Shanghai 2013

Icona Vulcano

-

Ha debuttato in società a Shanghai la Icona Vulcano, supercar disponibile con due diverse architetture di motore

Icona Vulcano

Solo l'indirizzo della sede (nel distretto di Lujiazui cuore moderno di Shanghai) e i finanziatori sono cinesi, per il resto la Icona Vulcano - presentata al Salone dell'Auto di Shanghai - è tricolore a tutti gli effetti e rappresenta una vettura che si propone di rappresentare le capacità ingegneristiche italiane.

Icona è infatti una società di design ed engineering fondata dalle torinesi Cecomp (nata nel 1978 per iniziativa di Giovanni Forneris e cresciuta come azienda fornitrice di servizi di modellazione e costruzione prototipi per Giugiato e Michelotti) e Tecnocad Progetti. A guidare la Icona è Teresio Gaudio, ex CEO di aziende del livello di Stile Bertone, Fiamm, Aprilia e Coeclerici. Il design è invece firmato dal francese Samuel Chuffart che ha lavorato in Nissan, Jaguar Land Rover e Stile Bertone.

Ma l'elemento più blasonato nella squadra Icona è indubbiamente rappresentato dal propulsore V12 (anche se la Vulcano è disponibile anche con motorizzazione V6) progettato e realizzato da Claudio Lombardi, che è stato artefice dei successi Lancia con la 037 e la S4 e, successivamente, del V12 da 3.5 litri Ferrari negli Anni 90, oltre che del V4 dell’Aprilia di Biaggi.

Caratterizzata, come nel caso della Ferrari FF o della Maserati GranTurismo, dallo schema a motore anteriore longitudinale con trazione posteriore, la Vulcano è la seconda realizzazione della Icona, che nel 2011 aveva lanciato - proprio al Salone di Shanghai di quell'anno - la vettura elettrica di lusso Fuselage.

La Vulcano verrà costruita su ordinazione, con due possibili varianti di potenza in base all'architettura di motore prescelta: 870 e 950 CV. La prima è dotata di un 6 cilindri turbo supportato nello schema ibrido da due unità elettriche sulle ruote anteriori. Per questo modello la Casa dichiara un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e 350 km/h di velocità massima.

La seconda utilizzerà invece un V12 con unità elettrica posizionata nella scatola del cambio. Quest'ultima versione è accreditata di un valore di accelerazione da record: solo 2 secondi per passare da 0 a 100 km/h e la 350 km/h di top speed.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento