Viaggi

Alla scoperta di Barcellona: il nostro viaggio si conclude di notte [Video]

-

Siamo arrivati alla fine della storia. E come qualsiasi viaggio che si rispetti abbiamo deciso di chiudere con una serata all'insegna del divertimento, ricordando i momenti più belli del nostro tour catalano

Barcellona e SEAT, due storie parallele

Nell'ultimo secolo alcune città hanno finito per intrecciare indissolubilmente il proprio nome con quello di alcuni costruttori di automobili. Nell'immaginario collettivo, almeno per gli appassionati di auto, Torino è ancora la città della Fiat, Stoccarda quella della Mercedes e Maranello il simbolo della Ferrari. Ma c'è un altro luogo che ha legato, in una maniera del tutto particolare, il proprio destino a quello di una casa automobilistica. Si tratta di Barcellona, le cui alterne vicende gravitano da più di sessant’anni attorno a SEAT, il marchio spagnolo per eccellenza.

In questo caso, città e azienda hanno vissuto, almeno in un certo senso, storie parallele, contaminandosi a vicenda nel corso dei decenni. Il processo di industrializzazione che è seguito alla fine della guerra civile è coinciso con l’espansione di un’azienda che, nel giro di pochi anni, ha saputo mettere letteralmente in auto milioni di spagnoli. È in questo stesso periodo che la casa di Martorell ha posto le basi della sua attività produttiva nei pressi di Barcellona, in quella Zona Franca che rappresenta, ora, uno dei poli logistici più trafficati di tutta Europa.

La rinascita degli anni '90. Le Olimpiadi e l'effetto VW

Ma la vera svolta, tanto per la città, quanto per l'azienda, avviene negli anni '90. Le Olimpiadi del 1992 rappresentano, infatti, un volano senza precedenti, un avvenimento che consente a Barcellona di trasformarsi in una città nuova, in una delle realtà più fertili e dinamiche, dal punto di vista socio-culturale, in tutto il mondo. Una vera “capitale” europea, capace di generare nuove prospettive e i cui effetti stravolgenti possono essere avvertiti ancora oggi.

Le Olimpiadi del 1992 rappresentano un volano senza precedenti, un avvenimento che consente a Barcellona di trasformarsi in una città nuova, in una delle realtà più fertili e dinamiche, dal punto di vista socio-culturale, in tutto il mondo

È in questi stessi anni che SEAT vive una seconda giovinezza. Sulla spinta dell'acquisizione operata dal gruppo Volkswagen, avvenuta solo pochi anni prima, il marchio spagnolo si affaccia al resto d’Europa. Per la prima volta, anche SEAT può guardare al di fuori dei propri confini, sognare orizzonti di crescita internazionali, forte delle solide spalle di quel gigante su cui finalmente può fare affidamento.

Il viaggio

Barcellona e SEAT sono dunque testimoni di un percorso comune, di una evoluzione che le vede oggi come perfette interpreti della contemporaneità. È questa comunanza ad averci spinto a mostrarvi proprio quei luoghi che meglio di qualsiasi altro sono in grado di raccontare questa metamorfosi, lungo le strade della città catalana. Per farlo, abbiamo scelto la nuova Ateca, il modello che più di tutti deve la sua nascita alla città di Barcellona. ll nuovo SUV spagnolo infatti è stato progettato ispirandosi espressamente ai luoghi e alle atmosfere di questa città.

Barcellona e Seat sono dunque testimoni di un percorso comune, di una evoluzione che le vede oggi come perfette interpreti della contemporaneità. È questa comunanza ad averci spinto a mostrarvi proprio quei luoghi che meglio di qualsiasi altro sono in grado di raccontare questa metamorfosi, lungo le strade della città catalana

Ma dal momento che non volevamo dare vita ad una delle solite visite “turistiche” abbiamo deciso di farci accompagnare da una “specialista”, una persona che è riuscita a fare dei viaggi il proprio lavoro – assieme ad un sacco di altre cose. A prenderci per mano attraverso questa immersione nella rinascita di Barcellona, Federica Di Nardo, travel blogger ed influencer, nostro Cicerone per qualche giorno, nella capitale catalana. Assieme a lei, nel corso di quattro puntate, avremo così modo di farvi conoscere Barcellona da un punto di vista diverso dal solito.

Puntata 1: Un nuovo modello urbanistico

In questa prima puntata partiremo dalla cima del Tibidabo, per mostrarvi la nascita del quartiere olimpico lungo le pendici del Montjuic, prima di entrare nel cuore della “nuova” Barcellona: il quartiere Poblenou con il suo progetto @22.

Puntata 2: Il museo segreto SEAT

Nella seconda puntata del nostro viaggio catalano ci spostiamo nella Zona Franca, tra i padiglioni industriali della città. E’ proprio qui, vicino al porto commerciale, che nel lontano 1950 nacque il primo stabilimento della SEAT. Ed è proprio qui che oggi viene custodita in gran segreto la mitica collezione della Casa spagnola, che raccoglie tutti gli esemplari prodotti nel corso della storia, comprese le auto da corsa e le concept car.

Puntata 3: da Barceloneta al Raval

La terza puntata ci porta finalmente sul mare. Le Olimpiadi del 1992 ancora una volta hanno lasciato un segno indelebile sulla città, perché hanno permesso ai suoi cittadini di godere, oggi, di una vera e propria spiaggia, in una zona, quella a sud del quartiere Pobelnou, un tempo caratterizzata per lo più dalla presenza di insediamenti industriali. Al loro posto si trova ora, una affascinante distesa di sabbia e una schiera di stabilimenti balneari degna delle migliori croisette: l'ideale per un po' di jogging, per una partita di beach volley o per un paio di trick, all'interno del nuovissimo skate park, ai piedi del Centro Sportivo Mar Bella. Una passione, per gli sport di strada, che gli abitanti di Barcellona continuano tuttavia a fare propria anche in altre location, come lo spazio antistante al MACB, nel cuore del Raval.

Puntata 4: la notte catalana

Purtroppo siamo arrivati alla fine della storia. E come qualsiasi viaggio che si rispetti abbiamo deciso di chiudere con una serata all'insegna del divertimento, ricordando i momenti più belli del nostro tour catalano. Nella quarta e ultima puntata [il video è quello grande in apertura, ndr] abbiamo scoperto come il completo rinnovamento di una parte di Barcellona abbia portato con sé anche lo spazio per nuovi locali e per un nuovo modo di concepire il divertimento. Alcuni dei più noti brand del divertimento, a livello mondiale, hanno così deciso di portare proprio su questa striscia di mare i loro locali per consentire ai turisti e agli abitanti di Barcellona di godere di un'alternativa rispetto ai tipici locali del Barrio Gotico e alle realtà più locali del Born e del Raval.

Per avere tutte le info sulla nostra compagna di viaggio, la nuova Seat Ateca, clicca qui.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su SEAT Ateca
Modelli top SEAT
Maggiori info
SEAT