Epoca

La storica Fiat Nuova 500 Sport che vale 58.000 euro

-

Una vettura racing del 1958 pensata per vendere di più a un anno dalla presentazione della 500. Vinse anche la 12 ore di Hockenheim. Oggi ne esistono solo tre e valgono un capitale

La storica Fiat Nuova 500 Sport che vale 58.000 euro

Correva l'anno 1958, il presidente Dwight D. Eisenhower costituisce la National Aeronautic and Space Administration (NASA), una giovane cantante dilettante di nome Mina viene scoperta dai talent scout e lo spogliarello di Aiche Nanà al Rugantino, ispira Federico Fellini per una scena di La Dolce Vita.

 

Sempre in quell'anno, i responsabili della Fabbrica Italiana Automobili Torino (nda lasciatecela ricordare così...) iniziarono a scervellarsi su come spingere commercialmente la Nuova 500 che, già sul mercato da un anno, faticava a fare breccia nei cuori degli automobilisti italiani.

 

Ai giorni d'oggi, prima si vendono milioni di vetture e poi si sforna una bella versione da racing. Allora, gli anni della rinascita, gli anni del grande boom del dopoguerra, gli anni dell'entusiasmo, ogni cosa sembrava possibile e così pure la Fiat decise che per ingolosire gli automobilisti più sportivi e avvicinare anche l'utenza più giovane, amante delle prestazioni, era necessario vendere una versione spinta della 500.

 

Ed ecco arrivare la 500 Sport, con un nuovo propulsore siglato 110.004 che vantava, grazie a un maggiore valore di corsa, un aumento di cilindrata (da 479 cm³ a 499,5 cm³) e di potenza massima (da 15 cv a 21,5 cv).  Addio all'albero a camme in ghisa a favore di uno in acciaio, camere di scoppio riprofilate, molle valvole rinforzate, valvole maggiorate, nuovi pistoni, condotti lucidati, puleggia della ventola di maggiore diametro (per ridurre i giri e di conseguenza la potenza assorbita) e rapporto al ponte di 8/39.

fiat 500 sport (1)
La vettura fu subito competitiva e alla 12 ore di Hockenheim del 26 maggio 1958 conquistò i primi quattro posti


Queste modifiche meccaniche permisero alla 500 di spingersi fino alla velocità massima di 105 km/h, ben 15 km/h in  più rispetto ai modelli più “plebei”. Oltre a queste differenze meccaniche, a contraddistinguere la vettura, anche quelle estetiche: tetto metallico, vistosa colorazione bicolor rossa e bianca su fondo grigio e vistosi cerchi rossi.

 

A quei tempi la 500 Normale costava 490.000 lire, la Sport ben 70.000 lire in più. Una spesa da affrontare  non certo a cuor leggero se si pensa che ai tempi, uno stipendio medio di un operaio si aggirava attorno alle 80.000 mila lire


Detto questo, perché non si può parlare di un bell'oggettino d'epoca tralasciando un po' della sua storia, se qualche anno fa avete trovato, nel garage del nonnino, una 500 come quella che vedete in foto e poi, stanchi dello spazio occupato, avete deciso di disfarvene, sappiate che avete fatto la cavolata della vita. Sì perché, udite udite, semnra che ne esistano solo tre al mondo (il numero di esemplari totali prodotto è sconosciuto) e che oggi come oggi, vale come un villino di montagna.

 

Una 500 come quella di vostro nonno, o forse proprio la sua, è stata messa in vendita dal London Classic Garage alla ragguardevole cifra di 58.000 euro. Il prezzo è alto, non vi è dubbio, però in parte motivato dal restauro totale durato 1.200 ore che gli è valso la targa oro ASI e quella del registro Fiat.

 

Vi ricordate il numero del telaio dell'auto del nonno? Non sarà mica stato 033146? E voi che vi eravate lamentati con lui per aver occupato il garage con quella vecchia scassata 500 così tamarra...

 

 

Maurizio Vettor

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento