wrc

Loeb: «Al Montecarlo per divertirmi... Cioè per vincere!»

-

L'alfiere del team Citroen Abu Dabhi WRC lancia la sfida ad Ogier: fino a domenica sera sarà testa a testa per conquistare la vittoria al Rally di Montecarlo

Loeb: «Al Montecarlo per divertirmi... Cioè per vincere!»

Il valore aggiunto ad una gara già di suo affascinante, il jolly capace di far saltare il banco e scompaginare il pronostico che sembrava scritto ancor prima di accendere i motori, ha lo sguardo tagliente ed il sorriso sicuro di Sebastien Loeb.
La vera star alla partenza del Rally di Montecarlo nella storica piazza del Casinò, accompagnato nei primi metri di gara dall'applauso dei tanti tifosi che fanno il tifo per lui e per il suo sodale, il fidato Daniel Elena.


E per l'altro Sebastien, Ogier, indicato come il predestinato a portare a tre i titoli iridati consecutivi da tutti i sondaggi e le previsioni della vigilia, tornano i fantasmi e le ore che lo separano dallo start si riempiono di inedite paure. Non sappiano come finirà, ma certo il ritorno di Loeb ha aggiunto sapore (e che sapore!) alla sfida monegasca.


Strapparlo anche solo per qualche istante alla preparazione pre-gara non è facile, anche se quella vissuta da Sebastien è una vigilia particolare, senza troppe pressioni: rientra ufficialmente per una sola gara nel WRC (ma in molto sono pronti a scommettere che non sarà† così), con i galloni di uomo-immagine per il gruppo PSA e del marchio DS in particolare.


Giusto pochi istanti prima che si infili in macchina insieme a Daniel Elena, siamo riusciti a fargli qualche domanda.

loeb 2
Loeb ha messo subito in chiaro le cose al rally di Montecarlo

 

Sebastien, come hai trovato la macchina a distanza di un anno?

«E' davvero molto più competitiva, come promesso dai dirigenti Citroen: il motore ha più potenza e coppia, il nuovo spoiler è più efficace e anche la sospensione posteriore lavora meglio».

 

E il cambio?

«Con i comandi al volante mi trovo benissimo».

 

Sei il pilota più vincente al Rally di Montecarlo: questa volta provi un'emozione speciale prima della partenza?
«Preparare il Montecarlo non è mai banale, soprattutto dopo un anno di gare in pista che impongono una guida ben diversa, anche per via della trazione integrale. Poi qui le condizioni meteo possono cambiare all'improvviso: ma mi sono preparato con attenzione e penso di poter far bene, molto bene».

Ho promesso a Daniel di fare la gara soprattutto per divertirci. Per me, il massimo del divertimento sarà arrivare davanti

 

Cosa ti preoccupa maggiormente di questa gara, che conosci molto bene?
«Ci sono nuove stage che non conosco ed il meteo condiziona le difficoltà che troveremo nell'affrontare questi tratti. Finora è nevicato poco, ma ghiaccio ed asfalto scivoloso restano i due pericoli maggiori, specie nelle prime ore del giorno».

 

Moltissimi tifosi sono qui per vedere come andrà a finire la sfida con Ogier: quali sono i tuoi pensieri?
«Sebastien guida la macchina iridata ed è il campione in carica: sarà già un bel risultato poter competere ad armi pari con lui. Ma quando si abbassa la bandiera di parte per vincere e per conto mio sarà così, anche se ho promesso a Daniel di fare la gara soprattutto per divertirci. Per me, il massimo del divertimento sarà arrivare davanti».


Come dire, Ogier è avvisato.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Ds DS 3 Coupé
Modelli top Citroen
Maggiori info
Ds