Aston Martin DBX 707: la Suv più potente del mondo con licenza di... correre

Emiliano Perucca Orfei
Con 707 cavalli e 900 Nm di coppia dalla Aston Martin DBX 707 ti aspetti chissà che... e invece ti arriva anche di più, ma in modo elegante, con un certo aplomb tutto british. Poi guardi fuori e capisci che va come un razzo...
31 maggio 2022

Ha 707 CV, 900 Nm di coppia massima ed è il luxury SUV più potente al mondo: solo in Casa Dodge hanno saputo fare di meglio, con la Durango Hellcat da 710 CV, ma va anche detto che il marchio Aston Martin è decisamente di un altro livello così come lo è la DBX... che in questa nuova variante 707 sa veramente stupire per quanto concerne le questioni meccaniche e non solo. Sì perché gli interventi del centro stile di Gaydon hanno perfezionato l'estetica della loro Sport Utility Vehicle - che è nato gentile nelle forme - strizzando l'occhio ad una clientela più giovane e sportiva, che da una macchina come questa non cerca solamente la parte luxury ma vuole anche performance al top.

E quelle sono arrivate, grazie alla stretta partnership con AMG che ha fornito una poderosa versione del suo V8 biturbo v90° (3.982 cc) in grado di erogare 707 CV a 6.000 giri e 900 Nm di coppia massima a 4.500 giri assicurando prestazioni eccezionali: 3,3 secondi per passare da 0 a 100 km/h, 310 km/h ed una guidabilità rinnovata dall'assetto e dall'impianto frenante specifico per questo modello.

Trazione integrale a controllo elettronico, prevalente sull'asse posteriore, cambio a 9 rapporti (con frizione al posto del convertitore) la nuova DBX 707 non è solamente una versione potenziata della "normale" DBX ma a partire dall'introduzione delle nuove turbine che usano giranti montate su cuscinetti (e non più su bronzine), un nuovo sistema di scarico e decine di altre migliorie si può quasi parlare di lei come di un modello sostanzialmente nuovo e che della precedente conserva la pregiata scocca in alluminio e la base stilistica degli interni, a loro volta "potenziati" per testimoniare la maggior sportività di questa 707 rispetto alla "base".

Un prodotto più interessante sotto il profilo meccanico e prestazionale ma anche l'estetica fa capire immediatamente di essere di fronte a lei: cerchi da 23" forgiati ed impianto frenante carbocercamico (-40 kg) sono solo l'aperitivo di un nuovo contesto estetico in cui, soprattutto in seconda lettura, si percepiscono tutte le migliorie apportate al progetto per tenere il passo della prestazione. La presa d'aria anteriore è più generosa del 27% ed anche dietro l'estrattore dell'aria è decisamente più minaccioso nel look alla stregua delle minigonne laterali. Lunga 504 cm, sviluppata attorno ad un passo di 306 cm, la nuova DBX 707 conserva il "solito" generoso bagagliaio da 638 litri al quale si accede attraverso un portellone elettroattuato: un elemento tutt'altro che sottovalutato il vano posteriore tanto che grazie alla tecnologia degli ammortizzatori con molle ad aria la coda è in grado di abbassarsi di alcuni centimetri favorendo la facilità di carico.

 

Stessa attenzione anche per il brancardo anteriore che è allo stesso livello del pavimento e facilita l'accesso e l'uscita dall'abitacolo. Gli interni non sono l'ultimo ritrovato della scienza per quanto riguarda la tecnologia ma la DBX707 sfrutta anche in questo caso la partnership con la Stella per questo aspetto: c'è una vecchia variante del sistema Comand, personalizzata nella grafica dagli stilisti Aston Martin, ma nel complesso pur senza mancare nulla il sistema appare un po' obsoleto anche rispetto alle ultime produzioni Mercedes.

Sotto questo punto di vista si può migliorare. Dove stupisce la DBX707 è naturalmente al volante: la performance è meno brutale rispetto a quello che ci si potrebbe attendere da una macchina come questa e, nonostante parta a razzo grazie anche alla disponibilità del launch-control (ora disponibile grazie al nuovo cambio) l'impressione generale è quella di una macchina tenuta volutamente gentile nel feeling in onore della tradizione del marchio. La realtà però è ben diversa perché accompagnati dalla voce del V8 la strada che passa sotto le ruote ad ogni accelerazione è tanta e le velocità che si raggiungono in pochissimo spazio sono degne di una supersportiva, a tutta dimostrazione di come i cavalli ci siano ma soprattutto di come in Aston Martin abbiano comunque voluto combinare la capacità di andare forte con quella di assicurare quel pizzico di classe che non può mancare ad una macchina del genere: quindi veloce, anzi velocissima, ma non rozza o nervosa.

Ed è per questo che elementi come lo sterzo - non troppo diretto - o le sospensioni a controllo elettronico sono tenute lontano da standard troppo racing. 244.513 il prezzo di listino, 7 km/litro il consumo medio di verde, 323 grammi/km l'emissione di CO2.

Questi i numeri della nuova Aston Martin DBX 707 che il nostro Emiliano Perucca Orfei Masterpilot ha guidato sul tracciato tedesco di Bilster Berg.

Da Moto.it

Caricamento commenti...
Aston Martin DBX
Tutto su

Aston Martin DBX

Aston Martin

Aston Martin
Banbury Road
CV35 0DB GAYDON (AG) - ENGLAND AND WALES
+44 (0) 1926 644644
https://www.astonmartin.com/en/welcome

  • Prezzo da 207.661
    a 254.513 €
  • Numero posti 5
  • Lunghezza 504 cm
  • Larghezza 200 cm
  • Altezza 168 cm
  • Bagagliaio
  • Peso da 2.320
    a 2.375 Kg
  • Segmento Suv e Fuoristrada
Aston Martin

Aston Martin
Banbury Road
CV35 0DB GAYDON (AG) - ENGLAND AND WALES
+44 (0) 1926 644644
https://www.astonmartin.com/en/welcome