epoca

Ritorno al Futuro: Marty McFly ci ha fatto guidare la DeLorean DMC12

-

E' una delle auto più rappresentative dei mitici anni '80 pur senza essere mai entrata in vetta alle classifiche di vendita o sbaragliato la concorrenza per le prestazioni. E non solo per le apparizioni cinematografiche...

Ritorno al Futuro: Marty McFly ci ha fatto guidare la DeLorean DMC12

“Ma è la macchina di Ritorno al Futuro!” : è questa la reazione più comune delle persone di fronte ad una DeLorean DMC12.

 

Il destino, nelle persone del regista Robert Zemeckis e del produttore Steven Spielberg, ha offerto in extremis, se non il successo, almeno la notorietà a questa affascinante due posti. Del resto, sarebbe stato veramente crudele se la vettura progettata da John DeLorean fosse del tutto scomparsa dalla memoria collettiva, perché dietro ad essa c’è una storia incredibile, su cui, siamo sicuri, prima o poi Hollywood metterà gli occhi come è stato per quella di Tucker.

Chi era De Lorean?

John DeLorean, scomparso nel 2005 a 80 anni, era il più classico degli self-made man: ingegnere, figlio di immigrati, grazie alla sua genialità ed alla sua determinazione era assurto, a soli 40 anni, a Vice Presidente della General Motors.

Ricchissimo, sposato con donne stupende (alla fine saranno quattro le mogli), coccolato dai giornalisti e dal jet set, era comunque bruciato dalla voglia di fare qualcosa di nuovo e diverso, complice un ego molto sviluppato.

delorean dmc12 (11)
John DeLorean è scomparso nel 1995 all'età di 80 anni. La sua è una di quelle vite che si possono definire "da romanzo"

 

Così decise di lasciare la GM, e produrre una sportiva con il suo nome, convinto di ripetere il successo immenso della Pontiac GTO, la prima muscle car americana, da lui pensata e costruita appena entrato in azienda, a dispetto delle gerarchie e delle procedure del colosso di Detroit .

 

DeLorean voleva una vettura che non arrugginisse, da qui l’idea di farla in acciaio inossidabile, che richiamasse la Mercedes 300SL, con le porte al ala di gabbiano, bella, sicura e che non costasse troppo.

Dove veniva costruita la DMC12

Lo stabilimento per costruirla fu realizzato a Dumburry, in Nord Irlanda, dove imperversava la guerra civile, grazie ad i contributi del Governo inglese che cercava di pacificare il paese creando manodopera (alla DMC, DeLorean Motor Company arrivarono a lavorare 3000 persone); una volta prodotte, le vetture venivano trasportate negli Stati Uniti.

Il design della vettura venne commissionato a Giugiaro, la parte telaistica, dopo varie indecisioni, alla Lotus di Colin Chapman, che spinta dall’urgenza realizzò una quasi fotocopia della Esprit.

 

delorean dmc12 (46)
Il motore utilizzato dalla DMC12 è un 6 cilindri 3000 cc PRV, nato dalla collaborazione Renault-Peugeot-Volvo

Per il propulsore, dopo molte affascinanti ipotesi, si ripiegò sul 6 cilindri 3000cc PRV, nato dalla collaborazione Renault-Peugeot-Volvo; strozzato dalle norme anti inquinamento, erogava circa 140 CV, pochi per una sportiva, anche se il periodo era caratterizzato negli USA dal severissimo limite di 55 miglia, con oltretutto il divieto imposto ai costruttori di un fondo scala superiore alle 85 miglia.

Presentata nel 1981

La DMC venne presentata il primo gennaio 1981, con una visibilità enorme: in fondo era dal 1920 che non nasceva una nuova casa automobilistica americana, e poi DeLorean era un personaggio popolarissimo ed amato; tanto per fare un esempio, Good Year e Cutty Sark tra gli altri fecero pagine pubblicitarie utilizzando DeLorean e la DMC 12 come testimonial.

 

La macchina non vendette male, ma dopo un anno sulla DMC piovvero una serie di disastri: la recessione USA, lo sciopero dei portuali inglesi, il rivalutarsi della sterlina sul dollaro, il governo conservatore della Thatcher che vedeva la DMC come fumo negli occhi.

DeLorean venne anche arrestato

DeLorean si diede disperatamente da fare per trovare finanziamenti, tanto da finire clamorosamente arrestato (comparendo sulla prima pagina di ogni possibile rivista americana) per traffico di droga. Nel clamoroso processo fu assolto, perché venne dimostrato fuori di ogni dubbio che era stato vittima di alcuni ambigui collaboratori dell’FBI in cerca di notorietà che avevano voluto incastrarlo sfruttando le sue difficoltà economiche. Venne assolto anche nel successivo processo per bancarotta, perché ovviamente la DMC era nel frattempo fallita.

