#Galebordons

Nissan X-Trail | test drive #AMboxing

-

I nostri Andrea Galeazzi e Luca Bordoni hanno messo alla prova la nuova Nissan X-Trail, il SUV più grande del costruttore giapponese

E' un crossover il protagonista della nostra recensione di oggi. Abbiamo avuto infatti la possibilità di metterci al volante di Nissan X-Trail, in versione benzina e con trazione anteriore. Come è andato? Scopritelo con noi.

Esterni

Massiccia la calandra, con le gobbe sul cofano che ricordano le gobbe di Qashqai, Nissan X-Trail ha dimensioni massicce: è infatti lunga 4.64 metri, larga 1.82, alta 1.70, il che suggerisce la grande comodità che troveremo a bordo. I fari purtroppo sono alogeni, e i cerchi sono da 19 pollici. Il disegno è sobrio, tanto che da fuori in effetti non avrà pochi estimatori. Un consiglio: sceglietela nera, un po' perché snellisce, un po' perché fornisce all'idea di insieme tanta eleganza.

Interni

La plancia di Nissan X-Trail è disegnata con sobrietà, ma troppi sono i materiali usati nell'assemblaggio. Intendiamoci: le plastiche non sembrano certo cheap, ma ci sarebbe piaciuto che i designer del produttore avessero scelto una via e poi l'avessero percorsa fino in fondo. Invece ci troviamo di fronte plastiche stampate un po' retro, elementi lucidi, e una finta fibra di carbonio che lascia qualche punto interrogativo. Per il resto, la disponibilità di spazio a bordo è tanta, soprattutto per chi siede dietro quando davanti non abbiamo driver e passeggero altissimi. Sembra davvero di poter viaggiare per chilometri e chilometri senza perdersi in dolori alle articolazioni, e la possibilità di controllare i flussi del condizionatore dietro sono un valore aggiunto, su un crossover che a stento supera i 30.000 euro. La vera pecca a bordo sono i sedili, che paiono imbottiti di gomma piuma e che offrono un vellutino sul quale non riusciamo a scorrere ma nel quale anzi sprofondiamo come sulle Cadillac d'America di trenta anni fa. Poco male, perché è il comfort uno dei caratteri distintivi di Nissan X-Trail, che offre una buona insonorizzazione e consumi ridotti grazie pure alla trazione anteriore. La versatilità è un altro risultato importante portato a bordo dai designer Nissan: il divano posteriore scorre per consentire a chi siederà nell'ultima fila di avere più o meno spazio (se avremo scelto la configurazione sette posti), e ci basterà un'operazione rapida per abbattere i sedili. Argomento bagagliaio: NON sceglietelo ad azionamento elettrico, visto che impiega 'molto' ad aprirsi. Preferite un po' di moto e apritevelo da soli, per scoprire i 550 litri di capacità, che possono diventare 1700 a sedili posteriori abbattuti.

Insolito non trovare un dieselone, viste le dimensioni di Nissan X-Trail

Motori

A disposizione abbiamo un motore benzina da 1.6 litri che eroga 163 cavalli e una coppia massima di 240 Nm. Insolito non trovare un dieselone, viste le dimensioni di Nissan X-Trail, ma ci fa piacere avere provato questa motorizzazione. Possiamo dire che il propulsore, infatti, diventa brioso a patto di restare sopra i 4.000 giri. Al di sotto di questa soglia, per la verità non semplicissima da raggiungere, pur mostrando sufficiente elasticità abbiamo una certa dose di pigrizia, che spingerà a puntare sul comfort anziché sulla prestazione sportiva. Indubbiamente più in linea con il design di Nissan X-Trail, quindi, e allora forse meglio preferire una delle motorizzazioni diesel a disposizione. Il propulsore a nostra disposizione, invece, ci consente di accelerare da zero a cento in 9.1 secondi, e di raggiungere una velocità massima di 200 chilometri orari. Ottimi i consumi, merito anche dello start and stop che entra sempre: percorriamo 12 chilometri con un litro di benzina in città, 14 a limite autostradale, 19 a 110.

