Test drive

Renault Talisman | Marchons! Marchons! [Video]

-

Una station wagon capace di accendere l'interesse di un pubblico trasversale. A noi è piaciuta non poco. Ecco a voi Renault Talisman!

Intro

Una perfetta auto da rappresentante, una perfetta auto di rappresentanza. E' riassumibile con questa frase un po' banale ma diretta la natura di Renault Talisman. Renault sta continuando a crescere come brand, in termini di qualità e in termini di affidabilità, e come abbiamo lanciato il nostro video, con Marchons Marchons rubato alla Marsigliese, Renault Talisman ne è testimonianza. Una vettura cui guardare con interesse sia che si tratti di auto di famiglia per lunghi viaggi, sia che se ne intenda fare un utilizzo professionale, complice un consumo risparmiosissimo.

Esterni

Le tipiche proporzioni della grande station wagon, dove spiccano i quattro metri e 87 di lunghezza, più che il metro e 87 di larghezza. Attaccata al terreno con la sua altezza limitata al metro e 47, lascia qualche perplessità solo quando, saliti a bordo, ci si rende conto che per gli occupanti più alti lo spazio per la testa, soprattutto dietro, non è esagerato. Davanti sotto l'emblema di Renault si nasconde il radar del cruise control, mentre i fari sono full led e hanno una linea luminosa che si fonde con le cromature inserite dai designer del produttore. I cerchi sono da 18 pollici, e si può godere della tecnologia keyless, che ha il valore aggiunto della chiusura delle portiere quando ci allontaniamo di qualche metro dalla nostra Talisman. Dietro i gruppi ottici, sempre grazie alla tecnologia LED offrono una veste elegante e sobria, che si accompagna all'apertura elettroattuata del bagagliaio.

Interni

A bordo si respira la consueta aria Renault. I sedili sono comodi, non avvolgenti, qualche dubbio viene dato dalla trama, che può piacere o meno. La cosa interessante è che il sedile del driver offre impostazioni elettriche, e lascia uno spazio adeguato per tutto a parte la testa, a patto che siate driver più alti di un metro e novanta. In quel caso lo spazio è ridotto, ma reso comunque sufficiente anche per merito del tetto apribile che porta in vettura luminosità. Il quadro strumenti è organizzato, come al solito, male, perché la parte centrale offre poco spazio alle voci del computer di bordo e alle soluzioni del sistema infotainment, e i due quadri laterali sono analogici e senza possibilità di cambiare veste.

A piacere è però il cambio nel layout che si registra all'impostazione della modalità di guida. Il tunnel è molto ampio, e ospita alcuni comandi come l'impostazione delle modalità di guida, appunto, e come l'attivazione del cruise control adattivo, una scelta che abbiamo già visto su altre vetture del marchio e che continua a non convincerci. Il volante è ampio e ha una impugnatura perfetta, il display centrale dell'infotainment è orientato in verticale, il che presenta qualche problema quando colleghiamo il nostro smartphone. Con Android Auto, per esempio, la cartina si orienta in orizzontale, andando a occupare una porzione ridotta dell'intera superficie del grande display. Il climatizzatore automatico sdoppiato funziona senza pecche, e c'è anche la possibilità per chi siede dietro di sfruttare la presa 12V, le due USB, e anche le bocchette dell'aria condizionata. Gli agganci isofix sono facilmente raggiungibili, e nel bagagliaio che offre da 572 a 1681 litri il valore che colpisce è l'altezza di soglia: è bassissima, e offre quindi un facilissimo caricamento degli oggetti, anche quelli più pesanti, anche quelli più ingombranti.

Motori

Non avendo a disposizione un 2.0 litri diesel, dobbiamo rifarci al 1.6 litri qui offerto nella sua declinazione più potente. L'accelerazione da zero a cento c'è, e ferma il crono a 9.3 secondi. C'è pure la velocità di punta significativa, 213 orari, e spazi di frenata minimi che si presentano in emergenza senza che Talisman abbia comportamenti particolarmente strani. Si registra solo, con asfalto bagnato, un minimo alleggerimento al posteriore, facilmente gestibile anche da chi non è un pilota. Il bello è che l'altezza esigua da terra e la taratura delle sospensioni non comporta un eccessivo beccheggio della vettura, che si presenta in regola per i grandi viaggi. L'insonorizzazione, l'affidabilità, la taratura delle sospensioni garantiscono un piacere per chi sta a bordo, non solo per chi guida.

