Mercato auto - usato

Le quotazioni delle usate premium tedesche risentiranno dell’effetto Tesla anche in Europa?

-

La tendenza negativa per i valori di molte auto premium usate dipende anche dalla presenza sul mercato delle vetture di Elon Musk. Negli USA l’effetto Tesla si fa già sentire

Le quotazioni delle usate premium tedesche risentiranno dell’effetto Tesla anche in Europa?

Tesla vende ormai quasi ovunque, nei mercati evoluti e non solo, rubando quote e appetibilità soprattutto a vetture premium. Auto tedesche? Pare di sì.

È questa la sintesi di alcune analisi svolte di recente, come quella di Capital One Financial (basata sui finanziamenti nel settore auto statunitense) secondo cui la presenza del marchio di Elon Musk, come riferimento per gli EV, è andata soprattutto a discapito di marchi storici europei, come: BMW, Audi e Mercedes. Sembra che tra i motivi delle quotazioni in discesa per molti usati premium termici, ci sia non solo indirettamente il fenomeno Tesla.

I modelli di Elon Musk, non certo di prezzo contenuto, sono presenti dove si rivolge un target che abbandona usato spesso premium e tedesco. La scelta di un’auto elettrica è ancora per pochi (pochissimi, in Italia) ma la segmentazione vede peso relativo importante per modelli premium, dove Tesla ha anticipato e dominato rispetto a certa concorrenza.

A breve, mentre il mercato EV cresce e si arricchisce di competitor, ci saranno i riscontri di gradimento effettivo tra la Tesla Model S e la Porsche Taycan, su un segmento che diventa interessante anche per molti europei. Nel frattempo, i dati raccolti dicono che a fronte di un acquisto Tesla, negli USA, quasi un quarto delle auto cedute appartiene a marchi premium tedeschi, con le conseguenze del caso (ovvero incremento offerta e deprezzamento più rapido per le europee di seconda mano). Da noi magari sarà un po' differente la sostanza, vista la struttura del mercato e dell'offerta nel Vecchio Continente.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento