Automoto.it per VW Italia

SUV e Crossover, Quale scegliere tra i modelli della T-Family Volkswagen?

-

La gamma SUV Volkswagen è tra le più complete in assoluto, spaziando sui vari segmenti esistenti. Ecco una carrellata d’informazioni e impressioni dal vivo per scoprire il target preciso di ognuna: T-Cross, T-Roc, Tiguan e Touareg

L’arrivo di T-Cross all’interno della gamma Volkswagen ha riempito l’ultimo tassello che mancava alla Casa di Wolfsburg per coprire davvero le esigenze di ogni automobilista, anche nel segmento dei SUV. Un’offerta che si aggiunge alle versioni Alltrack di Passat e Golf e che comprende T-Cross, appunto, T-Roc, Tiguan (disponibile anche in versione Allspace) e Touareg. A chi si rivolge ognuna di queste vetture e quale è l’automobilista più adatto ad ognuna di esse? Proviamo a scoprirlo insieme, grazie anche al nostro video che le affianca nell’utilizzo durante un test parallelo.

VW T-Cross
VW T-Cross

T-Cross

Cominciamo dalla più piccola delle quattro. Con sei centimetri di lunghezza in più e un passo identico, la T-Cross è di fatto l’alternativa in chiave SUV alla sorella Polo. Realizzate entrambe sulla base del noto pianale modulare MQB, sono lunghe rispettivamente 4,05 (la Polo) e 4,11 (la T-Cross) con un interasse di 2,55 metri. È innanzitutto l’altezza della seduta a cambiare l’esperienza di guida, con un sedile che per la B-SUV si trova a 60 cm dal suolo, cui si aggiunge un’abitabilità leggermente differente, anche per i passeggeri posteriori. Merito di una soluzione davvero “smart” come quella del divanetto posteriore scorrevole, che consente di gestire al meglio gli spazi di bagagliaio e passeggeri. Proprio il vano bagagli gode di ben 455 litri in capacità di carico, a fronte dei 351 della Polo, con possibilità di raggiungere addirittura 1.281 litri se il divanetto è in posizione avanzata e lo schienale di quest’ultimo è abbattuto.

Completissimo, per la categoria, è tanto il sistema infotainment quanto il pacchetto di aiuti alla guida. La T-Cross è infatti la migliore del segmento disponendo di un sistema assistenza alla guida di Livello 2, con disponibilità, quindi, non soltanto di un cruise control adattivo ma anche di un sistema di mantenimento automatico della carreggiata. È disponibile sia con il 1.0 TSI a benzina, in versione da 95 e 115 CV, sia con un 1.6 TDI da 95 CV. Entrambe le motorizzazioni prevedono la possibilità di equipaggiare la vettura con il cambio DSG. Per la più piccola, della T-Family, il listino parte da 19.000 Euro.

VW T-Roc
VW T-Roc

T-Roc

All’interno di un listino apparentemente “ordinato” come quello della gamma SUV di VW, a rappresentare una variante sulle prime di difficile interpretazione è proprio la T-Roc, al debutto nel 2017. A cambiare, rispetto a T-Cross, sono innanzitutto le forme: T-Roc è più propriamente una crossover, via di mezzo tra una vettura di segmento B/C e un SUV vero e proprio. Di fatto è il design l’elemento che più di ogni altro contraddistingue questa vettura, con forme molto personali, pur se un po’ più ingombranti rispetto alla più piccola T-Cross, a fronte di una meccanica molto simile.

È così che la lunghezza cresce, arrivando a raggiungere i 4,23 metri, con un interasse che aumenta però di un solo centimetro, arrivando a 2,56 metri. Il lunotto posteriore più spiovente, fa perdere alla T-Roc 10 litri di bagagliaio, che scendono, così a 445, con la possibilità, tuttavia di arrivare a 1.290 (9 in più rispetto a T-Cross) con i sedili abbattuti, nonostante l’assenza del divanetto posteriore scorrevole. La vettura cambia anche dentro, con l’impiego di una serie di plastiche colorate in tinta con il colore carrozzeria, che rendono la plancia decisamente originale. Non cambia, al contrario, l’equipaggiamento sul fronte dell’infotainment, con possibilità di montare anche su T-Roc il sistema Active Info Display e il Navigatore “Discover” Media, che include lo schermo touch da 8 pollici a centro plancia.

