SALONE DELL'AUTO DI TORINO

Parco Valentino: l'estremo tentativo della Regione Piemonte di tenerlo a Torino

-

L'amministrazione regionale approva una mozione che, a suo dire, potrebbe riportare il Salone dell'Auto nella città che gli ha dato i natali e lo ha ospitato nelle ultime cinque edizioni

La decisione di organizzare la prossima edizione a Milano è ormai presa, ma la Regione Piemonte non demorde e, in quello che potrebbe essere un ultimo - e con tutta probabilità inutile - colpo di reni, cerca una nuova via per far sì che il Salone dell'Auto resti a Torino, dov'è nato e dove si è tenuto nelle sue cinque edizioni.

Leggi tutto quello che abbiamo scritto sul Parco Valentino

Ad aver rivelato il tentativo estremo del Governo piemontese è stato il quotidiano La Stampa che riporta quanto è accaduto nei giorni scorsi in consiglio regionale, cioè l'approvazione di una mozione con la quale è stato concesso agli organizzatori dell'evento l'uso della Palazzina di Caccia di Stupinigi.

Guarda le foto più belle dell'edizione 2019 del Salone dell'Auto di Torino

La palla passa ora a questi ultimi che, non più tardi di qualche settimana fa, avevano annunciato la volontà di lasciare Torino in favore di Milano dopo una serie di dissapori - a loro dire fortemente disincentivanti - con la giunta comunale.

Più che essere proiettato al 2020, il provvedimento sembra riguardare un futuro più anteriore, sottolineando come un possibile ritorno del Salone alla città che lo ha visto nascere e crescere (l'edizione 2019 ha registrato oltre 700 mila visitatori) rappresenterebbe una grossa spinta allo slancio internazionale di tutto il territorio che, viceversa, rischierebbe di diventare, invece, in una grave occasione persa.

L'area individuata dalla mozione fa parte del circuito delle regge sabaude ed è stata proclamata patrimonio Unesco nel 1997, dista circa 10 km dal centro ed è circondata da un parco dalle caratteristiche simili a quello del Castello del Valentino.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento