carburanti

A Lisbona i bus vanno a olio da cucina esausto

-

Nella capitale portoghese le linee urbane convertite a gasolio 100% bio

A Lisbona i bus vanno a olio da cucina esausto

A Lisbona un’intera flotta di bus urbani gestita dall’azienda Carris è stata convertita a biodiesel riciclato da oli da cucina esausti.

Il progetto, battezzato “Movido a Biodiesel” ed avviato lo scorso luglio insieme al produttore di biocarburanti Prio, ha previsto una fase di test con una parte della flotta che ha utilizzato Diesel convenzionale, mentre la restante parte ha utilizzato il gasolio B100 prodotto con oli da cucina usati di Prio.

La fase di valutazione ha permesso di confermare l’efficacia del carburante e l’impatto sui motori, che è stato praticamente nullo in termini di prestazioni e usura dei propulsori. Lisbona, con le sue ripide salite, è un campo di prova estremamente valido per questo tipo di valutazioni. I tecnici hanno riscontrato solamente un leggero aumento dei consumi, considerato comunque insignificante e già previsto dal team di lavoro.

In compenso, l’utilizzo di oli da cucina riciclati come carburante permette, secondo Carris, un abbattimento delle emissioni di gas serra dell'83% rispetto al gasolio fossile tradizionale senza dover acquistare bus più recenti. 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento