Attualità

Vacanze Sicure: la Polizia Stradale controlla

-

Fino al 30 maggio, in Lombardia, Veneto, Liguria, Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, verifica sullo stato delle gomme

Vacanze Sicure: la Polizia Stradale controlla

Che l’estate stia arrivando non ce lo annuncia il solstizio di giugno, quanto piuttosto l’inizio della campagna “vacanze Sicure“: da quindici anni, infatti, su iniziativa congiunta di Pneumatici Sotto Controllo e Polizia Stradale, viene effettuato un capillare controllo dello stato dei pneumatici del parco circolante italiano.

Quest’anno saranno monitorati gli automobilisti di sette regioni: Lombardia, Veneto, Liguria, Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise: da parte degli agenti dei cinque Compartimenti coinvolti verranno effettuati dal 20 aprile al 31 maggio circa 10.000 controlli sulle principali arterie, per valutare le condizioni dei pneumatici e l’attenzione degli automobilisti nei loro confronti.

Le pattuglie verificheranno l’usura del battistrada, l’omologazione, la corrispondenza delle misure montate rispetto a quanto riportato in carta di circolazione, la presenza di tagli, abrasioni e danneggiamenti visibili ad occhio nudo che potrebbero essere, insieme al sotto gonfiaggio, causare l’improvviso cedimento strutturale del pneumatico.

Al termine dell’operazione “Vacanze Sicure“, i dati raccolti saranno analizzati dal Politecnico di Torino, per essere poi illustrati a luglio, a ridosso dell’esodo estivo.

«Grazie all’iniziativa Vacanze Sicure - ricorda Giovanni Busacca, Direttore del Servizio Polizia Stradale - continuiamo a richiamare l’attenzione sull’importanza di una attenta manutenzione del veicolo, pneumatici in primo luogo, dal momento che viaggiare con gomme in perfetto stato di efficienza è una delle condizioni imprescindibili per la sicurezza dei nostri spostamenti. Mettersi alla guida con pneumatici lisci, danneggiati, non conformi, espone ad un elevato rischio di incidente stradale e costituisce un gesto di irresponsabilità che si riflette negativamente anche su tutto il sistema della circolazione. I controlli confermano purtroppo che sono ancora molti i veicoli non in regola: è importante far comprendere che non si tratta solo di evitare la sanzione pecuniaria, ma in gioco vi è la nostra e l’altrui sicurezza».

La manutenzione dell’auto assume un ruolo fondamentale per la sicurezza stradale e la cura dei pneumatici occupa un posto di assoluto rilievo: è necessario programmare controlli periodici dal gommista per eseguire una verifica visiva dello stato dei pneumatici e del corretto gonfiaggio, soprattutto in vista delle vacanze estive.

Le operazioni di gonfiaggio e verifica, ricordiamo, sono effettuate gratis dai Rivenditori Specialisti, eppure non vengono eseguiti con la corretta frequenza dagli automobilisti.

«Oltre il 52% delle vetture circola con gomme sottogonfiate - sottolinea Fabio Bertolotti, Direttore Assogomma – e questo determina insicurezza di guida per alterato comportamento dinamico. Inoltre, con le alte temperature, il pneumatico si può surriscaldare sino al cedimento strutturale, ovverosia al suo scoppio».

L’operazione “Vacanze Sicure” inizia subito dopo il termine del 15 aprile della dotazione di pneumatici invernali: per provvedere al cambio delle gomme c’è tempo fino a metà maggio, mentre dal 16 maggio e fino al 14 ottobre sarà vietata la circolazione con pneumatici di tipo M+S con codici di velocità ridotti rispetto a quelli riportati in carta di circolazione, infrazione che può essere sanzionata non solo con una multa, ma anche con il fermo del veicolo.

Sul sito www.pneumaticisottocontrollo.it sono presenti informazioni sui pneumatici, in termini di scelta, manutenzione, stoccaggio e riportate le normative vigenti che consentono di viaggiare sicuri.

  • babau551

    ma che bella iniziativa!Maaa...visto che ci tengono così tanto alla sicurezza degli utenti, perché non si fanno anche un bel giro a controllare lo stato delle strade, oltre a quello delle gomme? Le condizioni da terzo mondo in cui versano le nostre strade credo possano influire sulle nostre "vacanze sicure"...no?
Inserisci il tuo commento