novità

Peugeot Rifter 2018 | tanto spazio e versatilità [Video]

MPV con guidabilità da SUV che si propone in versione diesel e benzina, con 5 o 7 posti e tanto spazio per accontentare le esigenze di un pubblico variegato

È l’erede del Partner che dopo 1 milione di veicoli venduti ha spinto il costruttore francese a puntare forte sul segmento multispazio. Adotta appunto un piattaforma condivisa anche da Citroen e Opel (EMP2) e si propone da subito in due lunghezze, 4,40 m o 4,75 m,  con 5 o 7 posti. Ampissima la possibilità di gestire lo spazio a bordo grazie ai parecchi vani porta oggetti e anche ben dotato e rifinito, visto che stavolta la casa voleva andare incontro anche al pubblico dei SUV. Votato al trasporto, da buon MPV, ma equipaggiato con i-cockpit e alla ricerca di un punto di rottura con il passato, con questo nome breve d’ispirazione outdoor. 

Pratico, semplice e intuitivo
Pratico, semplice e intuitivo

Dal vivo: com'è fuori 

La sostanza vede un design esterno abbastanza compatto, pulito ma anche personale, che riprende il family feeling del resto della gamma. È largo 1,84 m e alto 1,87, il che consente anche ai più alti di sedersi comodamente nell'ultima fila. La calandra è verticale e il cofano corto e orizzontale, luce a terra di 18 cm lo rende anche adatto a qualche escursione non troppo estrema, data anche la presenza dell'Advanced Grip Control. Le barre del tetto sono d’obbligo. Dietro ovviamente ampio portello con apertura modulare che permette di accedere anche dal lunotto e luci a tre artigli. I cerchi sono fino a 17’’ ma soprattutto a differenza dei molti SUV fighetti che non si volgiono sporcare troppo, qui si notano maggiore altezza dal suolo, protezioni sottoporta, sottoscocca, protezioni passaruota e paraurti. I 35 centimetri in più della versione long sono ricavati tra passo e carrozzeria per cercare di non snaturare il design.

Facile da guidare fin da subito è morbido ma non molle
Facile da guidare fin da subito è morbido ma non molle

Dal vivo: com'è dentro

L'i-Cockpit arriva anche su questo modello (oltre 4 milioni le vetture vendute con questa feature) ed è presente in bella mostra, per un abitacolo moderno ed equilibrato per un’autovettura francese. Gli indicatori di velocità e giri sono ancora anologici, seppur con un design abbastanza moderno. Le plastiche non restituiscono una sensazione premium ma fanno percepire un ambiente ben costruito e un assemblaggio generale particolarmente solido e robustuo. il tetto Zenith aiuta a mantenere illuminato l'abitacolo e i sedili posteriori sono singole e frazionabili. Per quanto riguarda l'infotainment c'è un touchscreen capacitivo da 8” e volendo Head up Display. Tornando allo spazio non mancano invece i molti vani porta oggetti disseminati ovunque e poi c'è Il vano bagagli che passa da 775 (filo cappelliera, 1555 filo cielo vettura) fino a 4000 litri nella variante Long, (3000 per quella da 4,40 m). Notevole la lunghezza di carico che arrivo a 3,05 m se abbattiamo lo schienale del primo passeggero.

Seconda casa? Quasi...
Seconda casa? Quasi...

Dal vivo: come si guida

il nuovo Peugeot Rifter è disponibile anche in versione GT Line, con: profilo calandra, retrovisori, barre del tetto e inserti nelle modanature laterali in nero; volante in pelle, dettagli plancia verniciati, Tessuto Casual e fondo contatori con un motivo a scacchi. Nel corso del 2019 è lecito aspettarsi anche una variante con trazione integrale. Per adesso ci sono un benzina 1.2 da 130 CV e un gasolio 1.5 con potenze da 75, 100, 130 CV. Al volante si dimostra prevedibile e sincero, per niente difficile da portare a spasso per le viuzze di un centro città o per le stradine di montagna un po' dissestate, grazie alla presenza del sistema che regola l'afflusso di coppia sull'anteriore. Il volante connette bene e anche se il peso non è dei migliori vi permette di avere sempre sotto controllo la situazione. Brilla invece il cambio, l'AT8 anche in questo caso si dimostra molto bilanciato e molto reattivo nella modalità manuale, dandovi la possibilità di avere sempre la marcia che desiderate in ogni momento. buoni anche i freni che devono fare i conti con un peso comunque considerevole. La dinamica non è quindi male, non a livello di una 3008 per ovvie ragioni tecniche, ma se guidato con criterio è molto comodo anche per i lunghi viaggi. 

In conclusione:

L'anima da MPV resta, ma viene affiancata da tratti e comportamento da auto di tutti i giorni. Ottima per la famiglia e anche per i lavori non troppo impegnativi. Rimane il mezzo perfetto per tutte quelle persone con una passione 'ingombrante' a livello di mezzi (ciclisti, surfisti, cinofili ecc). Il prezzo parte da 21.000 Euro e può arrivare fino ai 25.000 della versione GT-Line con il diesel da 130 CV e il cambio automatico EAT8. 

 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Peugeot Partner Telaio
Maggiori info
Peugeot