Maserati GRECALE 2022 | Abbiamo guidato il prototipo in anteprima. Ecco come va

Abbiamo guidato su strada la nuova SUV di segmento D firmata Maserati. Il prototipo, praticamente definitivo, ha 300 CV mild-hybrid e un telaio favoloso. Debutterà nel 2022 a partire da 70.000 euro circa. Poi arriverà anche elettrica Folgore e V6 Trofeo...

17 novembre 2021

Abbiamo guidato in anteprima mondiale la nuova Maserati Grecale. Il SUV di segmento D, che andrà a sfidare Porsche Macane e Range Rover Velar, è lungo 4.846 millimetri ed è sviluppato su un passo di 2.901 che è frutto dell'utilizzo della eccezionale piattaforma Giorgio, già utilizzata da Stellantis su Giulia, Stelvio. Alta 1.670, larga 2.163 mm (specchietti inclusi) con una carreggiata posteriore di 1.948, Grecale vanta linee da sport Utility Maserati ma senza sacrificare in alcun modo il comfort, che raggiunge livelli degni davvero notevoli. Grecale, infatti, accomoda il 99 percentile nei posti anteriori e il 99 percentile sui sedili posteriori a conferma di come il lavoro sul passo sia stato fondamentale per ottenere questo risultato.

Gli interni, ancora velati, della Grecale 2022

Saranno molteplici le possibilità offerte in termini di motorizzazione: certamente arriverà la Folgore, completamente elettrica, ma nella lineup ci saranno anche il V6 Nettuno con più di 500 CV e motori ibridi basati sul 2.0 turbo quadricilindrico montato come il V6 in posizione longitudinale. Nella versione Mild Hybrid Grecale abbina al motore termico a 4 cilindri un sistema mild hybrid da 48 volt. Maserati ha scelto una soluzione ibrida che punti soprattutto a migliorare le prestazioni, riuscendo al tempo stesso a ridurre i consumi. Il risultato raggiunto garantisce più prestazioni e meno consumi. Il sistema ibrido Maserati è costituito da quattro elementi: BSG, batteria a 48 volt, eBooster e un convertitore DC/DC. Il BSG (Belt Starter Generator) che svolge la funzione di un alternatore, va a caricare la batteria posta nel vano baule che a sua volta serve per alimentare l’e-booster di cui è dotato il motore. Motore che si presenta come un motore a doppio compressore, dove a quello termico viene abbinato l’e-booster azionato o dal BSG o attraverso la batteria. Lo scopo della presenza di un compressore elettrico sulla vettura è quello di andare a compensare la mancata erogazione di un turbo compressore classico nei primi giri del motore quando entra in azione la spinta elettrica.

La Grecale nella prova su strada

Quattro le modalità di guida: COMFORT, GT, SPORT e OFF-ROAD, tutte pronte a variare in modo molto marcato le modalità di guida...soprattutto quando sono disponibili le sospensioni con le molle ad aria. Grazie a questa tecnologia, che viene proposta in via opzionale sulle versioni "base" in luogo degli ammortizzatori Skyhook (a controllo elettronico ma con molla meccanica), la vettura è in grado di alzarsi o abbassarsi rispetto al terreno di 65 mm assumendo una posizione -30 mm oltre i 160 km/h ed alzandosi dello stesso valore in modalità "fuoristrada". In posizione parcheggio Grecale si abbassa invece di 35 mm.

486 cm. Questa la lunghezza della Grecale.

Lo stile Maserati viene arricchito dai contenuti tecnologici che entrano nell’abitacolo di Grecale dove si viene accolti da un orologio digitale, il primo della storia della Casa del Tridente, che diventa una vera e propria interfaccia tra il guidatore e l’automobile. Non segnerà più soltanto l’ora: sarà in grado di mandare un segnale di risposta ogni volta che riceverà dei comandi vocali. Un oggetto dalla forma classica, ma dai contenuti futuristici. È quasi un’anima per Grecale, che permette di capire se contatto con la vettura è attivo, se la vettura “ci sta ascoltando mentre le parliamo”. Non è solo uno schermo digitale a cui cambiare lo skin, l’aspetto, secondo i nostri gusti. È qualcosa di più che all’occorrenza può trasformarsi anche in bussola o in misuratore della Forza G. Il sistema infotainment di bordo adotta il nuovo software MIA (Maserati Intelligent Assistant): basato su Android Auto offre una user-experience dedicata all'interazione con numerose componenti della vettura creando schermate multiple basate su schede con le proprie funzioni preferite o con quelle utilizzate più frequentemente, in modo da ottimizzare l’accesso veloce e consentire operazioni con un solo tocco. Grazie al sistema operativo Android Auto è possibile un'ulteriore personalizzazione memorizzando fino a cinque diversi profili utente.

Listino: costerà da 70.000 a 100.000 euro

Ogni cliente può costruire il proprio profilo con i propri dettagli personali, includendo preferenze musicali e le funzioni di funzionamento del veicolo. Il sistema collega anche altri dettagli del veicolo al profilo del conducente, come la temperatura, la posizione del sedile e il posizionamento degli specchietti. Il passaggio da un profilo di un utente ad un altro è estremamente semplice e può essere gestito con un tocco del menu principale. MIA permette di connettere contemporaneamente due telefoni tramite Bluetooth, dando la possibilità di gestire varie funzioni prioritarie come le telefonate, la selezione della musica e i messaggi di testo. I passeggeri possono utilizzare Apple Carplay e Android Auto in modalità wireless. Non manca il controllo vocale con attivazione "Ehi Maserati".

Sconosciuto per il momento il prezzo di listino ma si partirà da 70.000 euro circa per le varianti d'accesso e 100.000 per le più potenti V6.

Ultime da Prove

Da Moto.it