Test drive

Audi e-tron Sportback: più autonomia, con gli specchi virtuali [Video]

-

350-400 chilometri grazie alla batteria da 95 kWh. Specchietti virtuali a ridisegnare questo SUV completamente elettrico

Se è vero che peso e velocità sono nemici dell'elettrico, è anche vero che l'evoluzione non può fermarsi a modelli piccoli e bassi ma anzi ha bisogno di un po' di coraggio per arrivare alla creazione di vetture capaci di offirre grande abitabilità e performance sopra la media. In quest'ottica nasce la nuova Audi e-tron Sportback, derivazione con posteriore coupè di Audi e-tron che fa bella mostra di sè con un'immagine imponente e insieme sinuosa.

Se il comparto anteriore è del tutto simile alla sorella arrivata prima, è il montante C a cambiare, per favorire l'aerodinamica ad alte velocità. Parliamo di un SUV completamente elettrico da quattro metri e 90, altro uno e 62, largo uno e 94, con un passo molto generoso e utile per decretare un'abitabilità fino a cinque persone, con un bagagliaio che perde solo un filo in altezza complice il disegno di un posteriore che rimane comunque molto molto alto. Anche per questo, è come sempre la tecnologia a soccorrere l'utilizzatore finale, in un ambito di optional molto profondo e tipico per il marchio.

A stupire, però, sono soprattutto gli specchietti virtuali. Da tempo i designer e gli ingegneri di tutto l'universo automotive combattono due nemici dell'aerodinamica: i tergicristalli e gli specchietti. Se i tergicristalli sono stati nascosti tutto sommato nel cofano, almeno come posizione di riposo, gli specchietti rimangono ancora una sfida. Audi cerca di vincerla con delle piccole telecamere che compaiono dalla carrozzeria e che ovviamente occupano una superficie inferiore rispetto allo specchio. Vantaggio, quindi, in ambito aerodinamico ma necessaria fase di studio e abitudine per ciò che riguarda il driver, che si trova due piccoli monitor all'interno dell'abitacolo, sulla linea visiva degli specchietti, ma che viene spiazzato almeno inizialmente dalla mancanza di profondità.

Poco male, perché bastano un paio di giorni per guardare nel posto giusto. Semmai il problema è in manovra, ma lì ci soccorre la telecamera a 360 gradi, come sempre molto molto definita. Lo spazio a bordo è moltissimo, e la qualità costruttiva oltre all'assemblaggio è pressoché perfetta. Non ci sono plastiche con giochetti strani, e non c'è un atteggiamento che ti faccia sentire più di tanto il peso di questa e-tron Sportback. Come sempre la tecnologia è Audi: gli ADAS sono tarati alla perfezione, il selettore delle modalità di guida cambia in misura tangibile l'atteggiamento della vettura, che si bea pure delle sospensioni ad aria.

Come va

La nostra versione è la 55, che offre 215 CV, 663 Nm di coppia massima (tradotto: un missile) e soprattutto 350-400 chilometri di autonomia. Sul misto e in autostrada siamo in media da un punto di vista di efficienza, e la batteria da 95 kWh, complice anche l'ottimizzazione dei software, rende e-tron Sportback più appetibile della e-tron normale. Si carica a un massimo di 22 kW in trifase mentre in monofase arriviamo a 150kW tramite Ionity, con una curva di ricarica molto piatta fino all'80%. Come sempre anche qui c'è possibilità di limitare la carica proprio per preservare la batteria, e a livello prestazionale abbiamo un pedigree da 6.6 secondi sullo 0-100 e 200 chilometri orari in termini di velocità massima.

L'auto si abbassa e si alza a seconda delle nostre esigenze, e la trazione integrale ci consente anche passaggi in fuoristrada. Chiaramente non è un fuoristrada, ma si toglie più di una soddisfazione in offroad così come in ambito stradale. L'accelerazione da fermi è uno sparo, tanto che bisogna fare attenzione alla potenza che si ha tra le mani. La disposizione dei comandi è quella di sempre, con la plancia multi livello e il selettore delle modalità di guida facilmente raggiungibile proprio come l'adattabilità delle sospensioni pneumatiche. Il trasferimento dei carichi si sente solo in città, mentre ad alte andatura e-tron Sportback si acquatta diventando un tutt'uno con l'asfalto. 

Conclusioni

La 50, proprio per l'autonomia, rimane in secondo piano rispetto a questa 55, decisamente più interessante nella versione Sportback rispetto a quella normale. Si parte da 88.000 euro, ma l'elenco optional è molto molto profondo. La nostra costa 105.000 euro, ma semplicemente perché non le manca proprio nulla. È troppo presto per puntare su una full electric di Audi? Forse sì, forse no, dipende sempre dall'ambito di utilizzo che intendete farne. Fa piacere, però, avere tra la rosa di possibilità (al netto delle chance del portafoglio) anche un'elettrica premium. E in ambito premium, Audi sale sicuramente sul podio. 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Audi e-tron Sportback
Modelli top Audi
Maggiori info
Audi
  • VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.P.A. Viale G.R. Gumpert, 1
    37137 Verona (VR) - Italia
    800 283 454 63   http://www.audi.it