intervista

Winkler, Kia: «Ibrido costoso? Non più grazie al T-Hybrid, presto sarà realtà»

-

Hyundai-Kia presenta un nuovo 1.0 tre cilindri turbo e il suo primo automatico a doppia frizione. Ma i coreani si preparano a stupire il mondo con un powertrain ibrido davvero rivoluzionario

Winkler, Kia: «Ibrido costoso? Non più grazie al T-Hybrid, presto sarà realtà»

Ginevra - Kia si prepara a stupire il mondo con un powertrain ibrido davvero rivoluzionario, che promette di abbattere finalmente i costi di questo tipo di tecnologia. L'obiettivo è proporre sul mercato auto ibride che costino poco di più di quelle spinte da motori tradizionali, ma che sappiamo abbattere in maniera consistente i consumi di carburante, perlomeno nell'uso cittadino.


La tecnologia esiste già ed è funzionante, ma deve ancora essere ingegnerizzata per la produzione in serie. In attesa di vederla in azione i coreani non rimangono di certo con le mani in mano e stupiscono ancora una volta il mondo presentano il loro nuovo tre cilindri turbo da 1.0 litro, in piena ottica downsizing, e il loro primo cambio automatico a doppia frizione.

 

Ne abbiamo parlato al Salone di Ginevra con Michael Winkler, General Manager, Head of Powertrain, Hyundai Motor Group.
 

Avete annunciato lo sviluppo dell'innovativa tecnologia ibrida T-Hybrid. Quando la vedremo sulle auto di serie?
«Abbiamo già dei veicoli funzionanti equipaggiati con la tecnologia T-Hybrid, ma per ora sono ancora dei muletti che ci servono per portare avanti lo sviluppo. Al momento non sappiamo ancora quando questa tecnologia verrà introdotta sui modelli di serie. Vi posso dire però che stiamo lavorando duramente per ultimarla e metterla in produzione definitivamente».

kia ceed gt line (2)
Il nuovo tre cilindri 1.0 sovralimentato debutta sulla Kia Cee'd GT Line. In apertura la Optima T-Hybrid concept

 

Quali sono le principali innovazioni di questa tecnologia? Perché è così diversa dai sistemi ibridi visti sino ad oggi?
«Ci sono differenze consistenti nella tecnologia T-Hybrid rispetto ai sistemi ibridi esistenti. La particolarità più evidente è senza dubbio costituita dal voltaggio, visto che il nostro powertrain sfrutta una tensione a 48 Volt, mentre normalmente i veicoli usano 12 Volt. La tecnologia T-Hybrid o Mild Hybrid, come la chiamano in Hyundai, grazie a questo accorgimento permette di recuperare in maniera più efficiente l'energia. Inoltre questo sistema è dotato di un particolare motore-generatore denominato BSG – Belt Starter Generator, che grazie ad una corrente con tensione a 48 Volt riesce a garantire ancora più coppia durante le ripartenze».
 

È vero che la tecnologia T-Hybrid permetterà di abbattere radicalmente i costi dell'auto ibrida?
«Assolutamente sì, la tecnologia T-Hybrid, a parità di risultati in termini di riduzione dei consumi, è molto più accessibile rispetto ad un powertrain elettrico o plug-in hybrid. E stiamo parlando di una differenza di diverse migliaia di euro».

La tecnologia T-Hybrid, a parità di risultati in termini di riduzione dei consumi, è molto più accessibile rispetto ad un powertrain elettrico o plug-in hybrid

 

Torniamo con i piedi per terra. Cosa ci avete portato di nuovo qui a Ginevra?
«Il nostro nuovo 1.0 tre cilindri turbo debutto sulla nuova Kia Cee'd GT Line, ma sono sicuro che presto sarà disponibile su altri modelli. È un motore che sposa in maniera perfetta la filosofia del downsizing, in grado di erogare 120 CV grazie ad un sistema di sovralimentazione. Di fatto quindi questo nuovo propulsore va a sostituire il vecchio quattro cilindri 1.6 aspirato».

michael winkler kia
Michael Winkler, General Manager, Head of Powertrain, Hyundai Motor Group

 

Cosa cambierà in concreto per i clienti che scelgono questo nuovo motore?
«Prima di tutto siamo riusciti ad abbattere consumi ed emissioni di un 10-15% rispetto al vecchio 1.6 aspirato. Ma abbiamo migliorato nettamente anche le prestazioni visto che ora il picco di coppia di 172 Nm è disponibile già a partire da 1.500 giri/min. Il vecchio 1.6 esprimeva 165 Nm, quindi non molto meno del nuovo tre cilindri ma li rendeva dispobili ad un regime di rotazione del motore elevatissimo. Tutti i clienti conoscono la piacevolezza della coppia in basso propria dei motori diesel. Noi abbiamo voluto regalare lo stesso piacere di guida sul nostro 1.0 tre cilindri turbo benzina».
 

Avete sorpreso ancora una volta il mondo sviluppando in house il vostro primo cambio a doppia frizione. Rimarrà confinato solo al diesel?
«Al momento il nuovo doppia frizione verrà offerto solo in abbinamento al 1.7 turbo diesel CRDi. Questo cambio automatico però è pensato per funzionare sia con motori diesel che benzina, a patto che non superino valori di coppia pari a 300 Nm. Quindi in futuro potrà arrivare su moltissimi motori della nostra famiglia».    

  • DocAlchemist, Milano (MI)

    Coreani davvero bravi...

    Hyundai-Kia sono davvero bravi. Hanno fatto passi da gigante in pochi anni. Il loro metodo, evidentemente è adeguato alla situazione tecnica ed economica mondiale. Il che pone il quesito di come ci siamo ridotti noi, che una volta eravamo la avanguardia in tutti i campi. Mi chiedo se il gruppo FCA si sia pentito del costoso e poco efficiente bicilindrico...errori su errori fatti dall'avvocato Agnelli complici i politici e i sindacati che vivena sul monopolio e la mancanza di competizione grazie alla chiusura dei mercati ai Giapponesi e agli investitori esteri (vedi il caso AR), e da un susseguirsi di gestioni di scarse vedute, cui Marchionne, ora, tenta di rimediare eliminando gli incapaci rimasti. Ma, che fatica... e senza Jeep e la fuga in USA, cosa sarebbe successo? Non siamo capaci di aiutare la industria e gli industriali a crescere, questa è la verità. Un paese in cui il coraggio e la intraprendenza sono soffocate dalle tasse. Lo Stato si deve ingozzare, e invece di fornire servizi deve mantenere legioni di burocrati inutili e incapaci di darli!
Inserisci il tuo commento
Altri su Kia cee'd
Modelli top Kia
Maggiori info
Kia