prova su strada

Skoda Octavia Wagon e Octavia Wagon 4x4

Su comfort e qualità, giù consumi e prezzo
-

E’ stata la station più venduta in Europa nel 2012. La nuova versione è regina del segmento in abitabilità e finiture, ma con un prezzo da media. Bassi i consumi della 1.6 TDI, buona la trazione della 4x4

Skoda Octavia Wagon e Octavia Wagon 4x4

Kitzbuehl (Austria) – Siamo venuti sin qua su, nel Tirolo austriaco, per provare la nuova Octavia Wagon a due e quattro ruote motrici. La station di Mladá Boleslav è stata la familiare più venduta nel 2012 in Europa e nella stagione 2013 fa un ulteriore salto di qualità per confermare questo prestigioso traguardo. Poco più lunga rispetto a prima (9 cm in più, 466 ora), conferma doti di abitabilità davvero notevoli. Il bagagliaio ha un volume di 610 litri, lo spazio per gli occupanti (anche dietro) è da limousine e oggi le finiture hanno fatto un bel balzo in avanti, mostrando materiali e cura per il dettaglio degne delle solite marche premium tedesche. Il tutto però a prezzi interessanti, che partono da 19.610 euro per la 1.2 TSI da 105 cavalli. Anche la 1.6 TDI da 105 cavalli (da noi la motorizzazione più diffusa) ha un prezzo d’attacco vincente, che parte da soli 22.870 euro per la versione Ambition.

Octavia Wagon: un grande successo europeo

Octavia Wagon e Octavia Wagon 4×4 hanno un ruolo fondamentale nel successo in Europa della Casa ceca: nel 2012, con 124.500 unità, la Octavia Wagon è risultata il terzo modello Skoda più venduto. È molto apprezzata la versione 4x4, in particolare in Svizzera e in Scandinavia. In Svezia e in Russia più di un terzo dei Clienti totali di Octavia Wagon ha scelto la trazione integrale.
Anche nel nostro Paese la Octavia è stata capita e amata dal pubblico. Ce lo spiega Donato Bochicchio (Direttore di Skoda Italia): "Abbiamo un altissimo grado di fidelizzazione dei nostri clienti; chi prova le nostre macchine, poi le compra e impara ad apprezzarne i grandi pregi. I nostri punti di forza sono il rapporto qualità/prezzo, l’abitabilità e la capacità del bagagliaio. Tutte doti che ritroviamo, ancora più grandi e convincenti nella nuova Octavia Wagon”. Che sia un’auto nata sotto una buona stella lo dice anche il successo delle vendite nelle flotte aziendali: in Italia ben il 70% delle Octavia Wagon è stato scelto dai gestori delle auto destinate alle aziende. Il 30% sono invece privati, per lo più uomini con un alto livello di istruzione che utilizzano la station ceca per spostarsi per lavoro e per viaggiare con la famiglia.

nuova skoda octavia (39)
Octavia Wagon e Octavia Wagon 4×4 hanno un ruolo fondamentale nel successo in Europa della Casa ceca: nel 2012, con 124.500 unità, la Octavia Wagon è risultata il terzo modello Skoda più venduto

Capacità di carico sorprendente

L’Octavia Wagon è 90 mm più lunga (4,66 metri) e 45 mm più larga (1,81 metri esclusi gli specchietti retrovisori esterni) del modello precedente. Il passo è aumentato di 108 mm. Rispetto al modello precedente, la lunghezza interna è aumentata di 33 mm, arrivando a 1.782 mm. La Wagon ha un bagagliaio da record grazie a una capacità di base pari a 610 litri che raggiunge addirittura i 1.740 litri con gli schienali posteriori abbattuti.  È inoltre presente un doppio vano di carico a regolazione variabile, oltre a una tasca portaoggetti sotto la copertura.
Lo spazio per i passeggeri è notevole e l’unico fastidio arriva dal tunnel centrale (destinato a ospitare la trazione 4x4), piuttosto ingombrante.
A proposito di Octavia 4x4, questa impiega la frizione Haldex di quinta generazione (la stessa della Golf 7 per intenderci), che distribuisce la coppia alle ruote in base alle reali necessità, tenendo così bassi i consumi.  Il bloccaggio elettronico del differenziale EDL, di serie, contribuisce alla stabilizzazione della vettura. La 4x4 sarà venduta in Italia in abbinamento coi motori TDI 1.6 (105 cv) e 2.0 (150 cv), entrambe con il cambio manuale a 6 marce.

Bella e ben fatta

Il design della Octavia Wagon è pulito, essenziale ma anche muscoloso. Ci piace soprattutto il fatto che non ci siano inutili orpelli stilistici qua e là a dare carattere alla vettura. Non servono: la Octavia conquista con un rigore stilistico che non stanca nel tempo e, soprattutto, non fa invecchiare precocemente l’auto.
La Octavia Wagon ha conquistato le 5 stelle Euro NCAP grazie a una dotazione di sicurezza completa. Sono numerosi i dispositivi che assistono il conducente: il Front Assistant con funzione di frenata di emergenza, il Lane Assistant (dispositivo per il mantenimento di corsia), la funzione di frenata anti collisione multipla con intervento automatico dell’impianto frenante in caso di incidente, il Crew Protect Assistant (sistema proattivo di protezione degli occupanti in caso di incidente) che, con una serie di interventi mirati, mette in sicurezza la vettura in situazioni a rischio di incidente e il Driver Activity Assistant (dispositivo per il riconoscimento della stanchezza del conducente). Sono presenti fino a 9 airbag, compresi quelli per le ginocchia, di serie, e gli airbag laterali posteriori.
La qualità dei materiali è di ottimo livello, sia per quanto riguarda le plastiche (morbide) del cruscotto, sia nella scelta dei tessuti. La strumentazione si legge molto bene, compreso il ricco computer di bordo. I comandi al volante richiedono però un minimo apprendistato per poter navigare rapidamente tra le tante voci e funzioni previste.

