Guida sicura

Dekra e Formula Imola insieme per la sicurezza alla guida

-

E’ stato ufficializzata nella giornata di ieri mercoledì 24 ottobre 2012 la partnership che legherà Formula Imola a Dekra nella formazione dei driver con dei corsi di guida sicura

Dekra e Formula Imola insieme per la sicurezza alla guida

Imola – E’ stato ufficializzata nella giornata di ieri mercoledì 24 ottobre 2012, presso l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, la partnership che legherà Formula Imola (società che gestisce il circuito) a Dekra (organizzazione specializzata nei servizi professionali di sicurezza e di sicurezza nei settori automotive, industriale e terziario avanzato) nella formazione dei driver con dei corsi di guida sicura.

I termini dell'accordo

L’accordo – rinnovabile e della durata di 5 anni – prevede appunto da parte dell’Autodromo ed insieme a Dekra, la realizzazione di un centro specializzato nella formazione della guida in sicurezza che potrà contare – oltre che sull’impianto già esistente – su un inedito tracciato che verrà realizzato presso l’attuale Paddock Rivazza e che vanterà dalla sua l’esperienza degli istruttori della D4S  - DekrafourS – ossia la scuola superiore Dekra per la sicurezza stradale.

Oltre alla guida sicura, l’accordo prevede anche un’attività istituzionale di supporto da parte di Dekra nei confronti dell’Autodromo, finalizzata a riportare a Imola alcuni eventi sportivi di carattere internazionale, oltre a puntare ad organizzarne di nuovi nell’ambito della collaborazione (che nel prossimo futuro potrebbe comprendere anche un museo all'interno del circuito).

A fronte dell’accordo preso inoltre, Dekra si è impegnata a sponsorizzare la Torre posta all’ingresso dell’Autodromo, che è già stata allestita con i colori e il logo della società.

dekra formula imola (18)
Oltre alla guida sicura, l’accordo prevede anche un’attività istituzionale di supporto da parte di Dekra nei confronti dell’Autodromo, finalizzata a riportare a Imola alcuni eventi sportivi di carattere internazionale

Numerose le personalità presenti

Alla presentazione della partnership – tenutasi nella sala briefing “Gianni Berti” del circuito – sono intervenuti – moderati dal nostro corrispondente per la Formula 1, Paolo Ciccarone - Uberto Selvatico Estense, Presidente di Formula Imola; Marco Mauri, Chief Country Officier di Dekra Italia Holding; Daniele Manca, Sindaco di Imola e il Dottor Claudio Costa.

Tre tipologie di prova

Nell’arco della presentazione di questa partnership, abbiamo potuto toccare con mano alcune delle specialità con cui Dekra e Formula Imola formeranno gli allievi della scuola di guida sicura a partire dal prossimo anno, ovvero Skid; Test dell’Alce e giro di pista. Quattro le vetture impiegate da Dekra per affrontare queste tipologie di corso, ovvero Citroen DS4 Racing; Citroen DS3; Peugeot 208 e Peugeot RCZ e tutte rispettivamente impiegate nelle diverse tipologie di prova a seconda della maggior intrinseca inclinazione della vettura.

In pista

La nostra esperienza è iniziata con la guida in pista - da noi effettuata con la Peugeot RCZ (ma è disponibile a tal fine anche la Citroen DS3 Racing) che ci ha visto protagonisti di due giri lanciati sul mitico tracciato dell’Autodromo intitolato ad Enzo e Dino Ferrari. Preso posto all’interno dell’abitacolo – ed opportunamente regolata la posizione di guida – veniamo affiancati dall’istruttore che siede sul lato passeggero. Inserita la prima lasciamo la corsia box mantenendo il rigoroso limite dei 60 km/h per poi immetterci con veemenza sul rettilineo che ci porta alla staccata della variante del Tamburello.

Subito l’istruttore inizia a correggere i nostri piccoli errori dandoci consigli pratici su come migliorare la guida, suggerendoci di diminuire l’aggressività nell’ingresso di curva onde cercare una maggiore linearità, al fine di ottenere traiettorie più fluide e quindi più efficaci.

dekra formula imola (62)
Subito l’istruttore inizia a correggere i nostri piccoli errori dandoci consigli pratici su come migliorare la guida, suggerendoci di diminuire l’aggressività nell’ingresso di curva onde cercare una maggiore linearità

 

Il consiglio – che vale per tutto il tracciato – è infatti di massimizzare la forza frenante ben prima dell’inserimento per non dover aprire appieno il gas nella prima metà di variante al fine di ottenere una migliore percorrenza, permettendoci quindi di riaprire con maggiore serenità da metà curva in poi onde sfruttare cavalli e coppia in uscita per lanciarci con maggior efficacia verso la variante successiva.

