tecnica

Bugatti Chiron, gomme “spaziali” per il record di velocità

-

Le speciali Michelin da 490 km/h sono state testate con banchi di prova impiegati per lo sviluppo dei pneumatici dello Space Shuttle

La speciale Bugatti Chiron che ha conquistato il record di velocità infrangendo il muro delle 300 miglia orarie (304,773 mph, pari a 490.484 km/h) ha richiesto un intenso gioco di squadra tra tecnici Bugatti, Dallara e Michelin, la casa costruttrice che fornisce le gomme di primo equipaggiamento della hypercar francese.

Quelli sviluppati per la versione da record, di misura 285/30 R20 all’anteriore e 355/25 R21 al posteriore sono delle speciali Michelin Pilot Sport Cup 2 che hanno richiesto un banco di prova molto speciale.

Realizzati specificamente per Bugatti, con marcatura “BG” sul fianco, e omologati per l’utilizzo stradale, si differenziano dalla versione utilizzata in primo equipaggiamento nelle tele sotto il battistrada, rinforzate in particolar modo per gestire i 5300 G che devono sopportare a velocità elevatissime.

Oltre al suo centro R&D di Ladoux, in Francia, Michelin ha dunque impiegato il suo sito a Charlotte (Carolina del Sud), negli Stati Uniti, dove sono stati impiegati macchinari specializzati per effettuare prove estreme. Al fine di testare i pneumatici alle elevatissime velocità che la Bugatti Chiron è in grado di raggiungere, Michelin ha utilizzato un macchinario di prova progettato per testare i pneumatici che hanno equipaggiato lo Space Shuttle.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento