epoca

Alfa Romeo 1900C Super Sprint: all'asta uno dei 200 esemplari sopravvissuti

-

Stimata con una cifra vicina ai 200.000 euro, è una delle auto italiane più eleganti degli anni '50

In questi mesi sono svariate le aste di auto d’epoca iconiche e, dopo avervi parlato della Ferrari 512 BB, oggi vi parliamo di un altro capolavoro italiano, ovvero l’Alfa Romeo 1900, auto prodotta a partire dal 1950 fino al 1959.

L’auto, progettata da Orazio Satta Puliga, a partire dal 1954, ricevette un upgrade del propulsore quattro cilindri che, da 1884 cc e 91 Cv passando a 1975 cc con un notevole incremento di potenza che saliva a 115 CV. Anche la velocità massima beneficiò dell’aumento di cilindrata, passando da circa 150 km/h a 190, avendo un rapporto peso/potenza molto buono, garantito dalla carrozzeria in alluminio.

 

 

La casa d’aste Bonhams metterà a breve all’incanto una Alfa Romeo 1900C Super Sprint del 1955 con telaio n°10.481, una delle 600 prodotte tra il 1954 e il 1958 e una delle 200 rimaste in circolazione. La cifra stimata della vettura della Casa di Arese è compresa tra i 180.000 e 200.000 euro.

Questa coupé a tre finestrini, che da molti è reputata come una tra le auto italiane più elegante di quegli anni venne dapprima consegnata in Italia, per poi essere venduta nel 1971 in Francia, dove rimase per quasi vent’anni, per poi essere veduta ad un nuovo proprietario in Belgio nel 2003.

Dopo due anni ci fu un nuovo cambio di proprietario, il quale tra il 2017 e il 2018 ha ultimato il restauro completo dell’Alfa Romeo. La meccanica è stata completamente rivista e, dal punto di vista estetico, i lavori hanno interessato la vernice, con la carrozzeria tinta in un bellissimo accostamento di Azzurro Verde Oceano con tetto verde scuro, mentre gli interni sono stati abbinati al colore esterno

Inutile dire che le condizioni del mezzo siano da concorso e, sicuramente, non passerebbe inosservata se dovesse partecipare ad una manifestazione storica.

 

Photo Credits: Bonhams

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento