primo test

Suzuki S-Cross restyling 2016 [Video prime impressioni]

-

Suzuki rifà il look alla sua S-Cross. Ora, il SUV, prova ad avvicinarsi alla concorrenza per quanto riguarda finiture estetiche e funzionalità di guida, anche se…

Nata nel 2006 in un progetto di cooperazione con Fiat – che produsse la Sedici – la SX4, meglio nota come S-Cross, ha visto il lancio della seconda generazione nel 2013. Ora, i tecnici di Iwata hanno deciso di concederle il più classico dei facelift di metà carriera.

Dal vivo: com’è fuori

A livello estetico i cambiamenti con la versione precedente sono drastici. Le cromature la fanno da padrone, con una presa d’aria imponente che ricorda molto le Jeep. Il design del cofano motore è stato cambiato, assumendo ora la forma di una conchiglia: si tratta di un processo che abbiamo visto poche volte quando si tratta di restyling, il che dimostra la forte volontà della casa di puntare su questo segmento.

Il frontale della S-Cross, dopo il restyling, diventa davvero cromato ed imponente
Il frontale della S-Cross, dopo il restyling, diventa davvero cromato ed imponente

I gruppi ottici sono ora a LED, mentre piacevoli cromature si possono riscontrare anche come cornice per i fendinebbia.

Lateralmente troviamo la bella presenza di cerchi in lega da 17” a cinque razze sdoppiate, con la possibilità di scegliere la sola colorazione argentata o, in alternativa, il bicolore. Al posteriore, infine, fa la sua bella comparsa uno spoiler sul tettuccio per garantire linee più filanti nel complesso alla vettura.

Dal vivo: com’è dentro

Il passo avanti rispetto al modello di lancio è importante. Per prima cosa, dalla plancia spariscono le plastiche dure, che vengono sostituite da materiali soft touch. Impossibile, poi, non notare la console piano black all’interno della quale è incastonato il touchscreen da 7”, dove sono stati implementati Apple CarPlay e MirrorLink, per andare così a completare il sistema di infotainment. Belle anche le cornici argentate delle prese d’aria.

I sedili si rivelano morbidi – forse un filo troppo – ma nel complesso piacevoli, anche se non troppo avvolgenti. Il volante, regolabile in altezza e profondità, non sfugge dalle mani, anche per via di una corona facile da impugnare. La strumentazione analogica del cruscotto, poi, è ben distinguibile in ogni condizione. Tra il contagiri ed il tachimetro, inoltre, fa la sua comparsa un piccolo display digitale attraverso il quale possiamo tenere d’occhio valori importanti, come il consumo medio o immediato.

Come si guida

A livello meccanico, nulla è cambiato sulla Suzuki S-Cross rispetto alla versione pre-restyling. La dinamica di guida, quindi, rimane come sempre piacevole. Non si nota quasi il centimetro in più di altezza che i tecnici nipponici hanno dato all’auto, facendola passare dai 1570 ai 1580 mm.

La Suzuki S-Cross restyling è una macchina in cerca di una forte personalità. Il frontale ridisegnato – e per certi versi stravolto – ne è un esempio lampante. Complessivamente, ambisce ad essere la seconda auto per le famiglie, quella magari che strizza l’occhio alla signora di casa, che deve dividersi tra i mille impegni dei figli e che ha bisogno di farlo con un mezzo che consenta una buona capacità di carico, comodità e praticità di utilizzo

Siamo al volante dell’ammiraglia della casa, un SUV pensato per le famiglie e per i lunghi viaggi. Lo sterzo è molto morbido, ma ciononostante non si hanno mai sensazioni menzognere di ciò che abbiamo sotto i nostri piedi, e l’inserimento in curva è preciso. Per quanto riguarda le motorizzazioni, bisogna fare due discorsi ben distinti. Iniziamo col dire che quella che ci ha maggiormente convinto è il 1.0 boosterjet, motore a benzina a tre cilindri da 112 CV e 170 Nm, che porta la trazione sull’asse anteriore. Brillante e deciso, tende un filo a perdersi durante le salite più impegnative, ma basta scalare la marcia per tornare ad avere tutto il brio che serve. Consigliatissimo, quindi, per la città e per le piccole gite fuori porta. Non ci ha emozionato allo stesso modo il 1.4 boosterjet, sempre a benzina, capace tuttavia di una potenza di 140 CV e 220 Nm di coppia: il sound si fa forse un filo troppo presente nell’abitacolo, nonostante su questa versione sia presente la trazione integrale, vero fiore all’occhiello di casa Suzuki.

Il divano posteriore ben si adatta ad occupanti di piccola taglia, che possono salirvi comodamente in tre. La situazione cambia, invece, in caso di adolescenti, anche per via di un tunnel centrale non propriamente piatto se si sceglie di puntare sulla trazione AWD.

Nei modelli dotati di trazione integrale, poi, è presente un comando nel tunnel centrale in grado di variare tra quattro modalità di guida: Normal, Sport, Mud&Snow e Lock. Quest’ultima si rivela utilissima quando decidiamo di lanciare nel fuoristrada la S-Cross, dato che interviene sul differenziale, bloccandolo per garantire sempre e comunque il massimo della trazione.

Sicurezza attiva e passiva: ce n’è per tutti i gusti

La S-Cross 2016 si dimostra in linea con gli aiuti alla guida, tenendo d’occhio la concorrenza diretta. Abbiamo l’oramai immancabile Adaptive Cruise Controll, in grado di regolare la velocità del veicolo allineandola a quello che lo precede, mentre è anche presente il Radar Brake Support, in grado di frenare autonomamente il veicolo nel caso di riconoscimento di un ostacolo.

Conclusioni

La Suzuki S-Cross restyling è una macchina in cerca di una forte personalità. Il frontale ridisegnato – e per certi versi stravolto – ne è un esempio lampante. Complessivamente, ambisce ad essere la seconda auto per le famiglie, quella magari che strizza l’occhio alla signora di casa, che deve dividersi tra i mille impegni dei figli e che ha bisogno di farlo con un mezzo che consenta una buona capacità di carico, comodità e praticità di utilizzo.

I prezzi variano sensibilmente a seconda dell’allestimento scelto: per chi volesse la S-Cross 1.0 Easy si parte 18.990 euro, mentre chi non vuole rinunciare a nulla deve sborsare 28.090 euro per portarsi a casa la Cool spinta dal diesel 1.6 con cambio DCT.

Pregi e difetti

  • Motore 1.0 boosterjet davvero ben riuscito - Morbidezza e fluidità di guida - Buona abitabilità
  • Prezzo elevato per la full optional - Forse troppe cromature all'anteriore

 

  • nikonfm3a, Viterbo (VT)

    Un'auto di sostanza che ha quasi tutto senza apparire. La apprezzi guidandola (ho il 1400)
  • Marcotano, Campi Bisenzio (FI)

    l'estetica è sempre soggettiva,però siamo passati da un frontale abbastanza anonimo,visto e rivisto,ad un design orientaleggiante che temo possa piacere a pochi,soprattutto in Italia.
    Peccato,preferisco senza dubbio la serie precedente.
Inserisci il tuo commento
Altri su Suzuki S-Cross
Modelli top Suzuki
Maggiori info
Suzuki
  • SUZUKI ITALIA S.p.A. C.so Fratelli Kennedy, 12
    10070 Robassomero (TO) - Italia
    800 452 625   http://auto.suzuki.it