 

delorean dmc12 (27)
Dei 9.000 esemplari costruiti dovrebbero essere ancora 6.000 quelli "in attività". Molti di questi sono negli USA

Delle 9.000 DMC12 costruite, si reputa ne esistano ancora circa 6000, ovviamente quasi tutte in America, ma con esemplari distribuiti anche in vari paesi europei. In Italia ce ne sono circa 30, per lo più racchiuse nel DeLorean Club Italia.

 

Proprio il Presidente del DeLorean Club Italiano, Giacomo Scarcello, ci racconta più in dettaglio la storia della sua DMC 12 e alcuni aspetti caratteristici della vettura:

 

Giacomo, come è nato il tuo amore per questa vettura?

“Rimasi colpito da Ritorno al Futuro ed i miei occhi di bambino non ci misero molto a far diventare la DMC 12 il mio più grande sogno, vuoi per il design avveniristico della macchina, con quelle porte che si aprivano verso l’alto, vuoi per il fascino suscitato dalle potenzialità fantastiche del veicolo…”

 

 

“L'ho desiderata per tanto tempo, ma come studente non avevo risorse a disposizione, per cui mi limitavo solo a immaginare come sarebbe potuto essere. Nel 2007, finiti gli esami di Maturità, mio padre decise di realizzare il sogno, aiutandomi finanziariamente; così una inserzione vista su ebay improvvisamente divenne importantissima: DeLorean 1981, vin 6103 con interni grigi, cambio manuale e niente sportellino sul cofano, esattamente come la volevo io! Aveva 19.000 miglia, era ferma da circa 10 anni, e costava 12000$. Tramite una agenzia di spedizioni intercontinentali vinsi l'asta e la macchina partì per l'Italia nel mese di maggio.”
 
“A settembre è arrivata al porto di Genova e, non avendo documenti,l’ho trasportata a Rimini in carro attrezzi: si presentava con telaio, carrozzeria, e vetri in ottimo stato, mentre gli interni e la meccanica erano in condizioni pessime, e un antifurto rotto inibiva tutto l’impianto elettrico. In quattro mesi gli interni sono stati rifatti con della pregiata pelle Frau della medesima tinta grigia originale, la carrozzeria è stata riverniciata nelle parti in plastica necessarie, l’impianto elettrico riparato e reso operativo, e, infine, il motore è stato messo in moto…ma niente di più.”

 

Nel febbraio del 2008 ho iniziato a guidarla, ma sorgeva un problema dopo l'altro; la meccanica era assolutamente inaffidabile e la potenza disponibile era scarsissima

“Nel febbraio del 2008 ho iniziato a guidarla, ma sorgeva un problema dopo l'altro; la meccanica era assolutamente inaffidabile e la potenza disponibile era scarsissima. Nonostante ciò, sull’onda dell’entusiasmo, a marzo ho affrontato il primo lungo viaggio in Europa, assieme al mio amico ed attuale vicepresidente del club italiano DeLorean Andrea Galvani. La meta di questa avventura era la Bretagna, in Francia, dove ci attendeva un bellissimo raduno organizzato da David, un membro del “Stainless Wings”, il club DeLorean francese. In questo viaggio, nonostante i problemi di potenza del motore e il forte maltempo, la macchina si è comportata molto bene, e ci ha fatto partecipare a uno dei più belli eventi a cui sia mai stato.”

Il restauro poi è proseguito….

“Per tutto il 2008 ho cercato di risolvere i problemi del mio motore, sostituendo una dopo l'altra tutte le componenti della jetronic, poi registrando anticipi, valvole etc, con notevoli spese senza il minimo risultato. Tuttavia a settembre 2008 sono stato all'inaugurazione della nuova sede della DMC Europa di Ed Uding, e anche in quella occasione non c'è stato nessun problema di affidabilità a parte l'enorme voragine di coppia che andava sempre accentuandosi. Nel corso dell'evento ho fatto vedere il mio motore a Ed, che sosteneva avesse moltissimi km e fosse sfinito, cosa poi confermata dal banco dyno che ha verificato 80cv alle ruote e un picco di 103nm di coppia a 4000rpm.

Altro che 19.000 miglia come me l’avevano venduto!

Così ho deciso di iniziare una profonda revisione di tutta la meccanica, dalla A alla Z, recuperando i ricambi necessari. Inoltre ho provveduto a comperare anche nuovi sostegni motore e un assetto sportivo europeo da sostituire a quello “americano”.

 

Nello stesso arco di tempo sono state fatte anche altre cose volte a migliorare l’auto, come il montaggio di ammortizzatori nuovi regolabili, nuova frizione, rettifica piano del volano, revisione cambio, ed è stato sostituito il radiatore originale con uno maggiorato d'alluminio per aiutare il motore a raffreddarsi meglio nelle calde giornate estive riminesi.

