Nuova Renault Austral, la Suv al sapore di Alpine, e addio diesel

Nuova Renault Austral, la Suv al sapore di Alpine, e addio diesel
Pubblicità
Premiere mondiale per la nuova sport utility Renault Austral, che manda in pensione la Kadjar
8 marzo 2022

La nuova Renault Austral è la Suv compatta che sostituisce la Kadjar, sviluppata sulla nuova piattaforma CMF-CD, un modulo creato appositamente per i motori ibridi della famiglia E-tech e per un nuovo mild hybrid a 48 V e un nome che s'ispira all'emisfero meridionale del globo terrestre. Con una lunghezza di 451 cm, è appena più lunga della Kadjar, passo esteso di 20 mm rispetto a prima (267 cm), cosa che dovrebbe favorire l'abitabilità interna. Per le gambe dei passeggeri seduti dietro la Casa indica una misura minima di 16 cm.     

Il design, che è stato illustrato dal capo dello stile Gilles Vidal, ha alcuni dettagli di un certo impatto, senza lasciare a bocca aperta nelle sue linee generali. Prende però un certo carattere nella griglia anteriore a scacchiera e nel raccordo fra il tetto spiovente e la zona posteriore, il cui centro di attenzione è l'ampia fascia di led olografici che arrivano fin quasi alla losanga centrale. Anche il logo è stato del tutto ridisegnato.     

Il capo dei designer ha usato il termine "sensual tech" per descrivere curve "generose e sensuali", ammiccamenti vari ma anche una certa sostanza di contenuti per cui la Austral si fa notare, anche considerando che è abbastanza alta da svettare a 1,62 metri di altezza e 17 cm da terra e ruote fino a 20 pollici. Il nuovo frontale è completato da fari led in tre livelli di sofisticatezza. semplici, adattivi e matrix. Il complesso delle luci si attiva quando il proprietario s'avvicina con una sequenza animata di riconoscimento.        

Sette colori di carrozzeria disponibili con un allestimento speciale "Alpine Espirt" in grigio satinato, che prevede anche loghi all'esterno e sui ricami dei sedili. Ed è proprio negli interni che la Austral fa il salto nello stile e nelle dotazioni: siccome sarà la top suv di Renault (i cui prezzi non sono annunciati, ma la media base del segmento è di 32.000 euro), le tecnologie e gli arredi fanno un ottima impressione. Lo spazio per i passeggeri anteriori è letteralmente "avvolto" dallo sviluppo orizzontale della plancia, che prosegue sulle porte.    

Il modulo centrale grafico composto da due schermi e qualche tasto fisico sotto è bello d'aspetto e molto ben integrato nella console, privo di effetto "tablet" appoggiato lì a caso, e beneficia dello stesso trattamento degli smartphone, anti riflesso e anti-impronte, con un gorilla glass di protezione. L'eccellente luminosità del display anche di giorno ha consentito di eliminare una antiestetica palpebra di copertura. Anche il raccordo con gli strumenti dietro il volante è ben riuscito, con l'unica interruzione di una feritoia per il clima. Sul tunnel centrale a rubare la scena c'è una maniglia - appoggiagomito un po' ipertrofica, e sul volante l'e-shifter per il cambio.   

Google on board al 100%. Il sistema OpenR di Renault integra totalmente i GAS (Google Automotive Services) quindi mappe, assistente personale con comandi vocali e applicazioni multimediali, in omaggio ad una tendenza che diverrà sempre più massiccia ma ha il grande vantaggio di essere scalabile, aggiornabile e sempre connessa, con molte app disponibili dotate della necessaria semplicità per poter essere usate in auto

La scelta di motori della Austral non prevede il diesel e per il momento nemmeno una versione full electric. Però può contare su un'unità  full hybrid E-tech di seconda generazione (batteria da 1,7 kWh a 400V) da 160 o 200 CV basata su un nuovo 3 cilindri da 1,2 litri accoppiato ad un elettrico e un cambio automatico a sette marce, e il tutto dovrebbe garantire emissioni nell'ordine dei 105 grammi/km di CO2, quindi consumi medi di 25 km/litro. Più giù nella gamma troviamo un mild hybrid advanced a 48 V basato sulla stessa architettura da 130 CV e due mild hybrid "classici" 4 cilindri già nella gamma Renault da 140 e 160 CV.          

Una novità consistente, già al debutto sono le quattro ruote sterzanti previste a richiesta (4Control), una primizia per il segmento delle C-Suv. Il retrotreno multilink ha un'attuatore che agisce sulle ruote fino ad un angolo di 5 gradi in controfase (1 grado oltre i 50 km/h in fase) per ridurre il diametro di sterzata a soli 10 m e migliorare l'agilità dinamica. Le consegne della nuova Renault Austral sono previste in autunno.    

Da Moto.it

Pubblicità
Caricamento commenti...