L'unico neo sarà per chi siede dietro, se davanti c'è un watusso che non può andare molto avanti con il sedile causa un disegno della plancia certamente piacevole ma con un pavimento molto alto. Il motore è elastico, e la coppia di 380 Nm già disponibile a 1750 giri parla da sè. La tipicità del diesel si estende pure ai consumi, davvero significativi per risparmio: si percorrono 15 chilometri in città con un litro di gasolio, 18 a limite autostradale, 26 intorno ai 110 orari. Davvero non male. In più, a cambiare pelle alla vettura pensa il selettore delle modalità di guida, che offre cinque possibilità: neutral, comfort, spor, eco, personal, dove si possono gestire svariati parametri. Il fatto che Talisman sia destinata soprattutto ai grandi viaggi ce lo dicono le varie impostazioni delle modalità di guida, che offrono pure l'abbinamento a un massaggio nel sedile in caso di necessità. In più, a cambiare è anche la veste cromatica dell'illuminazione di strumentazione e abitacolo, e pensare che qui non abbiamo nemmeno la Initiale Paris!

Sensazioni di guida (cambio frizione sterzo)

A disposizione su questa motorizzazione abbiamo il cambio automatico doppia frizione a sei rapporti. Non ci sono i paddle sul volante, ma in compenso c'è un comportamento onesto che cambia a seconda della modalità di guida impostata. Lo sterzo non è certamente direttissimo, ma la maneggevolezza della vettura beneficia della presenza del sistema 4 Control, con le ruote sterzanti che si estendono anche a quelle posteriori, con un rapporto 15:1 per un massimo di sterzata di 3.5 gradi. Sembrano pochi, ma in città Renault Talisman si trasforma in un mostro di maneggevolezza: diminuisce il raggio di sterzata, parcheggiare diventa semplicissimo, anche se qui godiamo in realtà del parcheggio automatico perpendicolare, parallelo e a lisca di pesce, guidare diventa facile merito pure del servosterzo che non si indurisce mai così tanto anche quando la velocità aumenta. Il cambio è ben spaziato e sufficiente a portare anche un pizzico di divertimento in modalità sport, quando i passaggi da una marcia all'altra avvengono a soglie più alte, e quando la voce del motore, per la verità non paradisiaca, entra nell'abitacolo.

Sistemi sicurezza attivi

I sistemi di sicurezza destinati alla guida esistono, ma si pone il consueto problema della taratura. Il cruise control si stacca e non porta all'arresto completo della vettura; il sensore dell'angolo cieco è pigro e ti porta comunque a dare un'occhiata per capire se di fianco a te ci sia qualcuno o meno; l'assistente di corsia non è attivo e restituisce solo un fastidioso avviso sonoro che finisci per togliere. In generale, quindi, non manca niente, ma un passaggio ulteriore di crescita sta tutto nella taratura dei sistemi.

Altri optional

C'è praticamente tutto: il climatizzatore automatico, la retrocamera che offre una buona qualità di visualizzazione, i sensori, il parcheggio automatico, i fari full LED e il tetto apribile. Il sistema infotainment è quello di sempre, non ci piace solo il fatto che Android Auto e Car Play siano visualizzati in orizzontale senza quindi godere di una porzione di schermo adeguata. Potremmo rinunciare a qualcosa? No, nemmeno alla tecnologia 4 Control, che si traduce in una spesa di 1.800 euro.

Target, prezzi e conclusioni

Si parte da circa 30.500 euro, e nella nostra versione si toccano i 45.000. A chi è destinata lo abbiamo scritto all'inizio, e restiamo convinti che sia una station wagon capace di accendere l'interesse di un pubblico trasversale.

Pregi e difetti

  • + Consumi + Design
  • - Infotainment - Taratura di alcuni sistemi di sicurezza

Scheda

Motore In prova
Cilindrata: 1.6 turbodiesel
Numero cilindri: 4 in linea
Potenza: 160 cavalli
Coppia: 380 Nm a 1750 giri
Cambio: automatico a 6 rapporti doppia frizione
Trazione: anteriore
Consumo km/litro: 15 in città, 18 a 130, 26 a 110
Emissioni CO2 per km: 120 grammi

Prestazioni:
Velocità Massima: 213 orari
0-100: 9.3 secondi

Misure:
Lunghezza/Larghezza/Altezza in cm: 487/187/147
Passo: 281 centimetri
Bagagliaio: 572-1681 litri
Pneumatici: 18 pollici
Peso: 1615 chilogrammi

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Renault Talisman
Modelli top Renault
Maggiori info
Renault