Trieste "dimenticata" dall'elettrico: solo 1 colonnina fast

Trieste "dimenticata" dall'elettrico: solo 1 colonnina fast
Pubblicità
Luca Labate
  • di Luca Labate
Sono solo una ventina le colonnine per coloro che hanno un'auto elettrica e il comune, non ha intenzione di sentire le richieste dei cittadini
  • Luca Labate
  • di Luca Labate
23 settembre 2022

I cittadini di Trieste si lamentano delle poche infrastrutture per poter ricaricare le proprie auto elettriche, ad oggi sono solo una ventina i punti di ricarica in corrente alternata (AC) e hanno una potenza massima di 12 kW. L’unica stazione di ricarica rapida (in corrente continua) è a Padriciano, la quale ha una potenza massima di 50 kW (DC) ed è lontana dal centro di Trieste.

Secondo le testimonianze dei cittadini, le poche colonnine che ci sono (in AC) iniziano a scarseggiare. Uno dei motivi è l'inciviltà delle persone, questo perchè alcune auto a motore termico occupano le varie soste per i veicoli elettrici e grazie anche alle colonnine che danno qualche malfunzionamento (come ad esempio non si trovano in app o sono in manutenzione), ricaricare la propria auto elettrica diventa un incubo. 

Infine, il direttore del dipartimento Territorio, Economia, Ambiente e Mobilità del Comune, ha spiegato che “le colonnine rapide hanno bisogno di trasformatori e di infrastrutture particolari, per questo è complicato installarle sui marciapiedi e ha più senso costruire degli hub fuori dalla strada. Con l’assessore Sandra Savino siamo orientati in questa direzione. Anche in Slovenia ci sono delle aree dedicate in cui la gente fa la spesa o beve un caffè mentre ricarica l’auto: il futuro è quello. Inutile disseminare di colonnine i marciapiedi, dove già è difficile recuperare l’elettricità e manca lo spazio anche per i pedoni”.

Argomenti

Pubblicità
Caricamento commenti...