skoda octavia confronta modello
Confronta la Skoda Octavia Wagon con le dirette concorrenti con il nostro esclusivo confronta modello

Motori con emissioni di CO2 a partire da 87 g/km

Nel nostro Paese la Octavia Wagon verrà proposta in tre livelli di allestimento, denominati rispettivamente Active, Ambition ed Elegance e verrà proposta ad un prezzo che parte da 19.610 euro, che può crescere fino a raggiungere i 27.560 euro. I motori a benzina, tutti sovralimentati, prevedono un’unità 1.2 TSI da 105 cv, oltre alla 1.4 TSI da 140 cv e a una prestante 1.8 TSI da 180 cv. Tutte le motorizzazioni a benzina vengono proposte di serie con un cambio manuale a 6 rapporti, mentre la 1.8 TSI può essere abbinata anche all’automatico a doppia frizione DSG a 7 rapporti. La gamma a gasolio invece è composta da una motorizzazione 1.6 TDI da 105 cv proposta con cambio manuale a 5 rapporti o con automatico DSG a 7 marce e dal più prestazionale 2.0 TDI da 150 cv abbinato al manuale a 6 rapporti o al DSG a 6 marce.
Particolarmente interessante si dimostra infine la versione Greenline 1.6 TDI da 110 cv e cambio manuale a 6 rapporti che promette consumi molto contenuti (solo 3,3 l/100km). Convincono comunque anche i consumi dichiarati dalle altre versioni; la 1.6 TDI da 105 cv si accontenta di 3,8 litri per 100 chilometri, ma anche la potente 1.8 TSI da 180 cavalli si fa bastare 6,1 litri per coprire la stessa distanza.

La prova su strada di Octavia Wagon 1.6 TDI, 2.0 TDI 4x4, 2.0 TDI DSG

E’ sempre un piacere salire a bordo di auto di sostanza come la Octavia Wagon. A fronte di un prezzo di listino interessante (si risparmiano davvero tanti soldini rispetto alle rivali tedesche premium), si ritrovano un’atmosfera e una cura per i dettagli che hanno poco o nulla da invidiare alla concorrenza.


La tenuta di strada è da auto più sportiva che familiare. Merito dell’ottimo telaio: gli inserimenti in curva sono precisi, la stabilità è a prova di errore, tanto che bisogna proprio esagerare o compiere un errore madornale per far intervenire i controlli elettronici di stabilità


Il conducente può ritagliarsi la posizione su misura grazie alle precise regolazioni. I comandi si manovrano con grande soddisfazione: lo sterzo è diretto e molto progressivo nelle risposte, mentre il cambio ha innesti secchi, brevi. È un piacere usarlo. L'abitabilità è davvero ottima, sia davanti che dietro. Il divano posteriore consente infatti anche ai più alti di distendere le gambe ed è buona anche la larghezza all'altezza dei gomiti. Impossibile pretendere di più. Anche il bagagliaio risulta ampio e molto regolare; è davvero comoda la possibilità si sfruttare i vari vani per riporre anche piccoli oggetti.

La tenuta di strada è da auto più sportiva che familiare. Merito dell’ottimo telaio (che sfrutta il pianale di ultima generazione realizzato dal Gruppo Volkswagen): gli inserimenti in curva sono precisi, la stabilità è a prova di errore, tanto che bisogna proprio esagerare o compiere un errore madornale per far intervenire i controlli elettronici di stabilità.

nuova skoda octavia (24)
Dei due motori a gasolio ci è piaciuto molto l’1.6 da 105 cavalli. Ha un’erogazione sempre piena e progressiva e permette alla Octavia di raggiungere i 191 km/h (corrispondenti a 200 km/h indicati) e di accelerare da 0 a 100 in 11,1 secondi

 

Dei due motori a gasolio ci è piaciuto molto l’1.6 da 105 cavalli. Ha un’erogazione sempre piena e progressiva, senza inutili picchi di coppia. Permette alla Octavia di raggiungere i 191 km/h (corrispondenti a 200 km/h indicati) e di accelerare da 0 a 100 in 11,1 secondi.
Il cambio ha 5 rapporti, che risultano più che sufficienti grazie alla grande coppia del motore 1.6. I consumi effettivi sono molto bassi, nell’ordine dei 20 km/l nell’extraurbano.

Il 2.0 TDI da 150 cavalli evidenzia prestazioni molto brillanti, specie se abbinato (come nel nostro caso) all’eccellente cambio DSG a 6 marce. Brillante, quasi brusca, l’erogazione ai medi regimi di questo propulsore. Validi i consumi, di circa 17 km/l nel misto.
Su un breve percorso sterrato abbiamo guidato anche la versione 4x4: nella maggior parte delle situazioni si comporta come una valida trazione anteriore, salvo sfoderare la trazione integrale sui fondi difficili e sulle pendenze più accentuate. Qui se la cava alla grande, come dimostrano i successi commerciali ottenuti nei paesi alpini e in Scandinavia dalla Octavia Wagon.

 

 

Pregi
Rapporto qualità/prezzo | Tenuta di strada | Equilibrio motore 1.6 TDI | Abitabilità

Difetti
Tunnel centrale ingombrante

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Skoda Octavia Station Wagon
Maggiori info
Skoda