Elettriche nel 2035? Ecco chi dice che la data potrebbe slittare avanti

Elettriche nel 2035? Ecco chi dice che la data potrebbe slittare avanti
Pubblicità
Simone Lelli
  • di Simone Lelli
Il CEO di Ineos Automotive dubita del raggiungimento degli obiettivi di elettrificazione entro il 2035 in Europa.
  • Simone Lelli
  • di Simone Lelli
20 maggio 2024

Durante un evento a Millbrook, Lynn Calder, CEO di Ineos Automotive, ha espresso scetticismo riguardo alla transizione completa verso l'elettrico entro il 2035, suggerendo che i piani dell'Europa per eliminare le vendite di auto nuove a combustione potrebbero essere ritardati. Nonostante Ineos stia pianificando di lanciare il suo primo veicolo elettrico, il Fusilier, entro il 2027, Calder critica la strategia europea di affidarsi esclusivamente all'elettrificazione, promuovendo invece un approccio multi-propulsione.

La direzione di Ineos, sostenuta da un investimento significativo in R&D, include l'esplorazione di sistemi a celle a combustibile di idrogeno, dimostrando un modello Grenadier idrogeno durante l'evento. Questo approccio è visto come una soluzione più flessibile e inclusiva rispetto al piano attuale, che potrebbe non rispondere completamente alle esigenze del mercato o alle preferenze dei consumatori.

Lynn Calder ha sottolineato la necessità di un piano più ampio che includa diverse tecnologie di propulsione per garantire una transizione efficace e sostenibile verso i veicoli a zero emissioni. Questa posizione riflette una crescente preoccupazione nell'industria automobilistica riguardo alle sfide presentate dall'obiettivo del 2035, comprese le infrastrutture insufficienti per supportare una flotta completamente elettrica.

Con le vendite di veicoli elettrici che rallentano in mercati chiave come la Germania, Calder cita la resistenza dei consumatori e la mancanza di infrastrutture adeguate come ostacoli significativi. Inoltre, menziona il crescente sviluppo della tecnologia delle celle a combustibile in Cina, sottolineando come l'Europa possa rischiare di rimanere indietro nella corsa globale verso l'innovazione automobilistica.

Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese
Pubblicità