È in generale il posizionamento che Volkswagen ha scelto per questa vettura, a marcare la distanza con T-Cross. T-Roc non a caso può contare su una più ampia scelta di propulsori e su alcune tecnologie non disponibili per la prima. Qui è disponibile il 1.0 TSI da 95 CV, insieme al 1.5 TSI da 150 CV così come il diesel 2.0 TDI, sempre da 150 CV. La T-Roc può, inoltre, essere scelta in variante 4Motion e nella lista di optional, a differenza della T-Cross, compare l’Adaptive Chassis Control, che permette di intervenire sull’assetto impostando una modalità di guida e una conseguente differente risposta - tra le varie - degli ammortizzatori.

Si aggiunge ai sistemi di aiuto alla guida di ultima generazione presenti, invece, al pari, su entrambe le vetture. Più scelta e più tecnologia, per una vettura che è pensata per un pubblico più esigente, che probabilmente tenderà a impiegare più spesso l’auto al di fuori dei contesti urbani e che, però, al loro interno, non vuole rinunciare a dare sfogo alla propria personalità con un design accattivante e con scelte cromatiche anche non convenzionali. La T-Roc parte su listino prezzi da 23.650 Euro.

VW Tiguan
VW Tiguan

Tiguan

Più grande nelle dimensioni, più spaziosa al suo interno, ancor più curata nei dettagli, Tiguan è il SUV di segmento C di Casa Volkswagen. Un prodotto che si rivolge a chi desideri maggiore abitabilità, ma anche a chi sia alla ricerca di un SUV dalle linee molto personali e dall’aspetto sportivo. La Tiguan è lunga 4,48 metri (quindi 25 cm in più della T-Roc) ed è larga 1,84 (la T-Roc è larga 1,81). Il passo aumenta di circa 10 cm rispetto ai modelli che abbiamo già visto, andando a raggiungere i 2,67 metri, a tutto vantaggio degli occupanti posteriori, che guadagnano spazio per le gambe e per una seduta ancor più comoda. Anche il bagagliaio aumenta di volume, raggiungendo i 615 litri in modalità standard, con una capienza che arriva a 1.655, con i sedili abbattuti. Più spazio per occupanti e bagagli ma anche una maggior cura in alcuni dettagli, come le plastiche impiegate per la plancia.

Rispetto a T-Roc, ci alziamo ancora un po’, dal punto di vista del posizionamento e anche del prezzo, con la possibilità di fare ricorso a materiali ancor più pregiati (come le plastiche morbide adottate sulla plancia) a parità di equipaggiamento sul fronte tecnologico. Ci sono, infatti, anche su Tiguan tutti quei sistemi di sicurezza di cui abbiamo già parlato per T-Cross e T-Roc. Lo schermo del sistema infotainment diventa da 9,2 pollici e fa la sua comparsa anche un head-up display, che si aggiunge all’Active Info Display. Anche qui si trova il sistema Adaptive Chassis Control comprensivo di regolazione adattativa assetto, con Driving Profile Selection, ma fanno la loro comparsa nuove motorizzazioni.

Sia nel caso in cui si scelga un propulsore a benzina, che in quello in cui lo si preferisca diesel, è possibile optare per una variante da 190 CV. Ma soprattutto, su Tiguan, compare a listino una variante diesel, 2,0 litri, dotata di sovralimentazione bi-turbo capace di 240 CV. La sportività trova migliore espressione nella presenza di serie, su questa motorizzazione, del R-Line Exterior Pack con assetto ribassato di 10 mm. Tiguan è disponibile al pubblico su un listino prezzi che partire da 30.750 euro, arrivando fino ai 49.300 € necessari per la variante Advanced R-Line 2.0 BiTDI, optional esclusi.