Infine, ho rivisto l’impianto frenante, sostituendo i dischi pieni con pinze a due pistoni con autoventilanti a quattro.

 

A marzo 2009 tutto era sistemato a dovere:la mia auto aveva subito una profonda trasformazione, il motore aveva potenza, l'assetto non era più molle e il cambio revisionato unito alla nuova frizione l'avevano finalmente resa una favolosa gran turismo dal temperamento sportivo, che da allora uso quotidianamente senza alcun problema, ma anzi circondato dalla curiosità della gente, cui la DMC 12 piace tantissimo.

delorean dmc12 (45)
La meccanica della DeLorean DMC12 era pensata per ottimizzare i costi e rapportarsi con una manodopera che non aveva esperienza in campo automobilistico

Smontandola completamente, che idea ti sei fatto della qualità di questa vettura?

“La macchina non è perfetta, è ingegnerizzata in maniera molto semplice, fondamentalmente per ottimizzare i costi e rapportarsi con una mano d’opera che non aveva esperienza in campo automobilistico. Infatti i dipendenti della DeLorean Motor Company non erano navigati operai metalmeccanici, ma braccianti e disoccupati che improvvisamente vennero assunti.

 

I primi modelli prodotti, tra i quali rientra anche la mia auto, risentono di un non preciso assemblaggio: le porte non chiudono perfettamente a pari con la carrozzeria, molti pannelli sono disallineati tra loro e i paraurti sono spessorati diversamente da un lato all’altro dalla carrozzeria. Tuttavia le ultime auto prodotte erano costruite con molta più cura. Comunque avendo dovuto smontare completamente l’auto per il restauro posso dire che nel complesso è ben progettata, con le attenzioni che si danno a un auto che deve durare nel tempo”.

delorean dmc12 (7)
La via migliore per chi vuole spendere una cifra elevata, ma avere un’auto in buono stato pronta subito da guidare, è rivolgersi alla DeLorean Europa

Pregi e difetti di guida?

Su strada la DMC 12 si guida bene, e ha un’ottima tenuta. Se si esagera e si porta al limite va in sottosterzo, il contrario di quello che si potrebbe pensare di un’auto con il motore a sbalzo. Invece soffre la leggerezza dell’avantreno, però è importante sottolineare che oggi non si riescono più a reperire gomme di buona qualità per le dimensioni dei suoi cerchi, quindi credo che originariamente fosse neutra. La frenata della DeLorean invece non è brillante come la sua aderenza, tanto che io ho sostituito l’impianto: anche in questo caso va fatto notare che nel 1981 venivano adottate pastiglie freno in amianto, che avevano una soglia di resistenza alla temperatura molto superiori a quelle attuali, e quindi penso che all’epoca della sua commercializzazione la DeLorean avesse un impianto adeguato.

Che consigli si possono dare a chi vuole acquistarla

“Per prima cosa ricordare che questa macchina ha 30 anni e spesso non è immediatamente pronta per un uso quotidiano, e la possibilità che ci siano problemi con qualche componente è sempre dietro l’angolo. Detto ciò, la via migliore per chi vuole spendere una cifra elevata, ma avere un’auto in buono stato pronta subito da guidare, è rivolgersi alla DeLorean Europa (www.DeLorean.eu), che offre servizio di restauro e vendita di auto con tanto di garanzia. Altrimenti se si preferisce, come nel mio caso, prendere un’ auto malridotta e restaurarla con passione e calma, il mercato americano offre moltissime occasioni: è una strada lunga e dolorosa, che però può dare un risultato finale ottimo dal punto di vista tecnico e della soddisfazione personale. Tuttavia prima di compiere il grande passo, rivolgetevi per una consiglio al Club Italiano DeLorean (www.dmc12.it), che viste le esperienze di tanti soci, di tante storie e di tante auto importate e restaurate può sicuramente suggerire come muoversi meglio per avere una buona vettura per la cifra che si spende, in modo che il sogno non diventi un terribile incubo.


  • Feib, Vignole Borbera (AL)

    Fantastica

    Complimenti per l'auto. Anche io da piccolo sono rimasto folgorato dalla Delorean di Doc e Martin. Ancora oggi la reputo una bellissima auto sportiva.
    In un certo senso l'intento di Delorean è riuscito: ha creato un'icona!
  • passoborgo, racconigi (CN)

    viaggiatore del tempo

    aaaaaa ma allora era lui a viaggiare nel tempo!!!!!!!!!
    "Chi era De Lorean?
    John DeLorean, scomparso nel 2005 a 80 anni....."
    sotto la foto:
    "John DeLorean è scomparso nel 1995 all'età di 80 anni" ^:^

    cmq...una toilet (per essere fini) con le ruote e ali di gabbiano, diventata famosa esclusivamente grazie a un film di successo!
Inserisci il tuo commento