nuova alfa coupé

Comunque vada sul mercato sarà un successo: nuova Alfa Romeo coupé GTV [più Brera che Montreal, per ora]

-

Arriva solo nel 2027, secondo programmi e ritardi, la nuova coupé elettrica Alfa, ma potrà prendere il posto della GTV (speriamo, non di Brera e... Smettete di sognare la Montreal se non la conoscete)

Comunque vada sul mercato sarà un successo: nuova Alfa Romeo coupé GTV [più Brera che Montreal, per ora]

Se davvero Stellantis vuole tenere un minimo vivo il blasone di certi marchi premium relativamente morti già prima di entrare nella sua gestione, invece di allungarne i tempi di rilancio, qualcosa di bello lo deve far vedere. 

Non per venderne troppe, di nuove e vere belle auto italiane premium, almeno da noi se costano molto più di 50mila euro e sono BEV, ma per mostrare che ancora ci sono. Che dietro al logo esiste una struttura con capacità e potenza di fuco, almeno per dei concept. Alfa Romeo, prima fra tutte vede pianificata una vera sportiva coupè, erede a listino dell’ultima (poco venduta, poco piaciuta) Alfa Brera.

O meglio, visto che deve essere simbolo con DNA tecnico elevato e non additabile come bidone rispetto alla concorrenza (vedi Brera, appunto) Alfa Romeo Montreal. E dai, solo dire Montreal fa ingolosire tutti quelli che sui social cliccano, commentano e condividono ma non la hanno mai toccata e danno per scontato che fosse tanta roba sotto tutti i punti di vista. E lo era, anche per le manutenzioni onerose invero, ma che tecnica da pochi e che impatto diverso da tutte.

Nel fantasticare sulle forme, perché di quello si parla al momento, ecco l’ultimo video sfornato su Youtube: la futura coupé di valore Alfa, nemmeno poderosa come Montreal in questi render da soli quattro metri e mezzo.

La Montreal di Alfa Stellantis sarebbe elettrica, quindi blasfema pensando a cosa è sotto il cofano della vera Montreal. Ma facciamoli fantasticare con le loro “piccole grandi” idee di fari tondeggianti (simili a certe Mercedes SLK) feritoie all'americana e pura fantasia di potenza (“550 CV alla spina”, dicono, con autonomia 600 km).

Che conta e che avremo, quello sì, è la guida sportiva su una nuova Alfa Romeo coupé, che arriverà e sarà, ed è, un arduo compito per chi la progetta senza cilindri come le storiche di livello, che ne avevano parecchi con tutto il bello che ne consegue.

  • filippo.friedman, Lignana (VC)

    non conosco l autore dell'articolo, sinceramente poco m'importa, ma visto il contenuto vanno fatte delle precisazioni.
    La Brera come la 159 a livello di design hanno avuto estremamente molti più sostenitori rispetto a quanto visto con giulia e stelvio.
    quest'ultime peccano di linee totalmente anonime e obsolete.
    la Brera esteticamente é tale e quale al concept presentato, ed é proprio questo il valore aggiunto, é unica, non ha un segmento delineato, ed é grazie a questo difetto che si é creata una schiera infinita di ammiratori, cosa che non si può certo dire (ribadisco il concetto) delle anonime e dalle nulla eccelse caratteristiche estetiche di giulia e stelvio.
    la 159 allestimento TI con cerchi da 19" a ragno bruniti in giro fa girare ancora gli sguardi, cosa che a fatica riescono a fare attuali versioni di QV.
    discorso diverso sul piano dinamico, ma questo é un altro discorso... ma alla gente piace aprire il garage ed essere soddisfatta con gli occhi, e il flop di vendite della giulia (pari a quello della brera, ma per altri motivi) parla chiarissimo.
    Brera bella, piace ma non si sa in che settore metterla, e dietro é vivibile solo per pigmei.
    Giulia, berlina brutta con assistenza da rivederw.
Inserisci il tuo commento
Altri su Alfa Romeo Brera
Modelli top Alfa Romeo
Maggiori info
Alfa Romeo