Primo test

Jaguar E-Pace, la piccola F-Pace tra BMW X2 ed Audi Q5 [Video]

-

Stile british, tecnologia di altissimo livello e motori da 150-240 CV diesel o 249-300 CV benzina caratterizzano la nuova SUV compatta

L'offensiva Jaguar nel segmento delle SUV continua e così, dopo la F-Pace, arriva il momento del debutto anche per la più compatta E-Pace. Una vettura "compatta", visti i 4,39 metri di lunghezza che la mettono in competizione diretta con BMW X2, in listino a partire da 36.800 euro nelle versioni più basiche ed in grado di essere configurata con motori ed allestimenti per arrivare ad impensierire le sport utility vehicle del segmento superiore come BMW X3 o Audi Q5.

Un prodotto "furbo", trasversale su vari segmenti, un po' una specialità di questo gruppo automobilistico che già con Range Rover Velar o la cugina stretta di E-Pace, Evoque, hanno fatto capire di aver trovato la ricetta giusta per conquistare la clientela aspirazionale - dai segmenti inferiori - ma anche dall'alto visto e considerato che chi sceglie una vettura come E-Pace negli allestimenti top non rinuncia a nulla in termini di tecnologia pur scendendo a patti come dimensioni.
 
Lunga 439 cm e sviluppata attorno ad un passo di 268, la nuova E-Pace non nasce dal nulla ma sfrutta tutto il know how nel segmento da parte di Land Rover con la Evoque: una esperienza che ha permetto di creare un abitacolo più generoso con chi siede dietro (892 mm di spazio per le gambe) ed un bagagliaio che va da 577 a 1.234 litri abbattendo gli schienali posteriori: purtroppo nella sola modalità 60/40 visto che i desginer Jaguar non hanno previsto un frazionamento 40/20/40 e nemmeno una porticina per gli sci o per i carichi più lunghi.

Un interno, piccole disattenzioni a parte, davvero molto ben fatto sotto il profilo dello stile - driver oriented - e della tecnologia visto che al centro della plancia spicca il Jaguar Touch Pro da 10", mentre al posto della strumentazione analogica è possibile avere quella "virtuale" digitale abbinata al sistema head-up-display che lavora direttamente sul parabrezza e non sulla più semplice "patellina" a scomparsa.

Interni che vantano una forte declinazione verso il digitale, tanto che il sistema multimediale connesso in rete 4g - condivisibile attraverso hot spot wifi - permette l'accesso a numerosi servizi in rete, a partire dal meteo per arrivare alle informazioni sul traffico passando per podcast o spotify con interfaccia dedicata.
 
Un sistema completo attraverso il quale si possono pilotare anche elementi come il sistema di riscaldamento o ventilazione dei sedili ma non la climatizzazione dell'abitacolo, che rimane fortunatamente relegata a tre elementi dedicati al centro della plancia asimmetrica.
 
In termini di sicurezza la E-Pace è in grado di gestire la distanza di sicurezza con la vettura che precede - cruise control adattivo - rileva il potenziale impatto con auto o pedoni e frena autonomamente in caso di emergenza, controlla l'angolo cieco dello specchietto ma non gestisce autonomamente il mantenimento della carreggiata attraverso la funzione di lane-assist attivo.

In termini di meccanica, ed è anche qui che la E-Pace risce a diversificare ampiamente la sua offerta, si passa da 150 a 300 CV con motorizzazioni quadricilindriche diesel o benzina. L'accesso alla gamma è rappresentato dal 2.0 diesel da 150 cv e cambio manuale a sei marce ma in ambito gasolio si sale velocemente a quota 240 CV passando per i 180 della soluzoione intermedia. Per tutte, anche per la variante meno potente, è il cambio a 9 rapporti a convertitore di coppia. Una trasmissione molto moderna pensata per lavorare attivamente con il sistema di trazione integrale attivo che nasce come una trazione anteriore in grado di trasferire il 100% della coppia al retrotreno con tarature elettroniche ogni 10 millesimi di secondo. Un sistema "sveglio", pensato per collaborare attivamente con la dinamica del veicolo attraverso funzioni di torque vectoring che coinvolgono l'asse anteriore attraverso i freni e quello posteriore con il passaggio della coppia dal lato destro a quello sinistro attraverso un differenziale a frizioni lamellari. Lo stesso, concettualmente, che sposta la coppia da davanti a dietro.

