prova

Aston Martin Callum VANQUISH 25 by R-Reforged | Quando si va oltre al RESTMOD. Da 550.000 euro!

-

Costa 550.000 euro + tasse ed è un restmod che punta a portare nel presente quella Vanquish che lo stesso Ian Callum disegnò nel 2001. Si è cercato di mettere da parte la componentistica Ford nel contesto di una performance migliorata: 580 CV, 60 mm di allargamento carreggiate, freni carboceramici...

Il tema delle auto customizzate è da sempre molto apprezzato da quella parte di appassionati d'auto che non sono solo alla ricerca di un mezzo unico ma che sia anche in grado di esprimere una personalità diversa, più vicina ai propri gusti o alla voglia di guidare qualcosa di meno uniformato e schiavo delle regole della industrializzazione e della condivisione delle componenti, anche nelle supercar spesso provenienti da prodotti ultra generalisti come possono essere le Ford Fiesta o Focus nel caso di prodotti comunque eccezionali come le Aston Martin dei primi anni 2000 o, per non andare troppo distante, Ferrari con le vetture FCA.

Un mondo, quello della customizzazione, che interessa i prodotti di nuova generazione - non solo sportive, ma anche fuoristrada come Mercedes Classe G o altro - e che nell'ultimo periodo ha puntato i fari sul mondo del restmod, acronimo di resto(ration) + mod(ification)...che in questo periodo è divenuto celebre con prodotti come le Porsche 911 riviste da Singer con tanto di motore Williams da 500 CV ma anche la nostra Aston Martin Callum Vanquish che R-Reforged ha realizzato partendo dalla V12 che lo stesso Callum disegnò all'inizio del 2000 proprio per la casa britannica. Un loop che fa ingolosire gli appassionati perché è lo stesso Callum, matita fatata, a rimettere mano ad un suo progetto tracciando le linee con cui la svizzera R-Reforged negli stabilimenti britannici di Warwick porteranno nel futuro 25 esemplari.

Gli interni: meno Ford, più carbonio e pelle
Gli interni: meno Ford, più carbonio e pelle

Un'operazione geniale frutto della passione di un gruppo di lavoro al capo del quale c'è la struttura - AF Racing - che sta sviluppando in collaborazione con Red Bull Racing i progetti Valhalla e Valkyrie. Ma quelle sono un'altra storia. Questa Callum Vanquish, dunque, nasce per rendere speciale ed aggiornare un prodotto già di per sé fantastico per forme ma anche per tecnica visto che la propulsione arriva da un motore V12 6.0 che i tecnici di R-Reforged hanno voluto perfezionare: nuovo sistema di scarico, nuovi alberi a camme, raffreddamento migliorato e messa a punto hanno infatti portato la potenza da 520 a 580 CV mantenendo l'innata elasticità anche ai bassi regimi che è tipica di questa unità.

Due le possibilità offerte dal cambio: manuale a sei rapporti, molto contrastato negli innesti, o il classico cambio automatico ZF a sei marce rivisto nei tempi di cambiata. Ma non c'è solo motore, anzi, oltre ad una nuova colorazione della carrozzeria - bellissimo il rosso - i tecnici R-Reforged hanno introdotto un nuovo assetto Bilstein con nuovi ammortizzatori che hanno tarature più sportive in termini di compressione ed estensione alla stregua delle nuove barre antirollio e delle boccole che controllano il movimento di un corpo vettura più basso di 10 mm ma anche piazzato su carreggiate 60 mm più larghe: questo grazie anche all'introduzione dei nuovi cerchi - realizzati in Italia - da 20" con design specifico e gommati Michelin Pilot Sport.

L'eleganza della Vanquish, ancora più bella oggi grazie a R-Reforged
L'eleganza della Vanquish, ancora più bella oggi grazie a R-Reforged

Una scelta di assetto che estremizza i concetti di bilanciamento della Vanquish, rendendola più reattiva e meno sottosterzante e che hanno permesso di integrare un impianto frenante con dischi carboceramici e pinze Brembo firmate Aston Martin a sei pistoncini (quattro davanti). Anche gli interni sono stati rivisti con l'introduzione di una nuova pelle, più morbida e piacevole al tatto, che fa parte di un set di personalizzazioni che sono a discrezione del cliente sulla base di 8 configurazioni base: nulla è lasciato al caso, a partire dalla fibra di carbonio, passando per la strumentazione analogica sviluppata con la Bremont, che ha fornito anche l'orologio - sfilabile ed indossabile - in vetta alla plancia. Molto rifinito anche il bagagliaio, con il set di valige Mulberry sviluppate per Callum (una nel bagagliaio ed una nella panchetta posteriore).

Il nuovo sistema di scarico. Melodia per 580 CV
Il nuovo sistema di scarico. Melodia per 580 CV

Una vettura molto speciale, che si guida ancora in modo "analogico" e senza particolari filtri elettronici, che suona con una timbrica eccezionale e che permette alla Vanquish di essere ancora oggi un'auto molto moderna con tutti i limiti di vent'anni di progettazione in meno rispetto alla nipotina DB11...che di suo vanta una base più aggiornata ed una estetica curatissima ma forse non ha il gusto delle cose speciali ed uniche come il restmod pensato da quel Callum che 20 anni fa fece una piccola rivoluzione nel mondo delle GT di alta gamma con questa Vanquish dalle forme ancora oggi simbolo di pulizia e carattere ma senza ostentazione.

L'unico difetto di questa Callum è il prezzo: 550.000 euro + tasse non sono alla portata di molti ma del resto il progetto si pone proprio questo obiettivo. Quello di rendere unica e speciale una macchina riportata nel presente con cura artiginale e buon gusto.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Aston Martin Vanquish
Modelli top Aston Martin
Maggiori info
Aston Martin