imposte auto

Il governo rivede l’ecotassa: bonus confermato e malus si paga solo per auto di lusso

-

Ecobonus fino a seimila euro per le auto elettrificate o a basse emissioni, ma l’imposta aggiuntiva peserà solo per certi SUV e auto di lusso, non per piccole utilitarie

Il governo rivede l’ecotassa: bonus confermato e malus si paga solo per auto di lusso

Alla fine, come norma per una negoziazione politica, arriva l’accordo che media i vari fronti e pone norme che cercano di accontentare tutti. L'ecotassa 2019 di cui tanto si parla sarà solo per le immatricolazioni di nuove auto "di lusso", anche se dobbiamo ancora capire bene, leggendo nero su bianco, quali e con che metodo si misurerà tale appartenenza (senza creare ancora disparità di trattamento).

Di certo, dicono da Roma, la nuova tassa che disincentiva l'acquisto di auto "troppo inquinanti" rimane, escludendo però quelle vetture di piccola cilindrata tanto amate dagli italiani, come la Fiat Panda tirata in ballo da tutti, quale esemplio in netto contrasto alle lussuose Tesla elettriche, incentivate dal Bonus. Una prima ipotesi scaturita dalla notte di lavoro a palazzo Chigi, sembra quella che siano stati alzati i valori di emissione tassata, ovvero +20 unità rispetto alle precedenti fasce, in modo da riposizionare verso l'alto segmenti e gamma di auto gravate dal Malus emissioni. Teoricamente quindi, il tutto si sposterebbe verso chi acquisti modelli endotermici di maggior cilindrata e consumo, a partire dai 130 g/Km di CO2 dichiarato in sede di omologazione.

Confermato invece il bonus variaible, fino a seimila euro, per le auto con minori emissioni, prevalentemente ibride ed elettriche, ma anche alcune a gas, se i valori resteranno quelli della prima ipotesi di Ecotassa 2019 divulgata.

Sempre dalle nuove correzioni alla manovra finanziaria, pare potranno uscire incentivi all’installazione di colonnine ricarica per auto elettriche sul territorio. La rete di ricarica veloce, necessaria infrastruttra per avere auto elettrificate in strada, funzionanti e sostitute di auto endotermiche, rimane uno dei maggiori limiti alla loro diffusione, adesso che i prezzi di accesso saranno anche sotto i ventimila euro (es. Smart).

La tanto amata Fiat Panda, in tutte le sue varianti, non dovrebbe essere gravata da nuove tasse
La tanto amata Fiat Panda, in tutte le sue varianti, non dovrebbe essere gravata da nuove tasse

Commenti a caldo

Gli enti che si ergono a portavoce di Case e filiera automobilistica in Italia, non sembrano soddisfatti dell’aggiornamento sull’Ecotassa proposto oggi dal governo. "Ricorda il superbollo, andrebbe rinviata al 2020” dicono Anfia, Federauto e Unrae, che non vorrebbero alcun tipo di tassa su nessuna vettura da immatricolare.

Le stime da parte del fronte contrario dicono che con queste misure, le entrate dello Stato, che per i veicoli venduti nel 2017 erano di 9,4 miliardi (Iva e Ipt), potrebbero scendere anziché salire.

  • DocAlchemist, Milano (MI)

    Come primaaaa….più di primaaaaa...tasserò… (la cantava Tony Dallara, la musica anni 60!)
    Vogliono distruggere il mercato dell'auto e aiutare FCA per arretratezza ed il successo dei marchi tedeschi?
  • daniel341

    ma ancora a tassare le auto di lusso gia si paga bollo e super bollo ma cosa volete il sangue... vergogna!
Inserisci il tuo commento