Primo test

Porsche 718 Cayman GTS: bella fuori, cattiva dentro [Video]

-

Abbiamo provato la nuova 718 Cayman nella versione più performante, la GTS: boxer turbo da 365 CV, interni in alcantara e prestazioni di guida da urlo. Volete sapere come va? Guardate il video

È la più piccola della famiglia, ma non va sottovalutata. La nuova 718 Cayman è una Porsche di razza e, nella versione GTS, le sue potenzialità emergono all’ennesima potenza: look elegante e aggressivo degno di una sportiva. L’abbiamo messa alla prova sulle magnifiche strade della Sardegna dove abbiamo potuto spremerla (quasi) fino in fondo per apprezzarne le qualità. Ecco come si comporta su strada la Porsche 718 Cayman GTS, sia con il cambio manuale che con il PDK doppia frizione.

Dal vivo: com’è fuori

Esteticamente, i tecnici tedeschi non hanno stravolto la vettura rispetto alla versione standard: il paraurti anteriore è più squadrato, con le prese d’aria laterali maggiorate dove risaltano i radiatori, e il fondo dei fari è in nero (dettaglio che incrementa l’aspetto sportivo della Cayman). Linee generali di una vera Porsche con la classica firma del modello sulla parte posteriore tra le due luci. Dietro ai cerchi da 20” (con gomme anteriori 235/35 e posteriori 265/35) si nascondono pinze monoblocco a 4 pistoncini; e, come optional, c’è la possibilità di montare i dischi carboceramici con pinze anteriori a 6 pistoncini!

Una lunghezza di 4,39 m, una larghezza di 1,80 m e un passo di 2,47 m, queste le dimensioni della nuova Cayman GTS che ferma la lancetta a quota 1480 kg con il cambio PDK (30 kg in meno con il manuale). Porsche ha giocato anche con l’assetto: ben 10 mm in meno rispetto alla versione S, con la possibilità di scendere di altri 10 mm modificando la mappatura.

Inoltre, c’è anche una ricca gamma di colori per personalizzare la 718 Cayman. Ci sbilanciamo: ci siamo innamorati della tinta Miami Blue, corsaiola il giusto per farsi notare senza risultare troppo eccessiva.

  • Potenza massima 365 CV
  • Coppia massima 430 Nm
  • N° cilindri 4 boxer
  • Peso 1480 kg
  • Velocità massima 290 km/h

Dal vivo: com’è dentro

Grosse novità sotto la scocca per la GTS: dietro ai sedili si nasconde il motore 4 cilindri boxer 2.5 turbo da ben 365 CV (a 6500 giri/min) e 430 Nm di coppia (compresa tra i 1900 giri/min e i 5000 giri/min). Il turbo a geometria variabile arriva a una pressione di 1,3 bar, 0,2 bar in più rispetto alla Cayman S, e garantisce un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,1 s con una velocità massima di 290 km/h.

Aggiornamenti importanti anche per la zona dell’abitacolo: l’alcantara riveste il tetto, il volante e i sedili che hanno un tocco ancora più racing. Ci piace un sacco la zona cockpit: spicca al centro il contagiri analogico con il conta-marce digitale, sul lato di sinistra il tachimetro anch’esso analogico, e a destra un piccolo display con fornisce i dati di bordo della vettura e le indicazioni del navigatore. Non manca al centro della plancia uno schermo da 7” touchscreen. Molto interessante la scelta di non mettere pulsanti sul volante, che ha un aspetto più leggero, da vera auto da corsa.

Dal vivo: come va

Seduti a bordo di una sportiva come la 718 Cayman GTS come si fa a non aprire gli scarichi, alzare lo spoiler e godersi il sound del boxer che pulsa dietro le proprie spalle. La seduta è personalizzabile elettronicamente al 100%: i sedili non sono troppo rasoterra e avvolgono bene chi è a bordo, ma c’è anche tanto spazio per le gambe, la testa e le braccia. Ready, set, go: arrivata la strada tutto curve abbiamo potuto apprezzare il potenziale di questa Porsche: che telaio e che assetto! Il volante è sostenuto e permette di controllare al meglio la vettura, che risponde con prontezza in ogni situazione. In inserimento è precisissima e in percorrenza è una vera lama, stabile e veloce. Abbiamo provato sia la mappa Sport che la Sport Plus, ancora più rigida: in un contesto stradale la prima assorbe meglio le asperità dell’asfalto e garantisce una maggior precisione di guida.

Quando di preme sul pedale destro, il motore da 2.497 cc prende giri con grinta ed emette un sound accattivante che riempie l’abitacolo. La coppia tira fuori dalle curve a partire dai 2000 giri/min e la lancetta arriva a 7.500 giri/min con un’erogazione molto lineare. La nuova Cayman GTS spinge veramente forte senza però mettere in difficoltà chi è alla guida, che si traduce in più divertimento e più sicurezza di chi è a bordo! Ma la vera domanda è: manuale o PDK? Porsche ci ha permesso di provare i due cambi, ma il dilemma è rimasto irrisolto. Con il cambio manuale a 6 rapporti si è più presi dal momento, frizione, scalate, rilascio graduale… si diventa un tutt’uno con l’auto e il piacere di guida è garantito (c’è anche la doppietta automatica). Con il PDK a doppia frizione e 7 rapporti, invece, sembra di essere su una vera auto da corsa: preciso e veloce, si buttano e si tolgono marce senza esitare. Una vera goduria, si pensa solo alla strada davanti a sé e a dare gas.

Anche l’impianto frenante è degno di nota: preciso, potente e modulabile. Quello standard è un po’ più limitato quando si tira la vettura per tanto tempo, mentre quello con i dischi carboceramici e le pinze maggiorate non perde un colpo: il mordente è cattivissimo nella prima parte di corsa, aspetto molto apprezzabile quando si guida forte, ma poco delicati in un utilizzo normale.

La cosa che più ci è piaciuta della Porsche 718 Cayman GTS è la sua doppia faccia: spostando la rotellina sul volante sulla mappatura normale, il sound degli scarichi viene filtrato e diventa un’auto da usare tranquillamente per andare al lavoro. Inoltre, dopo ore di guida siamo scesi per nulla affaticati, merito dell’ottimo lavoro dei tecnici della Casa di Stoccarda sull’imbottitura dei sedili, che riescono ad essere corsaioli e confortevoli allo stesso tempo.

Conclusioni

La sigla GTS sta a indicare la versione più performante della gamma 718 Cayman, ma la vettura che abbiamo provato è un vero mix di sportività, comfort e stile. Proprio come una vera Porsche, non le manca nulla. Un vero gioiello già disponibile nelle concessionarie della Casa di Stoccarda, il prezzo parte da 79.494 euro. Insomma, una bella cifra, ma stiamo parlando di una Porsche in grado di regalare forti emozioni e grandi sorrisi!

Pregi e difetti

  • Assetto sportivo | Erogazione motore | Comfort
  • Visibilità posteriore

 

  • ilanp, Povegliano (TV)

    bellissima, ma ancora mi sembra troppo strano l'uso di un 4 cilindri su una macchina del genere
Inserisci il tuo commento
Altri su Porsche 718 Coupé
Maggiori info
Porsche