incidenti

Il furgone armato Battistolli regge anche ai Kalashnikov

-

Un recente episodio conferma la tenuta agli spari delle capsule protettive nei portavalori

Il furgone armato Battistolli regge anche ai Kalashnikov

Tre le dotazioni di trasporto della Battistolli di Vicenza non ci sono solo banali furgoni. Dato il valore di alcuni viaggi dal contenuto molto prezioso, spesso milionario, le celle di protezione dei furgoni stessi sono ben rinforzate, armate a prova di colpi di Kalashnikov addirittura.

A dimostrarlo, con un episodio pesante accaduto di recente sull’autostrada A1 tra Modena e Bologna, gli esiti della tentata rapida. Nessun danno registrato alle persone, nessun furto di materiali, ma un alto rischio. Quando il commando degli assalitori ha bloccato la strada con chiodi a terra e iniziato a sparare. Proprio con fucili Kalashnikov.

La capsula dei portavalori moderni come quello oggetto dell’attacco reggono anche i colpi di un' arma così potente. A saperlo sono in primis gli uomini dello staff, istruiti a non abbandonare il mezzo in quanto sicuro e dotato di ciò che serve per allertare subito i soccorsi. Ovviamente non basta la corazza, ma anche la preparazione, in Battistolli ricordano le 25mila ore totali di formazione erogate ai propri dipendenti e collaboratori.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento