salone di ginevra 2019

Lamborghini Huracan EVO Spyder al Salone di Ginevra 2019 [Video]

-

Debutta la nuova Huracan scoperta: con 640 CV può spingersi fino a 325 km/h

Dopo la coupé lanciata pochi mesi fa è il turno della classica versione scoperta: Lamborghini lancia infatti al Salone di Ginevra 2019 la versione Spyder della Lamborghini Huracan EVO, ovvero la Huracan di seconda generazione.

La Lamborghini Huracan EVO Spyder riceve tutte le migliorie della versione EVO, come i controlli elettronici della dinamica LDVI con torque vectoring, le quattro ruote sterzanti e gli sviluppi aerodinamici che si traducono in un look evoluto rispetto alla serie precedente.

La nuova Huracan EVO Spyder si fa notare per il nuovo frontale che aumenta di cinque volte la downforce rispetto alla precedente Huracan Spyder e migliora l'andamento dei flussi grazie ad aperture più ampie. Le maggiori peculiarità rispetto alla versione chiusa si riscontrano naturalmente al retrotreno, con l'adozione di un cofano motore caratterizzato da due accenni di “pinne” che si allungano verso la protezione per la testa degli occupanti e l'ala attivata elettronicamente.

Il bel posteriore della Huracan EVO Spyder
Il bel posteriore della Huracan EVO Spyder

La capote è in tessuto e si integra perfettamente con il design della nuova Huracan Spyder: può aprirsi e chiudersi in 17 secondi anche in movimento fino alla velocità di 50 km/h.

Il propulsore è sempre il V10 5.2 litri da 640 CV e 600 Nm di coppia massima, abbinato come di consueto alla trazione sulle quattro ruote e ad un cambio a 7 rapporti. Il peso per via dei cinematismi della capote è leggermente superiore rispetto alla coupé: l'ago della bilancia si ferma a 1.542 kg a secco contro 1.422 kg.

La nuova Lamborghini Huracan EVO Spyder può spingersi fino ad una velocità massima di 325 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 3,1 secondi.

Il prezzo di listino per il mercato europeo è stato fissato in 202.437 euro tasse nazionali escluse.

  • Diego Panza, Valenzano (BA)

    Esteticamente questa Lamborghini non sembra essere cambiata poi così tanto, riguardo l’aerodinamica ciò che risalta subito agli occhi sono gli intake e quel piccolo spoiler nella parte posteriore della vettura. Nell’abitacolo vi è un misto di lusso e tecnologia, controbilanciata dagli immancabili dettagli race. Il motore presenta 30cv in più rispetto alla prima Huracán, certo mi sarei aspettato di più, anche se dai tempi registrati è più veloce della performante. A mio avviso ciò che trovo totalmente inutile sono le ruote sterzanti posteriori, comprensibili su una Aventador in quanto più lunga di 25cm e più larga di 10cm. Mi complimento infine per l’introduzione del sistema LDVI (Lamborghini dinamica veicolo integrata) che permette a questa belva di essere domata unendo sistemi di diversa natura e di incrociare gli interventi in maniera accurata senza incidere sulle sensazioni di guida. Pertanto le assegno un 9/10
Inserisci il tuo commento
Altri su Lamborghini Huracán Cabrio
Maggiori info
Lamborghini