C'è molto di Land Rover in questa trazione integrale e c'è molto dell'esperienza del Gruppo anche nei motori a benzina di cui uno molto interessante anche per il mercato italiano: il 2.0 turbo, infatti, è disponibile nella classica versione da 300 CV ma anche nella variante da 249 cavalli che sembra pensata appositamente per arrivare al limite del superbollo.
 
Le prestazioni sono ovviamente interessanti nonostante la E-Pace non sia una piuma (va da 1.770 a 1926 kg): la 300 CV passa da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi mentre la 150 cv a gasolio in 10,1 ma quello che interessa sono i 7,4 della 240 CV diesel, i 9,3 della 180 CV o i 7 netti della 249 cv. Il tutto con velocità massime di tutto rispetto visto che i valori dichiarati passano da 199 a 243 km/h.

Dal vivo: com'è

Il centro stile Jaguar Land Rover negli ultimi anni sta lavorando davvero molto bene e dopo aver dato una svolta allo stile Land Rover, partendo dalla Evoque, ora è arrivato il momento di dare nuova linfa anche al mondo Jaguar un po' troppo vincolato all'universo delle berline per essere attuale - purtroppo - nel contesto di un mercato che si sta muovendo sempre di più verso i segmenti SUV. Già con F-Pace ci avevano fatto vedere di cosa erano capaci a Coventry ed oggi con la E-Pace abbiamo la conferma di forme ammiccanti, evidentemente pensate per piacere sia al pubblico maschile che a quello femminile:
 
Gli interni sono ben fatti, disegnati con cura e grande attenzione per il dettaglio. La parte tecnologica è presente ma non invadente e, nonostante la mancanza di apple carplay ed android auto, l'integrazione con gli smartphone di ultima generazione avviene perfettamente ed alle applicazioni smart si accede direttamente dal sistema multimediale connesso in rete.
 
Lo spazio a bordo è di tutto rispetto viste le dimensioni in gioco: è comoda sia davanti che dietro e c'è spazio per i bagagli. Peccato solamente per lo scarso pensiero rivolto al vano bagagli: un frazionamento 40/20/40 l'avrebbe reso più pratico, soprattutto d'inverno.

Come si guida

Seduta rialzata, ottimo controllo di cosa ci circonda, la E-Pace è carente di visibilità - per questioni di stile - solo nella 3/4 posteriore, dove è necessario farsi aiutare da telecamere e sensori di parcheggio per evitare spiacevoli contatti in manovra. Per il resto la sensazione offerta a bordo della SUV compatta del giaguaro è di un'auto molto concreta, che si fa guidare molto bene grazie anche ad un reparto trasmissione in grado di migliorare le doti dinamiche del veicolo: il torque vectoring, infatti, lavora intensamente per assicurare buone doti di agilita ed una piacevolezza di guida di buon livello nonostante il peso in gioco sia elevato e possa rappresentare un limite in termini di piacevolezza di guida e, soprattutto, di scelta motoristica. Non che il 150 CV non sia "degno" di questa Jaguar ma per avere delle prestazioni adeguate al blasone del brand è necessario puntare sulla 180 CV o, meglio ancora sulla 240 cv a gasolio. Ci ha convinto anche la motorizzazione a benzina, che da parte sua pesa più di 30 kg in meno ed assicura una maggiore agilità di avantreno e, globalmente, una piacevolezza di guida data dall'elasticità di un motore che si dimostra una volta di più estremamente piacevole nella guida.
 
Molto silenziosa, la E-Pace nonostante l'assenza delle sospensioni a controllo elettronico - arriveranno a breve - si dimostra piacevolmente confortevole ed in grado di pensare anche a qualcosa in più rispetto alla normale strada asfaltata: la sua trazione integrale, infatti, è molto rapida nel gestire la coppia ed il cambio a 9 marce ha una prima sufficientemente corta per muoversi bene anche su tracciati impegnativi in termini di pendenza. Certo, non è un vero fuoristrada anche perché lo stile ha imposto angoli di attacco ed uscita decisamente ridotti, ma fa molto più di quello che si pensa in ambienti fuoristradistici.

In conclusione

La nuova E-Pace è un'auto "trasversale" sotto ogni punto di vista, come dicevamo, che rappresenta una scelta molto interessante per diverse tipologie di clienti comprese tra i 36.800 delle vetture base e gli oltre 60.000 del top di gamma.

Pregi e difetti

  • - linea personale - interni molto curati - trasversalità offerta
  • - peso vettura - frazionamento schienali posteriori - listino salato

 

  • hwrk89

    Piccola ma larga 198 cm con gli specchietti chiusi, box auto permettendo...
Inserisci il tuo commento
Altri su Jaguar E-Pace
Maggiori info
Jaguar