Evasione fiscale

Sequestrate 120 auto di lusso: con la targa straniera evadevano il fisco

-

Una complessa indagine della Guardia di Finanza ha portato al sequestro di 120 auto di lusso intestate ad una società di leasing tedesca, che circolavano regolarmente in Italia con targa straniera, evadendo il fisco e sfuggendo agli autovelox

Sequestrate 120 auto di lusso: con la targa straniera evadevano il fisco

Con l’entrata in vigore del Superbollo, provvedimento varato dal Governo Monti per reperire nuove entrate fiscali, che ha colpito le auto con potenza superiore ai 250 CV, era inevitabile aspettarsi due conseguenze principali: la prima era il crollo delle vendite della auto più sportive, cosa che puntualmente si è verificata, andando purtroppo a colpire negativamente anche modelli che non possono assolutamente essere considerati “di lusso”.

La seconda conseguenza facilmente immaginabile era che sicuramente qualcuno in Italia avrebbe presto trovato qualche nuovo stratagemma per eludere il pagamento del Superbollo, evadendo di fatto le tasse senza rinunciare ad un’auto di grossa cilindrata.

Perché tante auto di lusso in Italia con targa straniera?

Come aveva già raccontato Nico Cereghini in alcuni dei suoi editoriali pubblicati su Moto.it alcuni mesi fa, alcuni “furbi” accendono leasing per auto di grande potenza e valore con società svizzere e tedesche. In questo modo non solo pagano meno tasse sul noleggio, ma fanno scomparire la vettura di grossa cilindrata agli occhi del redditometro, cosicché il fisco si ritrova privo di un elemento chiave per valutare il tenore di vita e l’evasore può passare più facilmente inosservato.


Infine, e non è cosa da poco, chi usufruisce di un’auto intestata ad una società di leasing straniera, può godere di una targa estera, che solitamente è tedesca o svizzera, e quindi evita tranquillamente di pagare eventuali multe, in particolar moto quelle ricevute per eccesso di velocità.

Chi usufruisce di un’auto intestata ad una società di leasing straniera, può godere di una targa estera, che solitamente è tedesca o svizzera, e quindi evita tranquillamente di pagare eventuali multe

Gdf: 120 auto sotto sequestro

Ormai è divenuto sempre più frequente vedere auto di lusso circolanti in Italia con targhe straniere che le rendono alquanto sospette, ma sembra che qualcosa per cercare di contenere questo fenomeno si stia finalmente muovendo. La Guardia di Finanza infatti ha recentemente sequestrato 120 automobili coinvolte nella truffa del leasing straniero, tra cui spiccano alcuni esemplari di supercar come Ferrari e Porsche, oltre a numerose Mercedes, Audi e BMW.


Allarmate dal gran numero di auto di lusso con targa straniera che circolavano in Alto Adige, le Fiamme Gialle hanno iniziato ad indagare scoprendo che erano guidate abitualmente da cittadini italiani che avevano stipulato contratti di leasing con società estere.

Contestata l'evasione di IVA per un valore di 6,7 milioni di euro

L’indagine, che si è rivelata particolarmente complessa, è stata portata avanti dagli uomini del 117 nel corso di diversi mesi, e, dopo una serie di controlli su strada e numerosi incroci di dati, ha portato gli investigatori sulle tracce di un’azienda tedesca che operava per in maniera consistente sul territorio altoatesino.


Stipulando veri e propri contratti di noleggio, la società con sede in Germania consentiva agli automobilisti italiani di non comunicare importanti informazioni alla Agenzia delle Entrate e di evadere tasse per diverse migliaia di euro. Grazie alle indagini e alle prove raccolte, la Guardia di Finanza è riuscita a ricondurre la residenza fiscale dell’azienda tedesca in Italia, potendo così contestare un’evasione di IVA pari a 6,7 milioni di euro, per un giro d’affari non dichiarato di circa 34 milioni di euro.

 

  • Edo-9, Milano (MI)

    LEGALE E GIUSTO

    Vorrei chiedere a chi dice che tutto questo è illegale: ma voi quando affittate una casa per le vacanze ci pagate sopra l'IMU? Non credo. Il leasing è un banalissimo affitto e le tasse le paga la società proprietaria del bene. Se in Italia ci tartassano di tasse e poi le usano per salvare il Monte dei Paschi, mi pare la cosa più normale del mondo che chi possa acquistare quel tipo di beni non lo faccia personalmente ma se li faccia noleggiare attraverso società apposite. E gli unici che ci perdono alla fine sono gli imprenditori del settore e i rispettivi dipendenti che a causa di queste politiche suicide non vendono più una macchina.
  • Kissmyblade, Catania (CT)

    massimo.conti e marco_76

    Certo che leggere certi commenti mi fa capire di stare in paese di ignoranti...
    Uno che scrive che al sud si vive nell'illegalita' mentre al nord so tutti onesti.... si vede che ragioni dall'alto in basso e non equamente...

    L'atro che gode.... ci ha i soldini continua ad averli e sempre piu' nel tempo chi non ne ha come te magari gode di invidia ma resta un morto di fame dentro...
    Perche' c'e' chi ha poco ma e' un nobile d'animo...
Inserisci il tuo commento