VW Touareg
VW Touareg

Touareg

E’ la vera e propria regina della gamma SUV di Volkswagen, la Nuova Touareg, giunta alla sua terza generazione e rinnovata proprio lo scorso anno. Si tratta, chiaramente, di una vettura destinata a chi cerchi in un SUV il massimo del comfort, il massimo della tecnologia e il massimo della qualità dal punto di vista dei materiali e delle finiture. La Touareg può infatti essere a tutti gli effetti definita come una vettura di lusso, con ampio ricorso a materiali di pregio e a vere e proprie chicche di dotazione, in base all’allestimento. Decisamente più generosa nelle dimensioni di ciascuna delle altre vetture in famiglia Crossover e SUV VW viste sino ad ora, è lunga 4,87 metri, con un passo pari a 2,91 metri. L’unica delle quattro a essere realizzata su un differente pianale, l’MLB, che le permette di montare propulsori disposti in senso longitudinale (al contrario T-Cross, T-Roc e Tiguan, hanno il propulsore montato in senso trasversale, oltre l’asse anteriore). Questo aspetto tecnico è importante, oltre che per la dinamica di guida, anche perché consente alla Touareg di montare propulsori V6 e V8, che non trovano posto neppure su Tiguan. La Touareg è così disponibile con un 3.0 V6 TDI in due differenti varianti di potenza (231 e 286 CV) e con un 4.0 TDI V8 da 422 CV.

VW T-family 2019 al completo
VW T-family 2019 al completo

In aggiunta a quanto già visto sugli altri modelli, sul fronte dell’infotainment e degli aiuti alla guida, Touareg dispone come optional di tecnologie quali lo Steering Pack Plus, che interviene sul rollio della vettura, variando in movimento la risposta delle sospensioni (indipendenti l’una dall’altra per contrastare il coricamento della vettura sul lato esterno della curva). Presenti fari LED Matrix IQ.LIGHT che, oltre a poter contare su proiettori composti da una serie di LED a matrice attiva, lavorano in combinazione con il sistema GPS orientando il fascio in ragione della posizione su strada, agli altri occupanti e rispetto all’ambiente che la circonda. Ancora sul fronte della tecnologia, da segnalare la presenza del sistema Night Vision che, grazie a una telecamera termografica, rileva la radiazione infrarossa degli esseri viventi e visualizza sulla plancia un'immagine termica delle zone circostanti. Si evidenziano persone ed animali eventualmente presenti.

Più qualità, più tecnologia e motorizzazioni più prestanti significano naturalmente anche prezzi maggiori. Per portarsi a casa una Touareg servono almeno 61.000 Euro, con prezzi che arrivano a 97.000 Euro per la versione Advanced con motorizzazione 4.0 TDI V8 da 422 CV.

Conclusioni

Dopo aver provato tutte le auto della T-Family Volkswagen attuali, possiamo certo dire che i tedeschi accontentano tutti i gusti e soprattutto le esigenze, grazie a una gamma ben accresciuta da quel primo debutto del 2002. Il family feeling è notevole a livello stilisto, però sotto il vestito e le misure, cambiano anche tecnica e prestazioni dei modelli. T-Cross non può essere integrale, ma è ottimale per l'uso urbano, rispetto a una T-Roc con maggiori velleità pur senza arrivare ai grossi ingombri. Tiguan invece molto più familiare e arricchibile, di dotazioni interessanti. Infine Touareg, vera ammiraglia.

  • barbasma_521775, Azzate (VA)

    E' paradossale che VW che ha sfornato l'auto piu' iconica della storia, il maggiolino, ancorche' disegnata da Porsche, adesso sforni le auto dal design piu' noioso dell'intero mercato.
Inserisci il tuo commento