Arriviamo così più preparati alle curve successive, che a Imola sono in sequenza la Villeneuve, la Tosa, la Piratella, le Acque Minerali, la Variante Alta e la Rivazza (la Variante Bassa viene chiusa per le auto), per poi migliorarci nel giro successivo grazie alle indicazioni forniteci dall’istruttore al nostro fianco che non manca di indicarci le traiettorie corrette ed il modo migliore per percorrerle.

Skid

La nostra esperienza con la guida sicura di Dekra prosegue poi con l’esperienza Skid, che, a bordo di una Peugeot 208 dotata di carrelli laterali posteriori, permette di prendere pratica – a velocità ridotte – con il concetto di controsterzo quando la vettura và in perdita di aderenza.

Tale “esercizio” si effettua infatti in prima marcia tra una serie di birilli disposti in fila e da driblare. L’utilizzo dei comandi del gas e della frizione è essenziale in questa fase. Da dimenticare totalmente invece l’utilizzo del freno, mentre di fondamentale importanza diviene la padronanza del comando di sterzo, da girare nella direzione opposta rispetto a dove sta andando la vettura mentre il retrotreno perde aderenza onde riprendere il controllo dell’auto.

Lo Skid permette di prendere praticacon il concetto di controsterzo quando la vettura và in perdita di aderenza


Importantissimo in questa fase mantenere lo sguardo nella direzione in cui la vettura dovrebbe andare e non verso dove sta invece andando, onde poter eseguire al meglio la manovra di recupero. Una fase più avanzata di tale esercizio viene poi effettuata con un’altra vettura dotata di un carrello a comando idraulico onde acquisire padronanza con questa tecnica anche a velocità più elevate.

dekra formula imola (112)
Lo Skid si effettua in prima marcia tra una serie di birilli disposti in fila e da driblare. L’utilizzo dei comandi del gas e della frizione è essenziale in questa fase

Test dell'Alce

Ultimo - ma non certo per importanza - degli esercizi proposti è invece il Test dell’Alce, che effettuiamo a bordo di una DS4 ibrida, onde comprendere al meglio come agire correttamente qualora ci si trovasse dinnanzi ad un ostacolo improvviso.

La manovra, che si deve effettuare a velocità costante senza intervenire sul freno e senza alleggerire la pressione dall’acceleratore, prevede una brusca sterzata verso destra seguita poi da una altrettanto decisa sterzata verso sinistra, onde così driblare l’ostacolo che viene lasciato alle proprie spalle con agilità ed in sicurezza.

Importante in questo caso avere una buona padronanza nella rotazione dello sterzo, che deve essere ruotato con decisione nell’istante in cui l’ostacolo ci si pone davanti - ed anche mentre questo viene poi lasciato alle spalle nella sterzata successiva – per poi essere lasciato scorrere con maggior morbidezza nella fase conclusiva della manovra.

Il prossimo futuro

Tale esercizio, quando il nuovo impianto di prova diverrà dal prossimo anno operativo, verrà poi eseguito con un getto d’acqua “sparato” davanti all’improvviso, sorprendendo così il guidatore e costringendolo a reagire ad un ostacolo che risulterà del tutto inaspettato.

dekra formula imola (97)
Il Test dell'Alce permette di comprendere come agire correttamente qualora ci si trovasse dinnanzi ad un ostacolo improvviso

 

La nuova area di prova, che sorgerà dinnanzi nel Piazzale del Paddock Rivazza, vanterà inoltre anche un tratto ove poter simulare la guida sul bagnato – grazie ad un percorso irrigato artificialmente – mentre una succursale Dekra situata ad Alagna (che gode sempre della partnership con Formula Imola) permetterà agli allievi di prendere confidenza anche con la guida su neve e ghiaccio.

Un corso insomma che ci sentiamo di suggerire per migliorare le proprie capacità di guida, onde sapere esattamente come reagire in caso di imprevisto, oppure semplicemente per comprendere al meglio quali traiettorie mantenere e come gestire i comandi della propria auto sfruttando l’esperienza accumulata in pista nella guida di tutti i giorni su strada.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento