attualità

Coronavirus: Piemonte chiede stop a blocchi del traffico

-

L’assessore Marnati: «Mezzi privati più sicuri del trasporto pubblico in questo momento»

Coronavirus: Piemonte chiede stop a blocchi del traffico

Il governatore Alberto Cirio e l’assessore regionale all’Ambiente del Piemonte Matteo Marnati hanno chiesto al Ministero della Salute di integrare l’ordinanza sul contenimento del Coronavirus con la sospensione temporanea dei blocchi alla circolazione delle auto private almeno fino a sabato 29 febbraio.

Lo scopo è incentivare il trasporto privato dei cittadini per diminuire il rischio di contagio da Covid-19.

«Lo scopo - spiega Marnati - è di incentivare la fruizione del trasporto privato da parte dei cittadini per diminuire il rischio di diffusione per contatto ravvicinato tra le persone. In questo momento l'utilizzo del mezzo privato è quello meno rischioso per la popolazione che ha necessità di spostarsi. La Regione ricorda comunque che tutti i mezzi di trasporto continueranno ad essere disinfettati tramite sanificazione degli ambienti».

La deroga è stata concertata con Arpa, la quale conferma che fino al 29 febbraio non sussiste il pericolo di superamenti della presenza di polveri sottili e NOx.

Intanto la municipalizzata GTT ha preso una serie di misure di sicurezza dando attuazione al decreto legge che ha stabilito lo stato d’emergenza e alle ordinanze del Ministero della salute. E’ stato chiesto alle aziende esterne incaricate della pulizia dei veicoli di disinfettare giornalmente bus, tram, treni della metropolitana e treni regionali.

 

Per ulteriore precauzione, sono state consegnate al personale addetto al controllo dei titoli di viaggio su bus, tram, metro e treni delle salviettine umidificate a base di alcol, in attesa di reperire gel idroalcolico, prodotto in questo momento di non facile approvvigionamento. Sono inoltre state impartite disposizioni per effettuare i controlli dei titoli di viaggio a terra e non sulle vetture.

Per quanto riguarda la metropolitana, sarà incrementato il ricambio d’aria attraverso il circuito forzato alimentato da bocchette esterne.

Per quanto riguarda infine i punti di contatto con il pubblico (ad es: centri di servizio al cliente, ufficio pagamento sanzioni, stazioni della metropolitana, biglietterie di stazione fisiche ed automatiche), sarà potenziata la disinfezione con prodotti specifici e saranno adottate misure per evitare l’affollamento degli uffici.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento