mostra aiuto
Accedi o registrati
prime impressioni

Abarth 595 restyling [Video prime impressioni]

-

Con il restyling l'Abarth 595 diventa più raffinata dal punto di vista degli equipaggiamenti, ma sfodera anche un pedigree di prestigio a livello meccanico. Qualche dettaglio da migliorare, ma è un luna park su ruote

Come tutte le auto sportive ha da sempre diviso gli appassionati. Ma il dato di fatto resta. L’Abarth 500, poi trasformatasi in 595, è un fenomeno di assoluto successo, capace di conquistare più di 100.000 clienti in tutto il mondoOggi, a distanza di ben 8 anni dal lancio, l’Abarth 595 si concede finalmente un bel restyling di metà carriera. Ma il Cinquino tutto pepe non ha colto l’occasione soltanto per rifarsi il look, ma anche per aggiornarsi negli equipaggiamenti e soprattutto nella meccanica. 

Dal vivo: com’è fuori

Riconoscere la 595 restyling è semplice. Il frontale infatti offre una zona inferiore completamente rivista, con prese d’aria maggiorate. Non solo per un fatto estetico ma anche - secondo quanto dichiarato dagli ingegneri Abarth - per migliorare il raffreddamento del motore. Nuovi anche i cerchi in lega da 17 pollici, anche in questo caso riprogettati per soddisfare al meglio la “fame d’aria” dell’impianto frenante Brembo. La zona posteriore saluta l’arrivo dei nuovi gruppi ottici a led, arrivati con il restyling di 500, mentre il paraurti si rifà il trucco con un look più moderno. L'oggetto del desiderio però rimane l'impianto di scarico Record Monza con doppi terminali di scarico.

Dal vivo: com’è dentro

Novità anche all’interno dove arriva un nuovo volante, rivestito in fibra di carbonio e Alacantara, mentre al centro spicca il sistema di infotainment Uconnect con il piccolo schermo da 5”. In opzione si può avere anche l’impianto audio Beats da 480 Watt dotato di un subwoofer che trova posto nel vano della ruota di scorta, anche se il pezzo forte rimangono i nuovi sedili sportivi Corsa by Sabelt (di serie su Competizione) con guscio in fibra di carbonio che si possono rivestire anche in Alcantara e pelle. 

Tecnica

Sotto al cofano del Cinquino sportivo pulsa il collaudato 1.4 turbo benzina T-Jet. declinato in diversi step di potenza. La versione di accesso alla gamma 595 ora eroga 145 CV e 206 Nm mentre la 595 Turismo arriva a 165 e 230 Nm. Al vertice del listino c’è la versione Competizione protagonista della nostra prova, che non offre solo 180 CV, ma anche una dotazione tecnica di alto livello. Oltre all’impianto Brembo prelavato direttamente dalla versione Assetto Corse, ovvero la variante da gara che scende in pista nel monomarca Abarth, la Competizione sfodera ammortizzatori Koni FSD e l’ambito scarico Record Monza. In opzione però si può avere anche un bel differenziale autobloccante meccanico anteriore. Il cambio rimane il manuale a cinque marce, anche se si può ancora scegliere il robotizzato con i paddles al volante.

  1 di 3  

Le nostre impressioni di guida

Guidare la 595 lungo i saliscendi della Valpolicella è stato puro divertimento. L’assetto granitico della versione Competizione, unito all’estrema vivacità del T-Jet, ha saputo creare un mix perfetto per esaltarsi alla guida. Il tutto condito dal sound dello scarico Record Monza con valvola di by-pass passiva (fa tutto da sola), che ad alti regimi regala un sound penetrante. Le note sono quelle cupe di un turbo, ma il volume è quasi da ritiro-patente. In più, tra una cambiata e l’altra, borbotta che è un piacere.

La piccola 595 schizza via come un mini-razzetto impazzito, trasformandosi in un luna park a quattro ruote

Il motore ha un ritardo abbastanza evidente al comando del gas. Ma è un istante, dopo il quale la turbina Garrett entra in scena soffiando aria nel motore a pieni polmoni. La piccola 595 schizza via come un mini-razzetto impazzito, trasformandosi in un luna park a quattro ruote. E’ così rigida che i cambi di direzione diventano fulminei e non è difficile ottenere, in più di un’occasione, qualche reazione brusca e nervosa dal retrotreno. 

Da favola poi l’autobloccante meccanico, che ci ha tirato fuori da curve e tornanti con una forza più da Maciste che da 500, regalandoci una motricità impressionante per una “tutt’avanti” così potente. Ci ha convinto meno lo sterzo, sempre troppo leggero e non sempre preciso, così come il cambio. La leva è molto bella da impugnare, la corsa è abbastanza corta, ma gli innesti sono un po’ “spugnosi” e non restituiscono un bellissimo feeling.

Conclusioni

La Abarth 595 restyling si conferma oggi più che mai un’auto unica nel suo genere. A livello meccanico diventa molto più raffinata e riesce veramente a divertire nella guida dinamica. Peccato per i prezzi, che partono da circa 19.000 euro ma rischiano di schizzare verso i 30.000 con fin troppa facilità.

Pregi e difetti

  • Look inconfondibile, è unica nel suo genere - Motore T-Jet con differenziale meccanico - Assetto granitico
  • Sterzo, troppo leggero e poco preciso - Cambio, innesti “spugnosi” - Abitabilità posteriore limitatissima con i sedili Sabelt

 

  1 di 10  

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Abarth 595
Maggiori info
Abarth