggiungimento del limite massimo dei giri. Uno stile di guida che oltretutto porta i consumi della XV su livelli decisamente elevati.

Meglio il duemila a benzina

Un bel passo in avanti avviene salendo sulla duemila a benzina, decisamente a proprio agio su ogni tipo di percorso e ben più divertente quando si vogliono testare i limiti del telaio di questa Subaru. Il motore spinge bene, anche dai regimi più bassi, mentre il cambio con i paddle al volante aiuta a concentrarsi maggiormente sulla guida, soprattutto quando si percorrono strade ricche di curve come quelle odierne. La rapportatura mette in evidenza una sesta marcia decisamente lunga, e difficilmente utilizzabile se non in autostrada, mentre il calo di giri tra la seconda e la terza marcia, è elevato, e sui percorsi tortuosi ci si può facilmente trovare con il motore sotto coppia. Seppur gommata con pneumatici invernali (come il resto delle vetture della presentazione) la XV dimostra di essere precisa in inserimento e ben salda in fase di appoggio e percorrenza curva.
subaru xv firenze (6)
 
 
 
L’assetto rappresenta un giusto compromesso tra guidabilità e comfort, avvallamenti e buche sono filtrate in maniera ottimale, senza che questo vada ad inficiare la dinamica di guida
 
 
 
 
Frenando e alleggerendo il gas la vettura non si scompone più di tanto, e anche il beccheggio in frenata è limitato. Il baricentro basso che caratterizza la motorizzazione Boxer, e la trazione integrale sono davvero un bel connubio. L’assetto rappresenta un giusto compromesso tra guidabilità e comfort, avvallamenti e buche sono filtrate in maniera ottimale, senza che questo vada ad inficiare la dinamica di guida. 
 
Alziamo il ritmo e proviamo a mettere in crisi la XV. Forzando gli inserimenti, emerge un sottosterzo deciso, ma mai impegnativo, mentre la trazione rimane sempre su livelli elevatissimi, e per sentire un pneumatico perdere aderenza ci si deve proprio impegnare. 

La Subaru XV, non è un fuoristrada, ma con 22 cm di altezza minima da terra, e soprattutto con un sistema di trazione integrale di tutto rispetto, non si spaventa se deve mettere il piedino fuori dall’asfalto

Il turbodiesel vibra pochissimo

Proviamo allora la versione dotata del due litri turbodiesel, ricco di coppia e dai consumi più umani rispetto a quelli delle versioni a benzina. Torniamo al cambio manuale, e la cosa non dispiace più di tanto, anche perché se la manovrabilità non è niente male, il Boxer diesel ha coppia da vendere e limita decisamente l’uso del cambio. Vibrazioni limitate e silenziosità sono ai massimi livelli, mentre le doti di ripresa e la capacità a prendere giri sono davvero ottime. 

Fuoristrada no problem

La Subaru XV, non è un fuoristrada, ma con 22 cm di altezza minima da terra, e soprattutto con un sistema di trazione integrale di tutto rispetto, non si spaventa se deve mettere il piedino fuori dall’asfalto. E così è stato. Un bel saliscendi completamente infangato, dossi e buche niente male, hanno evidenziato le ottime caratteristiche della XV. Difficile metterla in crisi, almeno dal punto di vista della trazione, mentre il comfort per gli occupanti rimane sempre elevato, con le sospensioni che limitano gli scuotimenti.

Conclusioni

La Subaru XV rappresenta una alternativa alle Suv compatte, che poi tanto compatte non sono, una crossover dalla meccanica raffinata e dalle caratteristiche di guida molto valide sia in strada che fuoristrada.

Pregi

Meccanica pregevole – Guidabilità

Difetti

Finiture di alcuni particolare interni – Prestazioni del 1.6 benzina
 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Subaru XV
Modelli top Subaru
Maggiori info
Subaru
  • Subaru Italia S.p.A. Via Montefeltro, 6/A
    20156 Milano (MI) - Italia
    840 078 078   http://www.subaru.it