Live da Budapest

AMG: sportività e performance da 45 anni

-

In occasione della quinta tappa della Superstars, andata in scena all’Hungaroring lo scorso weekend, il marchio AMG ha festeggiato i 45 anni di attività. Nei piani futuri otto nuovi modelli e nessun investimento sui diesel

AMG: sportività e performance da 45 anni

Budapest - Il marchio AMG, storico sviluppatore sportivo delle vetture della Stella, acquisito al 100% nel 2005 dal Gruppo Daimler, ha compiuto 45 anni. Per festeggiare un così importante traguardo Mercedes-Benz Italia ha scelto la cornice dell’Hungaroring, circuito realizzato alla periferia di Budapest, dove lo scorso weekend si è svolta la quinta tappa dell’International Superstars Series, una competizione dedicata a vetture V8 derivate dalla serie, con potenze superiori a 500 CV.

Tra le principali protagoniste della stagione 2012, inaugurata con la gara di Monza svoltasi lo scorso aprile, spicca infatti la Mercedes-Benz C 63 AMG, che è stata scelta da ben quattro team di questo Campionato. Tra questi si fa notare in maniera particolare la CAAL Racing, squadra direttamente supportata dalla divisione italiana della Stella, dove tra l’altro gareggia Vitantonio Liuzzi, ex-pilota di Formula 1 che proprio la scorsa domenica si è reso protagonista di una importante vittoria in Gara 1 e di un secondo posto in Gara 2.

AMG: 45 anni di attività festeggiati all'Hungaroring

Il compleanno della Casa di Affalterbach è stato festeggiato nell’atmosfera unica che solo un circuito durante un weekend di gare sa regalare (insieme alla Superstars, l’Hungaroring ha ospitato anche la Gt Sprint e il Ferrari Challenge), tanto che la conferenza stampa veniva spesso piacevolmente interrotta dal rombo dei V8 impegnati nelle qualifiche del sabato pomeriggio. In occasione dei festeggiamenti è stata svelata anche la prima Mercedes-Benz SLS AMG GT3 commerciliazzata in Italia, che presto scenderà in pista con una potenza di circa 680 CV. 

amg 45 anni hungaroring 4
La prima Mercedes-Benz SLS AMG GT3 venduta in Italia, svelata nel paddok dell'Hungaroring

 

Paolo Lanzoni, Responsabile Comunicazione di Mercedes-Benz Italia, ci ha parlato del valore del marchio AMG e della sua storia, costellata di modelli che hanno segnato in maniera indelebile il mondo dell’automobilismo

1967: in un garage di Burgstall nasce la AMG

Tutto ha inizio nel lontano 1967 quando Hans Werner Aufrecht ed Erhard Melcher, due ingegneri fuoriusciti dalla Mercedes, fondano in un garage di Burgstall, in Germania, l’Azienda che tutt’oggi sviluppa le versioni più estreme della Stella. AMG infatti non è altro che l’acronimo formato dalle iniziali dei due fondatori e da quella di Grossaspach, città natale di Aufrecht.

1971: prima vittoria nelle competizioni

Solo pochi anni dopo, nel 1971 per l’esattezza, arriva già il primo trionfo nel mondo delle competizioni, che porta per la prima volta il marchio AMG sotto i riflettori a livello mondiale. Una Mercedes-Benz SEL sviluppata da AMG con un motore da 6.8 litri, vince la 24 Ore di Spa nella sua categoria, classificandosi addirittura in seconda posizione assoluta.


Da questo momento in avanti il marchio AMG arriverà a farsi conoscere in tutto il mondo, grazie ad una serie di vetture che più di una volta segnarono il passo e anticiparono i tempi, forti di prestazioni assolutamente fuori dal comune.

amg 45 anni hungaroring
Paolo Lanzoni, Responsabile Comunicazione di Mercedes-Benz Italia, affiancato da Vitantonio Liuzzi e dal Responsabile del Team AMG CAAL racing

1983: è il momento della Mercedes-Benz Classe 300 E AMG, “The Hammer”

Nel 1983 arriva la Mercedes-Benz Classe 300 E AMG, ribattezzata dagli americani “The Hammer” (martello) per le sue doti prestazionali assolutamente incredibili per l’epoca, che le permettevano di essere considerata la vettura di serie più veloce al mondo in quel momento, grazie al poderoso propulsore V8 a quattro valvole per cilindro di cui era dotata.

1984: Senna vince al volante di una Mercedes-Benz 190 E 2.3-16

Un’altra tappa importante nella storia del marchio è sicuramente il 1984, quando 20 stelle del motorsport mondiale si sfidano al Nurburgring al volante di una Mercedes-Benz 190 E 2.3-16. Salirà sul gradino più alto del podio un giovanissimo Ayrton Senna, primo a tagliare il traguardo.

Mercedes-Benz CLK GTR. È il 1997

Il 1997 è l’anno dell’incredibile Mercedes-Benz CLK GTR, una vettura estrema, equipaggiata con un V12 capace di produrre 440 kW (quasi 600 CV). È la prima auto da corsa con motore centrale ad essere venduta anche al pubblico, ma sarà anche la vincitrice assoluta del Campionato FIA-GT, conquistando sei primi posti e quattro seconde posizioni in 11 gare.