Sensazioni di guida (cambio frizione sterzo)

Male il cambio, manuale a sei rapporti ma con una leva molto lunga. Bene la frizione, sempre leggera in ogni situzione, e bene anche lo sterzo che si dota di una corona del volante delle giuste dimensioni. In generale, per guidare Nissan X-Trail non serve essere piloti provetti: dovrete sempre privilegiare la comodità e il comfort di bordo, godendovi l'insonorizzazione e la tranquillità alla guida. La tenuta di strada è buona, così come gli spazi per le frenate, nonostante l'ampio beccheggio generato dal design della vettura, che ha un raggio di sterzata ampio e che ovviamente si adatta maggiormente alla gita fuori porta anziché tra le vie strette del centro città (dove comunque avremo tutto sotto controllo da posizione elevata, e saremo facilitati, ove consentito, nei parcheggi sui marciapiedi).

Sistemi sicurezza attivi

Non mancano i sistemi legati alla sicurezza, ma siamo in versione 1.0. Il lane departure assist è infatti solamente acustico, e non corregge la nostra traiettoria né vibra; è invece invasivo, e anche noioso perché disturba non poco la conversazione (voi direte: è un sistema di sicurezza attivo - è bene che ti disturbi per farti capire che stai sbagliando. Avete ragione, ma abbiamo visto altre soluzioni più intelligenti e comunque utili). Oltre al lane departure assist, abbiamo il sistema di anticollisione, la ripetizione dei segnali stradali nel quadro strumenti, e il cruise control, purtroppo non adattivo.

Più che un macchinone, questa Nissan X-Trail è destinata a chi ha bisogno di classe operaia

Altri optional

Tra gli altri optional da segnalare, non va dimenticata la telecamera a 360 gradi, che però presenta una zona di non visibilità dove più servirebbe. Complici i montanti ampi, non avere a disposizione la visuale dell'angolo posteriore diventa scomodo in fase di manovra. Per il resto, il sistema infotainment, seppure completo, avrebbe bisogno di una rinfrescata nella grafica e nell'intuitività. Il climatizzatore, bizona, va tenuto a temeperature basse per riuscire a rinfrescare tutto il grande abitacolo.

Target, prezzi e conclusioni

Più che un macchinone, questa Nissan X-Trail è destinata a chi ha bisogno di classe operaia, vale a dire di una vettura in grado di caricare fino a sette passeggeri, oppure di essere caricata di oggetti con tutti i sedili posteriori abbattuti. Nissan X-Trail parte da 25.600 euro, mentre nella nostra versione (mancano solo il cambio automatico e i fari allo xeno) tocca e sfonda il muro dei 30.000, senza però decollare verso i 40. La configurazione sette posti, preferibile, costa 'solo' 1.500 euro: noi la sceglieremmo sempre, se avessimo bisogno di un croosover con queste credenziali. Sicuramente, Nissan X-Trail ha una valenza economica ben precisa.

Pregi e difetti

  • Ampia capacità di carico - Disponibilità di spazio posteriore - Costo contenuto - Versatilità
  • Motore un po' pigro ai bassi regimi - Sedili troppo morbidi - Cambio traballante

 

Scheda

Motore In prova
Cilindrata: 1.6 benzina
Numero cilindri: 4 in linea
Potenza: 163 cavalli
Coppia: 240 Nm
Cambio: manuale a 6 rapporti
Trazione: anteriore
Consumo: 14.6 chilometri nel misto
Emissioni CO2 per km: 134 grammi

Prestazioni:
Velocità Massima: 200 chilometri orari
0-100: 9.1 secondi

Misure:
Lunghezza/Larghezza/Altezza in cm: 464/182/170
Passo: 271 centimetri
Bagagliaio: 550-1700 litri
Pneumatici: 19 pollici
Peso: 1625 chilogrammi

  • VTR46, Pescantina (VR)

    Apprezzo molto le vostre prove. Sono sempre dettagliate, a fuoco sui particolari che contano e sopratutto con quel pizzico di ironia che che le rende non troppo serie.
    Se mi permettete, volevo consigliarvi un AMBoxing sulla nuova Hyundai Tucson, magari nella nuova motorizzazione 1.7 diesel da 141cv. Secondo me auto molto interessante che potrà intaccare il predominio Qashqai nel Segmento crossover (e lo dico da possessore di quest'ultima, per cui non di parte).
Inserisci il tuo commento
Altri su Nissan X-Trail
Modelli top Nissan
Maggiori info
Nissan