2001: Mercedes-Benz SL AMG. Rimarrà in produzione per undici anni

È il 2001 invece quando viene presentata la Mercedes-Benz SL 55 AMG, rimasta in produzione per ben undici anni, confermandosi una vettura al vertice della categoria per prestazioni, grazie al suo V8 da 5.4 litri sovralimentato con compressore volumetrico in grado di scaricare al suolo 476 CV a 6.100 giri/min.

amg 45 anni hungaroring 10
Gli interni della Mercedes-Benz SLS AMG GT3. Di originale rimangono solo le bocchette di ventilazione

 

Bisogna aspettare il 2010 invece per vedere nascere la Mercedes-Benz SLS AMG, che rappresenta la prima vettura interamente sviluppata dalla Casa di Affalterbach, che nel frattempo è stata assorbita completamente dal costruttore di Stoccarda.

One Man One Engine

Tutt’oggi AMG si distingue da altri marchi automobilistici non solo per la capacità di sviluppare vetture ultraprestazionali, ma anche per le particolari tecniche di produzione adottate all’interno dello stabilimento. La filosofia del marchio è ben rappresentata dallo slogan “One Man One Engine”: ogni propulsore infatti viene assemblato a mano in circa tre ore da un singolo meccanico, che al termine del processo provvede ad applicare un apposita targhetta con la propria firma al di sopra del coperchio del motore. Il processo di produzione racchiude un mix di artigianalità e di cura per i singoli dettagli veramente difficile da riscontrare in Aziende che presentano gli stessi volumi di mercato fatti registrare da AMG.

I numeri di AMG

Il marchio AMG infatti, nonostante continui ad applicare metodi costruttivi più simili alla produzione in piccola scala, può vantare numeri di tutto rispetto. Nel 2011 la Casa di Affalterbach ha commercializzato nel mondo 20.000 vetture, di cui 227 in Italia. Nel nostro Paese il 50% dei clienti scegli addirittura le versioni ancora più prestazionali della gamma Performance. La C 63 AMG si conferma la vettura più venduta più venduta della gamma nel mondo, mentre anche l’Italia ha saputo rivelarsi un mercato interessante con 172 SLS vendute nel 2010.

Il processo di produzione racchiude un mix di artigianalità e di cura per i singoli dettagli veramente difficile da riscontrare in Aziende che presentano gli stessi volumi di mercato fatti registrare da AMG

AMG Performance 50

Il marchio AMG ha in ogni caso grandi progetti per il futuro. La Casa di Affalterbach infatti intende ampliare ulteriormente la propria gamma di modelli, sebbene quella attuale si dimostri già molto ricca, dal momento che offre ben 22 vetture, dal SUV alla Roadster, dalla Station alla berlina, passando per la coupé. La strategia AMG Performance 50 prevede il lancio entro 5 anni di 8 modelli completamente nuovi: si tratterà quasi sicuramente delle varianti sportive di Classe A, CLA (baby CLS), CLS Shooting Brake, e di un probabile nuovo SUV compatto, che si posizionerà al di sotto della GLK, mentre gli altri modelli rimangono totalmente sconosciuti.


Il piano AMG Performance 50 prevede inoltre l’incremento della produzione entro cinque anni dalle attuali 20.000 unità fino a 30.000 unità all’anno, puntando sui nuovi modelli che entreranno gradualmente a far parte della gamma, che presto si arricchirà della tanto attesa Classe A 45 AMG a trazione integrale e della nuova SLS AMG GT.

amg teaser otto nuovi modelli
Il marchio AMG si prepara a lanciare otto nuovi modelli nei prossimi cinque anni

Niente diesel per AMG

Una cosa comunque è certa: la Casa di Affalterbach non è interessata a sviluppare propulsori diesel performanti, a differenza di quanto fatto recentemente per esempio da BMW con la gamma M Performance dotata di motori triturbo a gasolio da 313 CV.


Dopo l’esperienza della C 30 AMG CDI (W203) di alcuni anni fa, il brand sportivo tedesco non intende più investire risorse sui propulsori diesel, dal momento che preferisce concentrarsi sull’ottimizzazione degli attuali motori a benzina. La scelta è motivata anche dal fatto che gran parte delle vetture firmate AMG vengono commercializzate negli Stati Uniti, dove è risaputo che i diesel non sono molto apprezzati, visto il prezzo ancora molto competitivo della verde.

AMG: la competizione nel DNA

Il marchio AMG è da molti anni presente con le sue vetture nei principali campionati del motorsport internazionale. Dal 1988, anno dell’esordio nel Campionato Europeo di Turismo (DTM), il brand del Gruppo Daimler ha disputato 30 campionati, ottenendo complessivamente 100 pole position, 9 titoli piloti e 12 costruttori.

amg 45 anni hungaroring 15
AMG partecipa da diversi anni ai principali campionati del motorsport internazionale

 

Ricordiamo infine che la Casa di Affalterbach è presente anche nel Campionato di Formula 1 con il Team Mercedes-AMG Petronas, che quest’anno si è segnalato per la vittoria di Roseberg in Cina e per il terzo posto di Schumacher ottenuto durante lo scorso Gran Premio di Valencia.

Nella Superstars 2012 invece AMG con il Team CAAL Racing è attualmente in lista per vincere la stagione, grazie a Tonio Liuzzi attualmente primo nella classifica generale piloti.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Modelli top Mercedes-Benz